morti sul lavoro

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

L’unico sito in Italia che monitora in tempo reale i morti sul lavoro, attivo dal 1° gennaio 2008

Curatore Carlo Soricelli metalmeccanico in pensione e pittore da 50 anni

Su Facebook

https://www.facebook.com/carlo.soricelli

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

https://www.instagram.com/pittorepranico/channel/?hl=it

In questi 12 anni di monitoraggio dell’Osservatorio sono morti oltre 17000 lavoratori senza vedere le istituzioni e la politica fare qualcosa contro questa strage

17 ottobre 2019

Dall'inizio dell’anno sono morti 1158 lavoratori (compresi i morti sulle strade e in itinere) di questi 574 sui luoghi di lavoro. Dal 10 settembre giorno d’insediamento del nuovo governo ci sono già stati 78 morti sui luoghi di lavoro (188 con i morti sulle strade e in itinere): sono 21 gli schiacciati dal trattore con la Ministra Teresa Bellanava a guida delle Politiche Agricole. 125 sono stati schiacciati da questo mezzo dall’inizio dell’anno. N.B I dieci lavoratori morti nella tragedia aerea in Etiopia non sono conteggiati come morti sui luoghi di lavoro

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima

MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO nelle Regioni e Province sono esclusi i morti in itinere e sulle strade, tenete presente che i morti in itinere e sulle strade sono almeno altrettanti ripsetto a quelli segnalati qui sotto nelle Regioni e Province. Ma noi preferiamo tenerli separati perché richiedono altri interventi, che sono diversi da quelli delle morti sui Luoghi di Lavoro

Lombardia 80 Milano (12), Bergamo (12), Brescia (13), Como (8), Cremona (5), Lecco (3), Lodi (2), Mantova (6), Monza Brianza (10), Pavia (6), Sondrio (1), Varese (4) CAMPANIA 56 Napoli (13), Avellino (15), Benevento (6), Caserta (11), Salerno (11). LAZIO 42 Roma (22), Viterbo (5) Frosinone (9) Latina (3) Rieti (3) SICILIA 39 Palermo (12), Agrigento (7), Caltanissetta (1), Catania (6), Enna (), Messina (3), Ragusa (2), Siracusa (3), Trapani‎ (5) PIEMONTE 38Torino (13), Alessandria (8), Asti (2), Biella (), Cuneo (10),Novara (5), Verbano-Cusio-Ossola () Vercelli ) EMILIA ROMAGNA 38 Bologna (9), Rimini (2). Ferrara (2) Forlì Cesena (2) Modena (3) Parma (7) Ravenna (3) Reggio Emilia (5) Piacenza (5). VENETO 35 Venezia (3), Belluno (3), Padova‎ (3), Rovigo (2), Treviso (4), Verona (14), Vicenza (6) ) TOSCANA 31 Firenze (3), Arezzo (3), Grosseto (7), Livorno (5), Lucca (1), Massa Carrara (1), Pisa‎ (6), Pistoia (2), Siena (1) Prato (2) PUGLIA 30 Bari (7), BAT (3), Brindisi (2), Foggia (12), Lecce (4) Taranto (2 (TRENTINO ALTO ADIGE 22Trento (10) Bolzano (12). ) ABRUZZO 15 L'Aquila (2), Chieti (6), Pescara (5) Teramo (1)BASILICATA 15 Potenza (5) Matera (10). ). CALABRIA 14Catanzaro (2), Cosenza (3), Crotone (4) Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (3) FRIULI VENEZIA GIULIA 14.Trieste (5), Gorizia (2), Pordenone (3), Udine (3). UMBRIA 11 Perugia (10) Terni (1 MARCHE 12 Ancona (2), Macerata (5), Fermo (1), Pesaro-Urbino (3), Ascoli Piceno(1). SARDEGNA 10 Cagliari (4), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (1), Oristano (1), Sassari (2). Sulcis iglesiente () LIGURIA 9 Genova (2), Imperia (4), La Spezia (1), Savona (2) Molise 6 Campobasso (5), Isernia (1). VALLE D’AOSTA (3)

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli
Santo Della Volpe con Carlo Soricelli. Abbiamo deciso di dedicare questo osservatorio indipendente anche al grande giornalista Santo Della Volpe scomparso da poco. Da quando è aperto, abbiamo constatato quanto ha fatto per far comprendere agli italiani le vere dimensioni delle tragedie degli infortuni sul lavoro, del dramma dei familiari che hanno perso così tragicamente un loro Caro, delle morti provocate dall’amianto e di tutte le problematiche del mondo del lavoro. Grazie Santo

Carlo Soricelli attività artistica

Carlo Soricelli brevi cenni biografici

Tecnico metalmeccanico in pensione. Ha aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008 pochi giorni dopo la tragedia della ThyssenKrupp di Torino, dopo aver visto che non era possibile trovare sul Web notizie in tempo reale sulle morti sul lavoro. Considera l’attività di volontario dell’Osservatorio come una naturale evoluzione della sua attività di artista

E’ pittore-scultore da oltre quarant’anni, Ha sempre creato opere a contenuto sociale.. Ha esposto con personali con Antonio Ligabue e Cesare Zavattini e ha all’attivo oltre settanta mostre, è presente con opere in diversi musei.

Ha creato per primo al mondo, da vent’anni la “pittura pranica”, la pittura che interagisce con l’osservatore e che “guarisce” numerose patologie, soprattutto dolorose. Ha creato il “Rifiutismo” corrente pittorica dove gli oggetti che l’uomo considera rifiuti assumono una dimensione senza tempo. Ha scritto sei libri.

Qui sotto i siti di Soricelli

Translate (traduci nella tua lingua)

lunedì 31 dicembre 2018

Si è concluso un anno drammatico per le morti sul lavoro

Faccio a tutti i visitatori del blog dell'Osservatorio i miei migliori auguri per un 2019 migliore di quello che si sta concludendo. Oggi e domani 1° gennaio lavorerò per farvi avere già il 2 gennaio il Report sulle morti sul lavoro nell'intero 2018. Si è concluso si questo fronte un anno drammatico che non ha avuto  paragoni negli undici anni di monitoraggio delle morti sul lavoro. L'indifferenza della nostra classe dirigente, della politica verso queste tragedia lascia sgomenti. In questi 11 anni si sono succeduti governi di ogni colore, ma nessuno che si sia mai interessato concretamente di queste tragedie che portano il lutto in migliaia di famiglie ogni anno. Continueremo, finché ne avremo la forza a denunciare questa indifferenza e la reale situazione di questo fenomeno che è enorme e molto più grande di quello che vogliono fare apparire. Ci sono centinaia di lavoratori morti per infortuni che non appaiono mai nelle statistiche: è così tutti gli anni. Ma noi continueremo a denunciare questa carneficina. Buon anno a tutti, soprattutto la mia vicinanza ai familiari dei morti  sul lavoro di cui conosco bene la sofferenza. Che il 2019 vi porti almeno un pò di serenità.

domenica 30 dicembre 2018

E siamo a 702 morti sui luoghi di lavoro e oltre 1450 con i morti sulle strade e in itinere. in questo 2018. In questi 11 anni di monitoraggio sono morti quasi 15000 lavoratori, E' come se fossero morti tutti gli abitanti di una cittadina come Sasso Marconi

Una strage che non ha mai smosso le coscienze di nessuno, chiunque ci ha governati non ha mai mai avuto un attimo di attenzione per queste tragedie che si potrebbero dimezzare se solo ci fosse un pò di attenzione per chi lavora. ma lo scrivo ormai da dieci anni. Il mondo del lavoro dipenedente, è solo, isolato, diviso e non ha più espresso una classe dirigente capace di tutelarne gli interessi, non solo economici, ma anche sulla Sicurezza.

venerdì 28 dicembre 2018

Con il boscaiolo morto il 27 dicembre arriviamo all'incredibile numero di 700 lavoratori morti sui luoghi di lavoro nel 2018 e con i morti sulle strade e in itinere (le denunce le mettono tutte insieme, ma noi le teniamo separate) si arriva a contare oltre 1450 morti complessivi.

