Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

http://cadutisullavoro.blogspot.it/

Independent Observatory of Bologna who died on the job

Bologneser Unabhängige Beobachtungsstelle für die Toten bei der Arbeit

L'Osservatorio ha tantissimi visitatori statunitensi e tedeschi ed è per questo che lo presentiamo anche nelle loro lingue

Presentazione osservatorio

Fondato dal metalmeccanico in pensione e pittore Carlo Soricelli è attivo dal 1° gennaio 2008 in ricordo di Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, Giuseppe Demani. Sono i sette giovani operai della ThyssenKrupp di Torino, morti nella notte del 5/6 dicembre 2007. Dall'Osservatorio sono registrati e archiviati in appositi file i morti sui luoghi di lavoro del 2008/2009/2010/2011/2012/2013/2014/2015

per contatti carlo.soricelli@gmail.com

Morti sui luoghi di lavoro nel 2015

Morti sul lavoro nel 2015

4 luglio

Dall’inizio dell’anno sono morti sui luoghi di lavoro 302 lavoratori, con le morti sulle strade e in itinere si superano i 620 morti complessivi (stima minima) . Occorre tenere presente che nelle statistiche delle morti sul lavoro lo Stato considera morti sul lavoro anche i lavoratori che muoiono sulle strade e in itinere e che tantissime categorie come per esempio le Partite Iva Individuali, Vigili del Fuoco, Poliziotti, Carabinieri, lavoratori in nero e tanti altri non rientrano nelle statistiche ufficiali. Sta a noi che svolgiamo un lavoro volontario fare conoscere anche questo aspetto ai cittadini italiani. TENIAMO SEMPRE PRESENTE QUESTO ASPETTO QUANDO PARLIAMO DI QUESTE TRAGEDIE CHE SI TENDONO SEMPRE A SOTTOVALUTARE.

Morti per infortuni sui luoghi di lavoro per regione e provincia per ordine decrescente delle morti.

Lombardia (35) Milano (7), Bergamo (3), Brescia (10), Como (2) , Cremona (1), Lecco 0, Lodi (1), Mantova , Monza (2) , Brianza, Pavia (4), Sondrio (1), Varese (3) . Toscana (34) Firenze (3) , Arezzo (3) , Grosseto (7) , Livorno (3), Lucca (3), Massa Carrara (4) , Pisa (4), Pistoia (2) , Siena (1) Prato (4). Veneto (29) Venezia (1), Belluno (2) , Padova (4), Rovigo (4), Treviso (4) , Verona (5), Vicenza (9). Campania (23) Napoli (8), Avellino (2), Benevento (2), Caserta (2), Salerno (9). Sicilia (21) Palermo (7), Agrigento (1), Caltanissetta (1), Catania (2) , Enna , Messina (3), Ragusa (2) , Siracusa (1) , Trapani (4). Lazio (20) Roma (6) Frosinone (6) , Latina (1) , Rieti (1), Viterbo (6). Piemonte (17) Torino (5), Alessandria (4), Asti (2), Biella (1) , Cuneo (3), Novara (1) , Verbano-Cusio-Ossola (1) , Vercelli. Emilia-Romagna (16) Bologna (3) . Forlì-Cesena (1) , Ferrara (1) , Modena (4) , Parma , Piacenza (2) , Ravenna (2), Reggio Emilia (2), Rimini (1). Liguria (10) Genova (3) , Imperia (2) , La Spezia (3) , Savona (2). Marche (10) Ancona (4), Macerata (1), Fermo (1) , Pesaro-Urbino (2), Ascoli Piceno (2) . Abruzzo (12) L'Aquila (4), Chieti (4), Pescara, Teramo(4). Umbria (8) Perugia (6) Terni (2). Trentino-Alto Adige (9 )Trento (4), Bolzano (5). Puglia (7) Bari , BAT (1) , Brindisi (2) , Foggia , Lecce (2), Taranto (2) Friuli-Venezia Giulia (6) Trieste , Gorizia , Pordenone (4) , Udine (2). Basilicata (4 ) Potenza (2) Matera (2) Calabria (4) Catanzaro (2) , Cosenza (1), Crotone , Reggio Calabria (1) , Vibo Valentia . Sardegna (5) Cagliari (2), Carbonia-Iglesias (1) , Medio Campisano (2), Nuoro , Ogliastra , Olbia-Tempio, Oristano , Sassari. Molise (3) Campobasso (2), Isernia (1). Valle D’Aosta ( ). I lavoratori morti sulle autostrade, all’estero e in mare non sono segnalati a carico delle province.

CIRCOLANO IN RETE DEI DATI DEI MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO CHE GENERANO SOLO CONFUSIONE E NON HANNO NESSUNA ATTINENZA CON LA REALTA’. NOI LI MONITORIAMO OGNI GIORNO E NON TEMIAMO SMENTITE. IL NOSTRO E’ UN LAVORO VOLONTARIO E IN TOTALE AUTONOMIA DA TUTTI, NON LAVORIAMO NEL SETTORE DELLA SICUREZZA E MAI ABBIAMO PRESO SOLDI DA NESSUNO. LO SVOLGIAMO DA 8 ANNI PER PRIMI IN ITALIA PER FAR COMPRENDERE LA VERA DIMENSIONE COMPLESSIVA DI QUESTE TRAGEDIE.