dalle proiezioni statistiche non avevamo dubbi che saremmo arrivati a contare questo numero spaventoso di morti sui LUOGHI DI LAVORO. Se li confrontiamo con l'intero 2008 anno di apertura dell'Osservatorio registriamo un aumento del 9,25%. Se li confrontiamo con l'intero 2017 , che sui Luoghi di Lavoro sono stati 634 registriamo un aumento del registriamo un aumento del 9,5%. POI PASSA IL MESSAGGIO CHE I MORTI PER INFORTUNI CALANO, MA NON E' VERO, DA 11 ANNI DENUNCIAMO QUESTA FALSITÀ, CHE LE MORTI SONO STATE, ALMENO IN QUESTI ULTIMI ANNI STABILI O ADDIRITTURA IN AUMENTO COME QUEST'ANNO. Così pigliano la palla al balzo per sottrarre risorse anche sulla Sicurezza. Certo l'INAIL sarebbe da rivoltare come un calzino, le risorse che spende per la sicurezza non vanno per la maggior parte dove ce ne sarebbe bisogno: per le aziende artigiaani e piccole, per maggiori controlli. ecc Ma tagliare i contributi a favore delle aziende e a spese della Sicurezzadei  lavoratori è davvero troppo. Così anche per il terzo settore che si occupa di poveri e diseredati e in difficoltà. Un settore che non ha scopi di lucro a cui raddoppiano le tasse c'è davvero da rimanere a bocca aperta. Si vuole anche qui far entrare i privati, così posso specularci sopra anche in questo settore? Del resto abbiamo un ministro delle Politiche Agricole a cui mi piacerebbe chiedere se sa quanti morti sono stati da quando è ministro il leghista centinaio e quanti morti per infortuni da quando abbiamo come Ministro del Lavoro Di Maio. Niente di nuovo, purtroppo, solo e sempre difendono, come gli ultimi governi chi ha di più. Con il Ministro delle Politiche Agricole Centinaio abbiamo avuto da giugno, in soli sette mesi 98 agricoltori morti schiacciati dal trattore, con Di Maio Ministro del lavoro 403 lavoratori morti sui Luoghi di lavoro e oltre 1000 se si aggiungono i morti sulle strade e in itinere. Conte, Di Maio, Salvini li avete mai sentiti parlare di queste tragedie? Io mai. Anche quest'anno oltre 1000 madri piangono i loro figli morti sul lavoro

giovedì 27 dicembre 2018

Muore dopo sei mesi di agonia e sofferenza indescrivibile il secondo operaio delle Acciaierie Venete di Padova dove il 13 maggio un contenitore di acciaio incandescente si rovesciò a terra provocando una bomba di calore che investì 5 operai di cui due morti. Aveva ustioni sul 90% del corpo

PADOVA È morto il giorno di Santo Stefano Marian Bratu, operaio di 43 anni ricoverato in  condizioni disperate in ospedale il 13 maggio scorso in seguito al contenitore di acciaio liquido che cadendo a terra provocò l'infortunio mortale di Bratu, di un suo collega e del ferimento di altri tre operai.  Marian, che quel giorno riportò ustioni sul 90 per cento del corpo, venne immediatamente ricoverato in ospedale e portato in Rianimazione. L'altra vittima, il moldavo di 39 anni  morì anche lui diverso tempo dopo l'infortunio. Una sofferenza disumana e una tragedia che si poteva evitare
 Altri tre operai portano ancora i segni sul loro corpo martoriato, ma che per fortuna non ha provocato loro la morte. E questo governo toglie le tasse alle imprese  del 30% sui contributi all'INAIL di questi una buona parte che andavano alla Sicurezza. Eppure sanno che i morti su lavoro sono in forte aumento. Siamo in questo momento a 699 morti per infortuni sui luoghi di lavoro e oltre 1400 con i morti sulle strade e in itinere.  Di Maio si dovrebbe dimettere da Ministro del Lavoro, il suo servilismo verso la Lega che difende gli industriali padani è davvero sconcertante. TOLGONO RISORSE PER LA SICUREZZA PER FAR RISPARMIARE GLI INDUSTRIALI. Insomma i solidi Robin Hodd alla rovescio che tolgono ai poveri per dare ai ricchi

mercoledì 26 dicembre 2018

Un altro agricoltore è morto la vigilia di Natale in provincia di Ancona. Anche un bambino di soli 7 anni ha perso la vita trasportato a bordo di questo mezzo mortale

Purtroppo anche dopo i continui appelli a prestare attenzione a questo mezzo che uccide con una regolarità che dovrebbe far muovere il culo dalle poltrone a chi dirige questo questo ministero, non c'è niente da fare. la distanza dei governanti, chiunque essi siano è sempre abissale col sentire comune. Da dieci anni chiediamo una campagna informativa sula pericolosità del mezzo. Sono 148 quest'anno i morti schiacciati  da questo "mostro" che uccide senza pietà. E coi nuovi arrivati a giugno sono stati 97, un numero incredibili di morti che dovrebbe far sobbalzare dalle poltrone. Ma niente, anche con il leghista Centinaio alla guida del Ministero delle Politiche Agricole nulla è cambiato. Poi leggere che ha perso la vita un bambino di 7 anni in provincia di Reggio Calabria trasportato a bordo di questo mezzo dal padre, che solo se avesse saputo delle dimensioni di questa strage e di quanti incautamente trasportati a bordo muoiono non fa che aumentare la rabbia e l'angoscia. FATE UNA CAMPAGNA INFORMATIVA SULLA PERCOLOSITA' DEL TRATTORE LO CHIEDIAMO DA DIECI ANNI. Dal 2008 ne sono morti oltre 1400 in modo così atroce

domenica 23 dicembre 2018

Due cinquantenni hanno perso la vita schiacciati dal trattore il 22 dicembre. 146 dall'inizio dell'anno, mai stati così tanti da dieci anni, nell'intero 207 sono stati 139 +4,8%

Continua la strage di agricoltori schiacciati dal trattore. a perdere la vita in modo così atroce due cinquantenni. Nella provincia di Vicenza a Chiampo ha perso la vita in questo modo terribile Franco Rossetto di soli 56 anni.

Stessa sorte è toccata a Antonio Maria Zoreddu che ha perso la vita nella provincia di Sassari

Sono  146 morti in questo modo orrendo nel 2018, contro i 139 dell'intero 2017, +4,8%.
Da quando abbiamo il nuovo governo, in carica da giugno  sono stati 95 i morti provocati dal trattore. Ma anche con  nuovo ministro delle Politiche Agricole Centinaio nulla è cambiato, una continuità col suo predecessore Maurizio Martina che è stato un pessimo ministro su questo fronte. Quello attuale è lo stesso governo che toglie risorse per la Sicurezza dei lavoratori per darle alle industrie che avranno  un calo delle tasse del  30% che andrebbero all'INAIL, che utilizza (male) sulla Sicurezza i soldi dei contribuenti, e questo nonostante un forte aumento  delle morti sul lavoro.

mercoledì 19 dicembre 2018

L’eutanasia dei pentastellati e un Ministro del Lavoro che non si accorge neppure delle devastazioni che produrrà il calo delle risorse sulla Sicurezza



Nel cuneo fiscale c’è un emendamento che propone una riduzione dei contributi INAIL del 30%. La proposta di modifica prevede la revisione delle tariffe dei premi e dei contributi INAIL per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Non ho parole. Ma come i morti sul lavoro aumentano come non mai e questi tolgono risorse che servono anche ad arginare il fenomeno. Si, li ho votati i pentastellati. Pensavo, tanto fare peggio di quelli che li hanno preceduti è impossibile. In questi 11 anni mi sono battuto con tutte le mie forze, attraverso l’Osservatorio che ho fondato il 1° gennaio 2008, dopo la tragedia della ThyssenKrupp contro l’indifferenza verso queste tragedie.  Ma mai nessuno è arrivato a togliere risorse sulla Sicurezza dei lavoratori. L’indifferenza e la complicità dei governi che si sono succeduti, di ogni colore, verso chi detiene il potere e la ricchezza, Nessuno Escluso, mi hanno fatto comprendere molto chiaramente che le lobby trasversali in ogni partito, controllano il Parlamento, e la falsa democrazia che c’è nel nostro Paese e nelle democrazie occidentali. Tutti al servizio dei potenti. I Cinque Stelle che diventano in pochi mesi vassalli di una Lega che mai si dimentica di difendere un nord padano e gli industriali di quell’area. Del resto Giorgetti, il vero capo della Lega, lo fa capire in mille modi. Un controllore attento a tutelare in ogni modo gli interessi di quel mondo. In questi anni hanno tolto stabilità a chi lavora. Leggi come il jobs act e la Fornero sono devastanti per la Sicurezza e la Dignità di chi lavora. In questi anni ho sempre criticato l’Inail che mai è stata chiara sulle reali dimensioni del fenomeno, che se si monitorano tutti i morti sul lavoro e non solo i loro  assicurati si comprende chiaramente che le ingentissime messe a disposizione per la Sicurezza non hanno prodotto nessun risultato, che i morti non sono mai calati, ma addirittura aumentati (li monitoriamo tutti dal 2008 e non temiamo smentite), che le risorse non sono mai arrivate a sufficienza dove ce ne sarebbe più bisogno: nei piccoli e piccolissimi luoghi di lavoro, dove i morti sono numerosissimi. che i “soldi” dei contribuenti sono stati spesi male, che occorreva rivedere tutto il sistema di controlli e di andare a vedere come venivano e vengono spese le risorse. Ma mandare al mondo del lavoro questo messaggio devastante: che si tolgono risorse alla Sicurezza è davvero incredibile. Ai numerosi amici pentastellati che mettevano tantissimi “mi piace” prima delle elezioni, quando criticavo i governi precedenti sulla Sicurezza chiedo di battere un colpo, di non fare come i tanti piddini e gli altri, che sono diventati “amici fantasmi” che mai più hanno commentato un post. La capacità di critica non deve mai venire meno se reputi che quello che si sta facendo è sbagliato, e anche se politicamente mostri una sudditanza imbarazzante ai poteri forti. Chi lavora è solo. Non basta un Fico a far cambiare opinione e dare l’idea di un Movimento allo sbando che non sa neppure chi vuole rappresentare

martedì 18 dicembre 2018

Ancora due morti sui luoghi di lavoro anche oggi



Vito Cristalli un operaio di 51 anni è stato travolto e  ucciso da una pala meccanica durante le operazioni di scarico di un autocompattatore.
la tragedia intorno alle 19 di ieri.  la vittima era un autista di uno dei mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti.
Cristalli stando a quanto ricostruito, è stato travolto da una pala meccanica, manovrata da un altro dipendente per scaricare rifiuti presenti su un autocompattatore.

A Ospitaletto, in provincia di Brescia ha perso la vita colpito da una benna di un escavatore un operaio marocchino di 52 anni. Il suo nome Larbi El Harrak 

sabato 15 dicembre 2018

la triste e tragica storia del giovane boscaiolo moldavo il cui corpo, lavorando in nero è stato spostato e buttato in un burrone


Povero Vitali Mordari. della morte di questo giovane ne avevamo parlato già un mese fa,era strano che fosse precipitato in un burrone, senza testimoni e in un luogo diverso. Dopo le indagini su questa morte sospetta i carabinieri hanno denunciato un imprenditore di Belluno per violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e frode processuale per aver spostato il cadavere di Modari in provincia di Trento. Mardari lavorava per l’imprenditore indagato senza un regolare contratto e per questo, secondo l’accusa,  ne avrebbe spostato il cadavere. Era stato poi lui stesso ad avvertire le autorità della morte di Mardari,  Mardari stava lavorando in un cantiere boschivo di un piccolo comune trentino vicino al confine con la provincia di Belluno. Insieme ad altri boscaioli stava installando una teleferica necessaria alle operazioni di disboscamento: è morto perché un cavo di acciaio lo ha colpito molto violentemente, fratturandogli il cranio. Sempre secondo la ricostruzione degli investigatori, il titolare dell’impresa per cui i boscaioli stavano lavorando avrebbe caricato il corpo di Mardari su un’automobile e insieme a un’altra persona lo avrebbe trasportato a circa 600 metri di distanza, lasciandolo nei pressi di una scarpata. Anche il corpo veniva coperto da pezzi di legno così da sembrare che fosse caduto da un albero. la terribile dinamica dell'incidente è stata ricostruita perchè nel cantiere è stato trovato un berretto di lana che i familiari di Mordari hanno riconosciuto. trovate anche tracce del sangue della vittima vicino al cavo che l'ha ucciso. Che dire? Silenzio su vicende così atroci
PUBBLICITÀ

venerdì 14 dicembre 2018

"Prima gli italiani" .....Muoiono il 13 dicembre due lavoratori stranieri: un senegalese e un cinese: l'8% di tutti i morti sui luoghi di lavoro sono stranieri, e sono i lavori più umili. Diaw Keba pur lavorando come esterno nella ditta saldava all'interno dei manufatti giganteschi ed era dipendente di una ditta appaltatrice "che dire sulla Sicurezza di questi lavoratori che in appalto perdono la vita numerosissimi? senza parole

Perdono la vita un senegalese di 28 anni. Diaw keba ha avuto l'infortunio sul lavoro che l'ha portato alla morte il 28 novembre. Lavorava presso una ditta con sede a Castelli Calepio nella bergamasca. Mentre stava eseguendo lavori di saldatura di un traliccio di acciaio del peso di circa 35 quintali e lungo circa 4 metri, eseguendo autonomamente anche la movimentazione con carroponte, Keba è rimasto schiacciato tra i manufatti dell’officina. Dipendente di una ditta «esterna»  con sede a Cassano d’Adda, operava con un contratto di appalto. Questi sono lavoratori di serie B, che non hanno nessuna tutela sulla Sicurezza, la maggioranza dei morti nell'industria che perdono la vita per infortuni sono "appaltati".
La seconda morte riguarda un operaio cinese che di notte stava lavorando su un tornio e che è rimasto impigliato con il giubotto (lavorava al freddo?) al tornio ed è morto dilaniato dalla macchina. Insomma Siamo tornati agli albori della civiltà industriale e nessuno che cerca di restituire dignità e diritti a tanti lavoratori che con il precariato, introdotto anche con il jobs act sono fragili vittime di questo sistema che in questi anni attraverso una politica compiacente ha distrutto e tolto ogni diritto e dignità a chi lavora. Ormai sfioriamo i 700 morti sui luoghi di lavoro, cosa mai vista in questi 11 anni di monitoraggio

giovedì 13 dicembre 2018

Sono stati tre anche il 12 dicembre i morti sui luoghi di lavoro. Una strage che quest'anno ha toccato vette mai viste. ma non dimentichiamoci mai che almeno altrettanti perdono la vita sulle strade mentre vanno o tornano dal lavoro che lo Stato considera a tutti gli effetti morti sul lavoro. Del resto gli "altri" li monitorano senza nessuna distinzione, tra chi muore sui luoghi di lavoro e sulle strade, creando così una confusione che è utile solo a a non far comprendere le reali dimensioni del fenomeno e "tirare" la cioperta dove fa più comodo, cioè farli diminuire per l'opinione pubbblica

avevamo già segnalato la morte dovuta al treno merci che ha travolto un operaio che stava lavorando su una piattaforma ferroviaria nei peressi di Firenzuola D'Adda. ma abbiamo appreso della morte di un altro lavoratore che ha perso la vita travolto da un camion "sfrenato" Michele Bertoldi aveva solo 42 anni.

Perde la vita anche un altro quarantenne in provincia di Sondrio. Il romeno Sibir Curri stava trasportanto materiale in una zono impervia in provincia di Sondrio quando ha perso la vita cadendo in un burrone. difficile anche ilrecupero del suo corpo.

mercoledì 12 dicembre 2018

Bilancio fallimentare


Quando raggiungi una certa età e tra l’altro non stai bene, fai anche dei bilanci e cerchi di capire se le scelte che hai fatto siano state giuste e sono servite a qualcosa. Non vedevo l’ora d’andare in pensione dopo 40 anni di lavoro da metalmeccanico, potevo dedicarmi finalmente all’arte, e pensavo a chissà quali miei capolavori sarei riuscito a realizzare con mente libera e ancora tanta forza. Certo, nonostante il grande impegno, una famiglia e due figli da crescere (soprattutto seguiti da mia moglie) ero riuscito a realizzare secondo i miei parametri grandi cose: le mie opere a contenuto sociale non lasciavano e non lasciano mai indifferenti. Migliaia di quadri e sculture, all’attivo oltre settanta mostre, esposizioni in contenitori molto prestigiosi, in Italia e all’estero. Palazzo D’Accursio e Re Enzo a Bologna, presente in prestigiosi musei. Una mostra personale con il Grande Cesare Zavattini. Si davvero molte soddisfazioni, creazione di una mia Casa museo in una grande casa in sasso, tutta ristrutturata con le mie mani, dove molte mie opere potevano trovare quello spazio sufficiente per essere valorizzate. Ma da quando ho cominciato a prendere il pennello, e non avevo neppure vent’anni, sono sempre stato irrequieto, un non sentirsi mai appagato, un cercare di fare sempre qualcosa di utile che servisse agli altri, anche l’impegno sindacale era dovuto a questo. Poi la tragedia della Thyssenkrupp di Torino nel dicembre 2007, vedere che in rete non c’erano notizie recenti che parlavano dei lavoratori morti sul lavoro. Quanti erano in quell’anno? E l’anno prima? Niente di niente, solo poche notizie confuse, come se la vita persa da tanti mentre lavoravano non contasse niente. Aprii così l’Osservatorio poche settimane dopo, volevo rendere visibili le morti sul lavoro: volevo che chi moriva così tragicamente avesse almeno un ultimo omaggio. Volevo scuotere le coscienze e cercare di fare qualcosa di concreto per alleviare il fenomeno. L’arte trascurata e non aver più fatto iniziative per valorizzarla, certo non ho mai smesso, ma l’Osservatorio m’impegnava e m’impegna molto. Ma poi guardo concretamente i risultati: milioni di persone hanno visitato il sito dell’Osservatorio, ma i morti per infortunio quest’anno non sono mai stati così tanti. A cosa sono servite le continue denunce? A cosa sono servite tante interviste a radio e Televisioni e giornali? Si sono succeduti in questi 11 anni partiti di ogni colorazione politica, di destra, di sinistra, verdi, blu, gialli, ma nessuno che abbia mai fatto concretamente niente per queste tragedie. Sono tutti al servizio dei potenti, il mondo del lavoro è solo, isolato, senza interlocutori, gli stessi lavoratori non si rendono neppure conto che non contano proprio niente. Le lobby controllano il Parlamento e l’intera società. Se i risultati sono un aumento dei morti sul lavoro il bilancio dell’Osservatorio è fallimentare. È un urlare in un deserto ormai privo di valori e purtroppo questo ormai tocca ogni strato sociale. Che fare?