Flavio Insinna recita la poesia "morti bianche" su radio 2






Translate (traduci nella tua lingua)

L'Osservatorio Indipendente di Bologna è su Facebook

Osservatorio indipendente di Bologna Facebook

Diventa amico, clicca "mi piace" dai il tuo contributo per far comprendere l'entità del triste fenomeno e fallo conoscere ai tuoi amici. Segnala l'Osservatorio indipendente di Bologna sulla tua pagina di Facebook

http://www.facebook.com/osservatorioindipendente?v=wall

Twitter

https://twitter.com/@pittorecarlosor

Carlo Soricelli facebook

http://www.facebook.com/profile.php?id=1122566828


Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.

Interrogazione parlamentare dell'Onorevole Alfonso Bonafede del Movimento 5 Stelle

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELL’ONOREVOLE ALFONSO BONAFEDE DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE SULLE MORTI IN AGRICOLTURA E DEGLI AGRICOLTORI SCHIACCIATI DAL TRATTORE L'Onorevole Alfonso Bonafede ha presentato alla Camera dei Deputati, un'interrogazione parlamentare al Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali e al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sui morti sul lavoro e più specificatamente sugli agricoltori schiacciati dal trattore. Grazie Onorevole Bonafede.
ATTO CAMERA
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/09455
Dati di presentazione dell'atto

Legislatura: 17
Seduta di annuncio: 441 del 12/06/2015

Firmatari

Primo firmatario: BONAFEDE ALFONSO
Gruppo: MOVIMENTO 5 STELLE
Data firma: 12/06/2015

Destinatari

Ministero destinatario:

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI delegato in data 12/06/2015

Stato iter: IN CORSO
Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09455
presentato da
BONAFEDE Alfonso
testo di
Venerdì 12 giugno 2015, seduta n. 441

BONAFEDE. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali . — Per sapere – premesso che:
secondo i dati rilevati dall'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro, sono 252 i morti sui luoghi di lavoro nei primi cinque mesi del 2015, mentre, nel solo mese di maggio, si sono registrati 56 decessi dei quali 23 relativi ad agricoltori schiacciati da trattori e 3 morti mediante motozappa;
per la detta categoria, gli incidenti mortali, con i dati di maggio, in totale dall'inizio dell'anno sono 54, facendo così lievitare, per il 2015 – l'anno di EXPO dedicato all'agricoltura – al 34 per cento i morti nel comparto agricolo sul totale nazionale, ricordando che durante l'intero 2014 i morti schiacciati da trattori furono ben 152;
il 28 febbraio del 2014, il citato Osservatorio chiese ufficialmente, senza riscontro alcuno, ai Ministri interrogati, nonché al Presidente del Consiglio, di realizzare una campagna informativa sulla pericolosità nell'utilizzo dei mezzi agricoli come contributo di solidarietà nei confronti di questa categoria di lavoratori; e che identica sollecitazione è stata proposta sia nel febbraio che nel maggio 2015;
in assenza di specifiche iniziative istituzionali al riguardo, anche in relazione ai i recenti eventi luttuosi verificatisi in gran numero in Toscana, l'agenzia formativa del Cipa-At di Grosseto, la Cia, l'Istituto Leopoldo II di Lorena, assieme a Confagricoltura, Asl, Inail e ad uno sponsor privato, produttore di macchine agricole, con un format pubblico/privato, hanno recentemente istituito un corso di formazione per il rilascio dell'abilitazione all'uso del trattore agricolo rivolto ad un ristretto numero di studenti, quale possibile «esperienza pilota» a livello nazionale;
se, possano indicare quali misure abbiano implementato nell'ambito delle proprie rispettive competenze dal loro insediamento posto che l'interrogante ritiene che, nonostante specifici appelli provenienti da organismi indipendenti, i Ministri interrogati abbiano sottovalutato il problema delle vittime occorse durante l'utilizzo delle macchine agricole;
se posto che, nell'ambito delle morti bianche, la delineata situazione rappresenta un'emergenza cui fare fronte non ritengano necessario porre in essere appositi interventi di comunicazione mirata sui fattori di rischio anche attraverso esperienze di formazione presso i più giovani, e se, possano dire quali ulteriori misure tecniche siano da adottarsi per garantire la sicurezza dei conducenti delle macchine agricole, senza tuttavia operare aggravi di tipo economico a carico degli stessi agricoltori. (4-09455)

Trattore ribaltato

Trattore ribaltato
Ministro Martina dica qualcosa su questa carneficina. Continua inarrestabile la strage di agricoltori schiacciati dal trattore. Sono già 37 dal 1° maggio Festa dei Lavoratori e inaugurazione dell’EXPO che “nutre il pianeta”. Sono 67 dall’inizio dell’anno. Nel 2014 sono stati schiacciati dal trattore 152 lavoratori e 142 da quando l’Osservatorio che dirigo le ha mandato una mail il 28 febbraio 2014 per avvertirla, come del resto ho fatto con Renzi e Poletti dell’imminente strage che puntualmente si è verificata. Lo stesso è stato fatto nel febbraio 2015. Il risultato è lo stesso: la Sua indifferenza e quella di Renzi e Poletti. La vita di questi lavoratori non vale neppure un twitter? Eppure la vediamo tutti i giorni in televisione. Su se ne occupi finalmente, Lei è il Ministro delle Politiche Agricole se lo ricordi e la vita di chi lavora la terra dovrebbe essere per Lei fondamentale. Questo post sarà continuamente aggiornato fino a quando non la vedremo spendere una parola su queste vittime che si potrebbero dimezzare se solo ci fosse un’informazione corretta e attenta. Carlo Soricelli