martedì 11 dicembre 2018

Operaio servizi lettura contatori muore cadendo in un tombino

Novara 11 dicembre La tragedia intorno alle 13. l' operaio è finito in un tombino ed è morto sul colpo. L’intervento del 118 purtroppo i soccorritori non hanno potuto che constatare la morte del lavoratore. Si tratta di un operatore che era entrato nel tombino per leggere un contatore. Di quello che era successo si è accorta una donna di un palazzo vicino che ha visto sporgere un braccio. Secondo le prime ricostruzioni potrebbe aver picchiato la testa nella caduta, un colpo che è stato fatale

lunedì 10 dicembre 2018

Almeno ci siano degli psicologi messi a disposizione dalle Istituzioni per aiutare i familiari dei morti sul lavoro lasciati soli anche dal punto di vista psicologico dopo aver subito un trauma così devastante

Giusy Caggianese ha perso il fratello Antonio di 29 alcuni mesi fa per infortunio sul lavoro. In un post di ieri ha scritto che non solo le famiglie dei giovani morti alla discoteca di Corinaldo stanno subendo sofferenze immani, ma anche lei e migliaia di familiari di lavoratori che hanno perso la vita improvvisamente, spesso. anzi quasi sempre per mancanza di sicurezza sui luoghi di lavoro. in questi 11 anni di monitoraggio sono venuto a contatto con decine, se non centinaia di madri, padri, figli, nipoti, fratelli che a distanza di anni sono ancora sconvolti dal dolore di una morte così ingiusta. Spesso sono padri che lasciano figli piccoli ancora in tenera età, unici a portare a casa uno stipendio, ci sono madri che urlano la loro silenziosa disperazione, costrette a un calvario che le accompagna per tutta la vita. Nessuno si capacita d'aver perso un proprio caro, nessuno accetta un dolore così forte. certo uno psicologo non restituirà la vita del proprio Caro, ma almeno nei primi momenti drammatici può essere d'aiuto, sopratutto nei riguardi dei più vulnerabili. Sono con te Giusy, quella che fai è una richiesta sacrosanta che meriterebbe la massima attenzione da parte di tutti.

domenica 9 dicembre 2018

Strage di autotrasportatori in questi due giorni: ne sono morti ben 5: BP-OM- VO- AC- ST e altri lavoratori due hanno perso la vita in altre categorie. E' una catena inarrestabile di morti.

Si, un autentica strage quella che ha colpito in questi giorni l'autotrasporto: in cinque che guidano mezzi che trasportano merci hanno perso la vita sulle autostrade e le strade. Tutti giovani sotto i cinquant'anni, di molti non si  conoscono neppure le generalità, ma solo il luogo e le modalità della tragedia.
Ma perdono la vita anche un altro agricoltore schiacciato dal trattore e un Operaio di 57 anni che è caduto da un buco di aerazione Volteggio un cantiere del terzo valico.

Si sta e di molto sottovalutando questo e altri aspetti della vita del Paese, ceto medio e lavoratori per la maggior parte non tutelati neppure nella cosa che dovrebbe essere più sacra: la vita e il loro benessere psicologico e economico che non conta niente per chi ha in mano le leve del paese, di questo e altri.

giovedì 6 dicembre 2018

Leggi la storia dei 7 lavoratori della Thysssenkrupp morti bruciati da olio bollente il 6 dicembre 2007.

Oggi 6 dicembre 2018 ricordiamo i sette operaio della ThyssenKrupp di Torino morti bruciati vivi i ricordare i sette lavoratori della Thyssenkrupp di Torino morti quella notte. L'osservatorio lo aprii il 1° gennaio proprio per non far dimenticare quell'immane tragedia che ha colpito quei lavoratori, ma da allora nulla è cambiato, registriamo addirittura un aumento molto alto di lavoratori sui LUOGHI DI LAVORO sia rispetto al 2008 che rispetto al 2017, già oltre il 5% nel 2018 rispetto all'intero 2017. Se leggete sui giornali di regime e sempre allineati con chi detiene il potere NON CREDETECI, sonomolti di più. Non li monitoro come facciamo noi e spariscono dalle statistiche dopo pochi mesi dell'anno dopo. poi tantissimi in nero e che hanno assicurazioni diverse (anche tutte le (Forze Armate), e tantissimi agricoltori schiacciati dal trattore già 141 quest'anno.  

                                                                                  La storia
 Poco dopo l’una di notte del 6 dicembre, sulla linea 5 dell’acciaieria di Torino sette operai vengono investiti da una fuoriuscita di olio bollente, che prende fuoco. I colleghi chiamano i vigili del fuoco, all’1.15 arrivano le ambulanze del 118, i feriti vengono trasferiti in ospedale. Alle 4 del mattino muore il primo operaio, si chiamava Antonio Schiavone. Nei giorni che seguiranno, dal 7 al 30 dicembre 2007, moriranno tra atroci sofferenze a causa dall’olio bollente che ne aveva devastati i corpi: si chiamavano Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo e Bruno Santino.
L’Osservatorio ha registrate le morti sui luoghi di lavoro di tutti i lavoratori morti dal 1° gennaio 2008
Grazie agli innumerevoli visitatori del sito che ogni giorno lo visitano a centinaia, a volte a migliaia. Tantissimi anche dall’estero: soprattutto dagli Stati Uniti e dalla Germania. Ma non mancano neppure visitatori dalla Francia e dall’Inghilterra. Tantissimi lavoratori morti per infortuni in Italia sono romeni, per questo motivo lo presentiamo anche nelle loro lingue se cercano le morti sul lavoro dei loro connazionali-
Oltre un milione di persone hanno visitato l’Osservatorio in questi dieci anni. Vi ringraziamo per la vostra sensibilità per queste tragedie dell’indifferenza.

mercoledì 5 dicembre 2018

Altri tre morti sui luoghi di lavoro il 5 dicembre. UN NUMERO DI MORTI MAI VISTO IN 11 ANNI DI MONITORAGGIO E IL 2018 NON E' ANCORA FINITO

Perdono la vita altri tre lavoratori anche il 5 dicembre. A morire schiacciato da un mezzo in manovra l'autotrasportatore Aniello Cirillo di 54 anni in provincia di Alessandria.

Un piccolo imprenditore  Gianluca Ramponi è morto in provincia di Bergamo cadendo da un lucernario mentre lavorava sul tetto.

Perde la vita anche l'ennesimo guidatore di trattori: Primolino Orlengo è morto schiacciato da questo mezzo in provincia di Imperia. Anche gli schiacciati da questo mezzo superano quelli dell'intero 2017. E la politica tutta continua a fregarsene di questa strage.

martedì 4 dicembre 2018

Muore studente lavoratore di 19 anni che portava pizze o cene alle 10,30 di sera


Aveva solo 19 anni Alberto Piscopo Pollini studente lavoratore che consegnava le cene e le pizze  fino a sera tarda. E' la vita i un giovane rider.
La mattina all’Istituto Alberghiero Perotti di Bari, la sera le pizze per avere un pò di soldi da spendere e non pesare sulla famiglia. La vita di un giovane rider, . Era alla guida quando un'auto guidata da un altro giovane lo ha travolto mentre viaggiava sul suo scooter, con cui si stava recando da un cliente per consegnare cena. Migliaia di rider non hanno contratto o a di una forma contrattuale che introduca nuove tutele e regole 
 “Lo sfruttamento che decine di migliaia di giovani vivono quotidianamente è incredibile per un Paese civile.. Qualche attenzione era arrivato, da parte del governo per questi lavoratori, ma poi tutto è finito lì, nel dimenticatoio.

Muore un 65enne schiacciato dal trattore in provincia di Aosta 

domenica 2 dicembre 2018

Report morti sul lavoro nei primi 10 mesi del 2018


Report morti sul lavoro nei primi 11 mesi del 2018
Sono 655 i morti sui luoghi di lavoro, con le morti sulle strade e in itinere oltre 1280. Sui luoghi di lavoro mai stati così tanti da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro, siamo già a più 4,45% sull’intero 2008. Siamo già a più 4,9% sull’intero 2017. Con 140 morti schiacciati dal trattore superato anche il numero di morti dell’intero 2017. In questi ormai 11 anni nulla è cambiato percentualmente sul numero di morti nelle varie categorie. In questi undici anni si sono succeduti diversi governi, ma mai nessuno ha fatto qualcosa di concreto per far diminuire queste tragedie. L’Osservatorio è visitato da diverse centinaia di persone ogni giorno, i normali cittadini sentono moltissimo queste tragedie, che però non scuotono le coscienze dei nostri governati. Chiunque essi siano. Qui sotta la situazione delle morti sui LUOGHI DI LAVORO nelle varie province, regioni e città. Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio
Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro.
L’unico sito che monitora in tempo reale TUTTI i morti per infortunio sul lavoro, compresi i non assicurati all’INAIL e i lavoratori in nero
Morti sul lavoro dal 1° gennaio al 30 novembre 2018
Sono 665 i morti sui luoghi di lavoro (tutti registrati in apposite tabelle Excel). Con i morti sulle strade e in itinere sono già morti oltre 1280 lavoratori.
Chiediamo una Commissione Parlamentare d’inchiesta per sapere il reale numero di morti per infortuni sul lavoro in Italia che sono sempre sottostimati
Sono ben 89 i morti schiacciati dal trattore dalla nascita a giugno del nuovo governo, e 140 dall’inizio dell’anno. Aspettiamo un intervento mirato dal Ministro Centinaio,
N.B i morti segnalati nelle Regioni sono solo quelli sui LUOGHI DI LAVORO. Ricordo ancora una volta che ce ne sono almeno altrettanti che muoiono sulle strade e in itinere nelle province. Non sono conteggiati, oltre che i morti in itinere nelle Province e Regioni i morti sulle autostrade: con queste morti arriviamo già a superare i 1100 complessivi
Morti sui luoghi di lavoro nelle province italiane, esclusi dalle province i morti in autostrada e che lavoravano all’estero
VENETO 64 Venezia (11), Belluno (5), Padova‎ (4), Rovigo (3), Treviso (15), Verona (18), Vicenza (8). Lombardia 64 Milano (13), Bergamo (7), Brescia (9), Como (5), Cremona (4), Lecco (2), Lodi (1), Mantova (10), Monza Brianza (7), Pavia (3), Sondrio (5), Varese (1) CAMPANIA 56 Napoli (17), Avellino (5), Benevento (), Caserta (13), Salerno (19). EMILIA ROMAGNA 52Bologna (7), Rimini (1). Ferrara (10) Forlì Cesena (6) Modena (8) Parma (5) Ravenna (5) Reggio Emilia (3) Piacenza (5)TOSCANA 47 Firenze (5), Arezzo (9), Grosseto (3), Livorno (4), Lucca (3), Massa Carrara (6), Pisa‎ (7), Pistoia (4), Siena (6) Prato (). PIEMONTE 48Torino (19), Alessandria (6), Asti (7), Biella (2), Cuneo (8), Novara (1), Verbano-Cusio-Ossola (3) Vercelli (2) SICILIA 41 Palermo (9), Agrigento (6), Caltanissetta (3), Catania (7), Enna (3), Messina (4), Ragusa (3), Siracusa (2), Trapani‎ (3). CALABRIA 30 Catanzaro (6), Cosenza (10), Crotone (9), Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (3) PUGLIA 30 Bari (5), BAT (1), Brindisi (1), Foggia (5), Lecce (7) Taranto (5) LAZIO 29 Roma (10), Viterbo (4) Frosinone (6) Latina (6) Rieti (3).  ABRUZZO 26 L'Aquila (7), Chieti (7), Pescara (3) Teramo (8) )LIGURIA 18 Genova (11), Imperia (), La Spezia (4), Savona (3) TRENTINO ALTO ADIGE 19 Trento (12), Bolzano (7) SARDEGNA 13Cagliari (3), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (3), Ogliastra (), Olbia-Tempio (3), Oristano (1), Sassari (3). Sulcis inglesiente (6) MARCHE 12Ancona (2), Macerata (3), Fermo (1), Pesaro-Urbino (), Ascoli Piceno (6). FRIULI VENEZIA GIULIA 12Trieste (), Gorizia (1), Pordenone (3), Udine (7). UMBRIA 11 Perugia (6) Terni (5).BASILICATA 8 Potenza (6) Matera (2) Molise 6 Campobasso (5), Isernia (1) .VALLE D’AOSTA( )
Report morti sul lavoro nell’intero 2017
Nel 2017 dall’inizio dell’anno al 31 dicembre i morti sui luoghi di lavoro sono stati 634, oltre 1350 con le morti per infortunio con i mezzi di trasporto.
Il 1° gennaio 2018 l’Osservatorio Indipendente morti sul lavoro ha compiuto 10 anni, da quell’anno i morti per infortunio sul lavoro sono costanti, in molti anni addirittura aumentati. È nato poche settimane dopo la strage alla Thyssenkrupp di Torino ed è dedicato a quei 7 lavoratori morti in modo disumano.
Oltre 1.500.000 di persone hanno visitato l’Osservatorio in questi dieci anni. Vi ringraziamo per la vostra sensibilità.
Report morti sul lavoro dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017
Dall’inizio dell’anno al 31 dicembre sono morti sui luoghi di lavoro 634 lavoratori: con i morti sulle strade e in itinere con il mezzo di trasporto, si superano i 1350 morti complessivi. La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultrasessantenni. Anche il Jobs act per la possibilità di essere licenziati, senza appello, ma solo con un po’ di denaro, rende i lavoratori licenziabili se si oppongono a svolgere un lavoro pericoloso. Gli stranieri morti per infortunio, sono oltre il 10% dall’inizio dell’anno, sono così tutti gli anni. Il 30% dei morti sul lavoro spariscono ogni anno dalle statistiche.
Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima
Le morti verdi provocate dal trattore
Strage verde sui campi
Nel 2017 sono morti schiacciati dal trattore 139 agricoltori, ma occorre aggiungerne tanti altri che sono morti per essere stati trasportati a bordo (anche bambini) o per le strade a causa di incidenti provocati da questo mezzo. Oltre 600 sono morti nell’ultima legislatura e oltre 1400 da quando dieci anni fa è stato aperto l’Osservatorio.
Molte delle vittime del terremoto in Emilia erano lavoratori rimasti schiacciati per il crollo dei capannoni. Lo stesso terremoto che ha colpito l’Umbria e le Marche ha evidenziato che i capannoni industriali in Italia sono per la maggior parte a rischio sismico.

giovedì 29 novembre 2018

Quattro morti sui luoghi di lavoro anche il 28 novembre. Più 4,1% di morti per infortunio sui luoghi di lavoro dell'intero 2017. Eguagliato lo stesso numero di morti provacati dal trattore dell'intero 2017

Continua inesorabile la strage di lavoratori che muoiono per infortuni. 
Fabrizio Borsari  di 55 anni precipita dal un tetto del municipio di Marmirolo, provincia di Mantova.  Dopo i morti in edifici pubblici scolastici, anche in un municipio.

la seconda vittima in un'azienda di Umbertide in provincia di Perugia. da quanto si è appreso, l'operaio stava manovrando un mezzo meccanico in una ditta di Calzolaro di Umbertide quando è avvenuta la tragedia. I soccorsi lo hanno trasportato all’ospedale di Città di Castello con un politrauma e la frattura di un femore. Le condizioni sono sembrate subito gravissime, tanto che è stato trasferito a Perugia, dove ha perso la vita

Sull'A 12 nei pressi di Carrara è morto un guidatore di un furgone che si è scontrato con un tir

Un agricoltore di 53 anni Vincenzo la Pera è rimasto schiacciato dal trattore in provincia di Cosenza. la Pera è il 139esimo morto provocato dal trattore dall'inizio dell'anno. In questo momento eguagliato lo stesso numero di morti provocate dal trattore dell'intero 2017


mercoledì 28 novembre 2018

Davide di 21 anni muore per le ustioni riporate dopo 11 giorni di atroci sofferenze. Dall'inizio dell'anno a oggi 29 novembre siamo già a più 3,6% sull'intero 2017


 Catania Muore in modo atroce dopo 11 giorni di sofferenza Davide Calogero . Il 16 novembre scorso è rimasto gravemente ustionato: aveva riportato ustioni di terzo grado su tutto il corpo, è morto il 28 novembre nel centro Grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro dove era ricoverato.
Davide raccoglieva il ferro per le strade e lo andava a vendere come al solito per pochi euro. Non sono ancora state chiarite le cause dello scoppio che l'hanno ucciso.

Muoiono anche due autrasportatori  in Lombardia, sull'A4 e nei pressi di Caravaggio.



martedì 27 novembre 2018

Travolta a Lecco un'operaia di 45 anni che è morta dopo una settimana d'agonia. Muore cadendo da un tetto un adetto alla manutenzione


Lecco Gelsomina Lanzilli, 45 anni, dipendente della Fiocchi Munizioni, si è spenta dopo una settimana di agonia. Era stata investita da un tir in manovra davanti ai cancelli della ditta in cui lavorava.



Tragedia anche a Cremona dove ha perso la vita un addetto di una ditta specializzata nella manutenzione dei tetti : è precipitato da diversi metri, riportando gravi lesioni. E' morto poco tempo dopo il ricovero in ospedale. 

domenica 25 novembre 2018

Muore dopo un calvario durato diverse settimane un operaio casertano in trasferta a Pompei

Non ce l’ha fatta Raffaele Bracciano di 57 anni, stava lottando tra la vita e la morte in un letto dell’ospedale Ruggi di Salerno, dove arrivò in condizioni disperate a seguito di una terribile infortunio sul lavoro a Pompei. 

sabato 24 novembre 2018

tre morti sui luoghi di lavoro anche il 23 novembre

Sono tre i morti anche il giorno 23 novembre.
IA Roma è deceduto Sabri Buski un operaio kossovaro di 25 anni che è rimasto incastrato o fra la piattaforma aereasu cui lavorava e un balcone della facciata di un edificio che stavano ristrutturando.

 Lungo  ferroviaria tra Milano e Brescia un operaio di 35 anni è stato investito da un treno che l'ha ucciso all'istante. Il lavoratore era dipendente di una ditta esterna 
In provincia di Ragusa ha perso la vita Salvatore Sangiorgio che è morto dissanguato dopo essere stato travolto dalla motozappa con la quale stava lavorando

giovedì 22 novembre 2018

Con i 3 morti sui luoghi di lavoro del 22 novembre con 646 vittime di infortunio sui luoghi di lavoro siamo già a più 2% rispetto all'intero 2017

Il 22 novembre sono morti altri4 lavoratori nelle province di Napoli, Ragusa, Catanzaro e Verbania, siamo a già più 25 sull'intero 2017. Occorre ricordare anche che almeno altrettanti lavoratori muoiono sulle strade e in itinere. Un 2018 veramente catastrofico sul fronte delle morti sul lavoro.

A 63 anni muore cadendo da un'impalcatura e trafitto da un palo di ferro


Sebastiano Marino  è morto così, a Pozzuoli di Napoli in un modo atroce
Marino stava Lavorando alla rete fognaria, quando pare – secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine – sia caduto da un'impalcatura e finito trafitto su di un palo di ferro.
Marino  è stato condotto in un ospedale di Napoli. 
Troppo gravi però le lesioni interne provocate dal palo: il 63enne è morto dopo alcune ore. La salma è sotto sequestro perché possa essere effettuata l'autopsia, 
al cantiere sono stati apposti i sigilli perché possano essere svolti i rilievi del caso.




mercoledì 21 novembre 2018

Muore a 68 anni schiacciato da un braccio di una gru. E' URGENTE NON FAR PIU' SVOLGERE LAVORI PERICOLOSI A PERSONE ANZIANE: OLTRE IL 20% DI TUTTI I MORTI SUI LUOGHIi DI LAVORO, ESCLUSO ITINERE, HA PIU' DI 60 ANNI


Ferrara, 21 novembre 2018 E' morto così Carlo Panzavolta autotrasportatore ravennate di 68 anni.  L'operaio è rimasto schiacciato mentre stava lavorando a una macchina. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i sanitari del 118, i carabinieri e gli ispettori del lavoro. Da quanto risulta, alcuni operai stavano caricando vongole su un camion di un'azienda che opera nelle lavorazioni e commercio in questo settore.
Muore operaio forestale colpito da un tronco a Villa ottone in Val Pusteria


martedì 20 novembre 2018

Andrea Vecchi fornaio, muore dopo la mezzanatte schiacciato da un macchinario. Trovato morto giovane moldavo con ferite sul corpo: stanno indagando i carabinieri. Non si esclude l'ipotesi che sia vittima di un infortunio sul lavoro e che sia stato spostato il cadavere perchè lavorava in nero


Maranello di Modena Andrea Vecchi di 54 anni è rimasto vittima di un infortunio sul lavoro. La  tragedia poco dopo la mezzanotte, presso il forno di Levizzano, un'azienda panificatrice nella zona artigianale di Pozza di Maranello.  Andrea Vecchi il titolare, è infatti rimasto schiacciato da una macchina confezionatrice.
Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 insieme con i Vigili del Fuoco.  Al medico non è rimasto che dichiarare il decesso del 54enne. Indagini e accertamenti sono a cura della Medicina del Lavoro. 

Trento Viveva nel bellunese il giovane di 28 anni di origini moldave trovato morto con varie ferite sul corpo, in una stradina forestale in Val delle Moneghe,  in provincia di Trento.Il giovane, è una delle piste al vaglio dei carabinieri,  potrebbe essere rimasto vittima di un tragico infortunio sul lavoro e il suo corpo successivamente spostato. Non si esclude che il giovane senza documenti lavorasse in nero in una delle ditte che stanno lavorando dopo il tornado, che ha investito il bellunese e che ha fatto strage di alberi.



Veterinario muore incornato da un toro


Paolo Casarin è morto in questo modo assurdo.  Paolo Casarin, che si era recato nell’azienda agricola  per visitare un vitellino appena nato. Un toro che si trovava nella stalla al suo ingresso  l’ha caricato  uccidendolo all’istante. I proprietari della fattoria hanno fatto scattare l’allarme alle 15. Sul posto Suem 118, vigili del fuoco e carabinieri ma per Casarin non c’era più nulla da fare. Aveva 52 anni, lascia la moglie e quattro figli.

Muore anche un settantenne nel ternano mentre raccoglieva le olive cadendo dall'albero. e' morto il giorno dopo all'ospedale

lunedì 19 novembre 2018

Matteo Regazzi (nella foto) muore all'ospedale dopo 14 giorni dall'infortunio

 Matteo Regazzi era stato ricoverato d'urgenza all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo il 5 di novembre: era impegnato in un lavoro di manutenzione in un'azienda di Filago.era dipendente di un'altra azienda e svolgeva lavori di manutenzione, quando da un carrello elevatore è caduta una bobina che l'ha investito in pieno. E' morto di domenica in un letto d'ospedale.

perde la vita anche un sessantenne in provincia di Mantova travolto dal suo trattore

sabato 17 novembre 2018

Mercoledì 21 alle ore 17 sarò ospite alla presentazione del libro di Milena Ben a San Lazzaro di Savena. Milena Ben ha perso il figlio per infortuni sul lavoro proprio in questa cittadina dell'hinterland bolognese. Vi aspetto tutti

Mercoledì 21 alle ore 17 sarò ospite alla presentazione del libro di Milena Ben a San Lazzaro di Savena. Milena Ben ha perso il figlio per infortuni sul lavoro proprio in questa cittadina del
bolognese. Vi aspetto tutti

Muore dopo 8 giorni di sofferenza Giovanni Rizzo, è la seconda vittima dell'espolosione della fabbrica di fuochi d'artificio. Aveva perso la vita anche il 19enne Gabriele Cosma figlio del titolare, perde la vita anche un imprenditore a Agropoli

Registriamo altri due morti, è morto dopo atroci sofferenze il 40enne Giovanni Rizzo, che era rimasto coinvolto nell'esplosione nella fabbrica di Fuochi d'Artificio. Era ricoverato nell'Ospedale Perrino di Brindisi.
Perde la vita anche Alesso Merolaun imprenditore di 60 anni cadendo da un tetto a Agropoli

giovedì 15 novembre 2018

Muore precipitando da una Scuola di Marano di Napoli un algerino di 55 anni, sembra non fosse in regola. Ma chi controlla come si lavora e chi ci lavora nelle scuole e negli altri edifici pubblici?

E' morto cadendo dal tetto di una scuola Mebarki Abdel Karim di 55 anni, algerino di 55 anni, sposato con un'italiana. Da quel che si legge in rete sembra lavorasse in nero. Anche un egiziano è morto a luglio a Cambiano di Torino cadendo da un tetto di un edificio scolastico. Ma se neppure negli edifici pubblici, tra l'altro scuole, non vengono rispettate le normative sulla sicurezza, per questo povero Paese non c'è speranza. Ma non controllano quelli che commissionano il lavoro se la ditta che svolge il lavoro utilizzi lavoratori regolari e rispetti delle normative sulla sicurezza? Non sanno che anche sono loro  responsabili di queste tragedie per non aver controllato chi ci lavorava e se rispettavano le normative sul lavoro.

Grazie alla Ruggero Toffolutti e alla Ducati per il nuovo computer.

L’Osservatorio Indipendente morti sul lavoro di Bologna http://cadutisullavoro.blogspot.it ringrazia l’Associazione nazionale “Ruggero Toffolutti” per la sicurezza dei luoghi di lavoro, i lavoratori e le Rsu Ducati di Bologna, del contributo finalizzato all’acquisto di un nuovo computer con cui rafforzare ulteriormente la propria attività

martedì 13 novembre 2018

Il 13 novembre 3 morti per infortuni in Puglia. Muoiono in due a Taranto cadendo da un cestello, sono Giovanni Palmisano di 32 anni e Angelo D'Aversa dipendente. Muore anche una donna di cui non conosciamo ancora l'identità travolta da un muletto a San Severo di Foggia

Taranto altri due morti a Taranto. sembrava fossero padre e figlio, ma sono il proprietario e un dipendente di 64 anni. Vittime: Giovanni Palmisano, 32enne di Locorotondo, titolare, e il dipendente Angelo D’Aversa, 64enne di Statte. La tragedia sul lavoro a Taranto, quartiere Tamburi. Si è rotto il braccio dell’elevatore a margine della palazzina in ristrutturazione.  i due lavoratori hanno fatto un salto nel vuoto di almeno dieci metri. Inutili i tentativi di rianimazione. sembra non indossassero le cinture di sicurezza 
Inchieste di magistratura e Spesal. La Gru sequestrata. Area sottoposta a sequestro e presidiata dalle forze dell’ordine.

Muore una donna travolta da un muletto in un'azienda agricola di San Severo

Muoiono in 2 per infortunio sui luoghi di lavoro anche il 12 novembre. Ancora 6 morti suli luoghi di lavoro e si raggiungeranno gli stessi morti dell'intero 2017. Una strage senza limiti quella di quest'anno

Sono due i morti sui luoghi di lavoro il 12 novembre. Un manutentore di 60 anni è morto schiacciato da una cabina della funivia che collega Ponte di Piero, sul Lago Maggiore in provincia di Varese, al paese di Monteviasco.  Il sessantenne è rimasto schiacciato nel momento in cui la cabina è rientrata nell’alloggiamento da cui parte la funivia. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, il personale del 118 e all’elisoccorso e ai carabinieri, che stanno eseguendo accertamenti per ricostruire la dinamica della tragedia.

Muore a cinquant'anni cadendo da un albero mentre  raccoglie le olive a San Severo di Foggia, sconosciuta l'identità della vittima.


sabato 10 novembre 2018

Muoiono in 6 negli ultimi due giorni: due schiacciati dal trattore che guidavano

La strage continua. Muoiono in 6 negli ultimi due giorni. Un agricoltore, di cui non si conosce ancora l'identità è morto nella provincia di Matera: un altro, Nicola Cavaliere di 40 anni è morto  schiacciato da questo killer a Chiampo di Vicenza.  Un autotrasportatore di 40 anni è morto in Via Marconi a Monza. Marco Carlo Massano, un perito tecnico è morto in provincia di asti, ucciso da un novantenne che credeva volesse sfrattarlo. A San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna è morto un autrasportatore pugliese di Fasano. ricordiamo anche il 19enne di Aersana di Lecce che è morto nell'esplosione di una fabbrica di Fuochi d'artificio

venerdì 9 novembre 2018

Muore diciannovenne a Arnesano di Lecce nell'esplosione di una fabbrica di fuochi d'artificio

Gabriele Cosma il figlio del titolare è morto a 19 anni, il padre è ricoverato all'Ospedale Perrino di Brindisi, la tragedia a Arnesano. Con i tre morti di oggi arriviamo a contare 621 morti sui Luoghi di Lavoro

mercoledì 7 novembre 2018

Edile di 36 anni muore cadendo da un ponteggio a Comacchio di Ferrara


Un operaio edile di 36 anni è morto nella tarda mattinata del 7 novembre mentre stava lavorando su un ponteggio, che è improvvisamente crollato: la tragedia nel Centro storico. L’operaio è caduto da un’altezza di diversi metri, oltre ai vigili del fuoco e i carabinieri di Comacchio è arrivato anche il personale della medicina del lavoro. Si è tentato a lungo di rianimare la vittima. Scene strazianti all'arrivo dei familiari della vittima arrivati sul luogo dell'infortunio poco dopo.

martedì 6 novembre 2018

Vice-brigadiere dei carabinieri muore travolto da un treno mentre insegue un ladro


Emanuele Reali è morto in servizio a soli 34 anni, è stato investito e ucciso da un treno a poche centinaia di metri dalla stazione di Caserta: stava inseguendo due ladri quando è stato travolto dal treno. Una tragedia avvenuta nel tardo pomeriggio sotto gli occhi dei suoi colleghi. Il ladro è riuscito ad evitare il treno, il vice-brigadiere ne è stato travolto. Inutile l'intervento dei commilitoni, Reali è morto tra la disperazione dei colleghi. Sono già 8 i carabinieri morti nell'esercizio delle loro funzioni. Tra l'altro, avendo un'assicurazione propria, quando fanno il "conteggio" dei morti sul lavoro, come altre categorie spariscono dalle statistiche. E così ogni anno un terzo dei lavoratori non vengono conteggiati

venerdì 2 novembre 2018

Morire di lavoro a 18 anni, Andrea Masi (nella foto) lavorava in un Centro Commerciale alle 4 di mattina e dopo aver fatto decine di km, dalla provincia di Varese a quella di Milano


Andrea Masi è morto a 18 anni, dopo aver battuto la testa mentre era su un muletto guidato da un collega, non erano neanche le 4 di mattina. Sembra che  dava le spalle al senso di marcia a non si è accorto dell'abbassamento del soffitto. Stava lavorando all’’installazione della fibra ottica nel parcheggio sotterraneo del centro commerciale di piazzale Portello, a Milano.
Andrea ha battuto violentemente la testa contro un’architrave ed è finito a terra privo di sensi.  Inutili i tentativi di rianimazione da parte dei colleghi: all’arrivo del 118  era già morto. Il diciottenne, lavorava per una società che si occupa dell’installazione di fibra ottica. Sul posto, oltre al personale sanitario, è intervenuta la polizia. 


giovedì 1 novembre 2018

Report morti sul lavoro dal 1° gennaio al 31 ottobre 2018


Report morti sul lavoro dal 1° gennaio al 31 ottobre 2018
Sono complessivamente oltre 1200 i morti sul lavoro nei primi dieci mesi del 2018. Di questi ben 611 sui luoghi di lavoro (esclusi morti sulle strade e in itinere che sono sempre almeno altrettanti ogni anno). Le categorie con il maggior numero di morti sui luoghi di lavoro: Agricoltura con il 31,9%. Sono ben 132 i morti schiacciati dal trattore dall’inizio dell’anno e 81 dall’insediamento del nuovo governo. Edilizia con il 15,2 risulta in forte diminuzione (è sempre stata come categoria a oltre il 20% ogni anno). Autotrasporto di tutte le categorie, rappresentano l’11% di tutti i morti sui luoghi di lavoro. L’industria ha in questi primi dieci mesi l’8,1% di tutti i morti sul lavoro: in questo conteggio ci sono i morti di tutte le categorie industriali, anche quelle di piccole dimensioni. Sono ben 23 i morti causati dagli alberi che hanno travolto l’operatore. Sono 7 i carabinieri morti mentre facevano il loro dovere. 3 i postini morti in incidenti stradali. Impressiona registrare il 28% dei morti sui luoghi di lavoro ha da 61 anni in su. Sotto i trent’anni sono stati 38. Dai 30 ai 60 anni la percentuale è del 37,80%. Gli stranieri morti sui luoghi di lavoro sono stati l’8% sul totale. Le regioni con più morti sui Luoghi di lavoro sono il Veneto, la Lombardia, la Campania, l’Emilia-Romagna, il Piemonte e la Toscana. Le province con più morti: Torino con 19 morti sui luoghi di lavoro, Verona con 18 morti, Salerno con 17, Napoli con 16, Treviso con 15, Milano 12. Nei primi dieci medi del 2017 i morti sui Luoghi di lavoro sono stati 565 meno 8,5% rispetto al 2018.Nie primi dieci mesi del 2008, anno di apertura dell’Osservatorio furono 551 meno 9,8% rispetto ai primi dieci mesi del 2018.

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro.
 L’unico sito che monitora in tempo reale TUTTI i morti per infortunio sul lavoro
Morti sul lavoro dal 1° gennaio al 31 ottobre 2018
Sono 611 i morti sui luoghi di lavoro (tutti registrati in apposite tabelle Excel). Con i morti sulle strade e in itinere sono già morti oltre 1100 lavoratori.
Chiediamo una Commissione Parlamentare d’inchiesta per sapere il reale numero di morti per infortuni sul lavoro in Italia che sono sempre sottostimati
Sono ben 81 i morti schiacciati dal trattore dalla nascita a giugno del nuovo governo, e 132 dall’inizio dell’anno. Aspettiamo un intervento mirato dal Ministro Centinaio,
N.B i morti segnalati nelle Regioni sono solo quelli sui LUOGHI DI LAVORO. Ricordo ancora una volta che ce ne sono almeno altrettanti che muoiono sulle strade e in itinere nelle province. Non sono conteggiati, oltre che i morti in itinere nelle province e regioni i morti sulle autostrade: con queste morti arriviamo già a superare i 1100 morti per infortuni complessivi
Morti sui luoghi di lavoro nelle province italiane, esclusi dalle province i morti in autostrada e che lavoravano all’estero
VENETO 61 Venezia (11), Belluno (3), Padova‎ (4), Rovigo (3), Treviso (15), Verona (18), Vicenza (7). Lombardia 53 Milano (12), Bergamo (5), Brescia (8), Como (5), Cremona (3), Lecco (1), Lodi (1), Mantova (8), Monza Brianza (3), Pavia (3), Sondrio (5), Varese () CAMPANIA 49 Napoli (16), Avellino (4), Benevento (), Caserta (11), Salerno (17).  EMILIA ROMAGNA 47 Bologna (6), Rimini (1). Ferrara (8) Forlì Cesena (6) Modena (7) Parma (5) Ravenna (5) Reggio Emilia (3) Piacenza (4) PIEMONTE 46Torino(19), Alessandria (6), Asti (6), Biella (2), Cuneo (8), Novara (1), Verbano-Cusio-Ossola (2) Vercelli (2)TOSCANA 46 Firenze (5), Arezzo (9), Grosseto (3), Livorno (4), Lucca (3), Massa Carrara (5), Pisa‎ (7), Pistoia (4), Siena (6) Prato ().   SICILIA 37 Palermo (9), Agrigento (5), Caltanissetta (3), Catania (6), Enna (3), Messina (4), Ragusa (2), Siracusa (2), Trapani‎ (3). LAZIO 28 Roma (9), Viterbo (4) Frosinone (6) Latina (6) Rieti (3). )  PUGLIA 24 Bari (5), BAT (1), Brindisi (1), Foggia (3), Lecce (5) Taranto (2)  CALABRIA 27 Catanzaro (5), Cosenza (8), Crotone (9), Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (3) ABRUZZO 26 L'Aquila (7), Chieti (7), Pescara (3) Teramo (8) LIGURIA 18 Genova (11), Imperia (), La Spezia (4), Savona (3)   SARDEGNA 13Cagliari (3), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (3), Ogliastra (), Olbia-Tempio (3), Oristano (1), Sassari (3). Sulcis inglesiente TRENTINO ALTO ADIGE 15 Trento (9), Bolzano (6) MARCHE 12 Ancona (2), Macerata (3), Fermo (1), Pesaro-Urbino (), Ascoli Piceno (6). FRIULI VENEZIA GIULIA 11Trieste (), Gorizia (1), Pordenone (2), Udine (7). UMBRIA 9 Perugia (5) Terni (4).  BASILICATA 7 Potenza (6) Matera (1)  Molise 6 Campobasso (5), Isernia (1) .VALLE D’AOSTA( )

lunedì 29 ottobre 2018

Che strage. Non esiste in Italia la cultura della Sicurezza.

La tragedia di campo Rizzuto nel crotonese , dove hanno perso la vita tre lavoratori e l'imprenditore mette con chiarezza in luce le condizioni in cui sono costretti a lavorare tanti lavoratori italiani. La Sicurezza. in questo caso è inesistente. Tra l'altro questi lavoratori stavano lavorando a notte fonda dentro una "trincea" scavata per problemi alle fognature, quando la frana li ha travolti. Anche in questo caso come in tanti altri, perde la vita un piccolo imprenditore coi suoi operai. L'esperienza di 11 anni di monitoraggio con L'Osservatorio e gli innumerevoli casi di cui sono venuto a conoscenza, mi hanno fatto capire che spesso la mancata Sicurezza sul lavoro è sopratutto un fatto culturale. la Sicurezza sul lavoro deve entrare nelle scuole. Il caso dell'imprenditore Marrisi, del giovane operaio figlio del titolare che ha perso la vita i con una manica "agganciata dal tornio in movimento pochi mesi fa, e tante altre situazioni fanno capire che la mancanza della cultura della sicurezza è un fatto gravissimo e generalizzato. Quale genitore metterebbe a repentaglio la vita del figlio se avesse  la consapevolezza del pericolo a cui il figlio va incontro? Ma anche nel caso di Crotone rivela "l'incoscienza" e la faciloneria con cui si svolgono lavori pericolosi: chi metterebbe a rischio la propria vita se sapesse che è in pericolo? Occorre un grande sforzo collettivo a tutti i livelli per cercare di attenuare il fenomeno. Ma mai tanti morti sul lavoro come quest'anno da quando ho aperto l'Osservatorio, a fine anno sarà superato ogni record negativo, 2018 anno horribilis. Carlo Soricelli curatore dell'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

domenica 28 ottobre 2018

Apprendiamo di una terribile tragedia nel crotonese: quattro lavoratori hanno perso la vita questa notte mentre lavoravano in una condotta fognaria


28 ottobre 2018 Quattro lavoratori sono morte la notte scorsa a causa di una frana caduta durante l’esecuzione di alcuni lavori di emergenza ad una condotta fognaria danneggiata in passato dal maltempo. Tra le vittime anche il titolare della Ditta Massimo Marrelli, 59 anni,  dell’omonimo gruppo a cui fanno capo diverse strutture sanitarie nel Crotonese. Gli altri tre morti sono Santo Bruno, 53 anni di Isola Capo Rizzuto, Luigi Ennio Colacino, 45 anni di Cutro, Mario Cristofaro, 49 anni di Crotone.  I corpi sono stati recuperati dai Vigili del Fuoco di Crotone. I carabinieri stanno indagando su questa immanetragedia che ha colpito ancora una volta questa provincia che ha già avuto quest'anno la morte di due lavoratori per un crollo di un muro il 5 aprile.

I



Sabato tragico con 4 morti per infortunio: tre di questi schiacciati dal trattore che guidavano

Un sabato di sangue il 27 ottobre, con 4  morti, di questi tre schiacciati dal trattore: Salvatore Pisciotta di soli 53 anni è morto schiacciato da questo mezzo a  Polizza Generosa.Stessa sorte è toccata a Alberto Di Carlo che ha perso la vita schiacciato dal trattore a Castel castagna di Teramo. A morire in questo modo anche un settantenne: salvatore sale ha perso la vita in questo modo tragico a Dorgoli di Nuoro. Di un giovane di  29 anni morto fulminato G. L.C aTerrasini si sa solo che è morto mentre stava lavorando sui fili di un contatore, non sappiamo null'altro

sabato 27 ottobre 2018

quattro morti per infortunio anche il 26 ottobre, arriviamo a contare 600 morti sui luoghi di lavoro, altrettanti sulle strade.. Muore per infortunio camionista di 83 anni guidando un camion. Muore operatore ecologico, muore operaio travolto da una lastra, muore autrasportatore sull'A1

26 ottobre. La strage continua anche in quest giorno, arriviamo all'incredibile numero di 600 morti sui luoghi di lavoro. Un camionista di 83 anni è morto nella provincia di Vercelli un incidente. tante volte abbiamo detto che svolgere lavori pericolosi (per se e per gli altri è indegno per un Paese civile. Nella provincia di Catania è morto travolto da una lastra lavica Gaetano Alessi di 55 anni. Muore anche un operatore ecologico nella provincia di Arezzo, Giancarlo Arleoni è stato travolto da un camion in retromarcia. Muore sull'A1 dopo un incidente che ha coinvolto diversi autotrasportatori Antonio Piccolo

venerdì 26 ottobre 2018

Tre morti sui luoghi di lavoro anche il 25 ottobre. Danilo Zavatta, tecnico ravennate della Protezione Civile viene travolto da una frana. Muore giovane agricoltore nell'astigiano. Muore dopo 17 giorni di agonia per lo scoppio di un pneumatico.

Si chiama danilo Zavatta il tecnico della Protezione civile Crollo travolto da una campata di una chiusa a San Bartolo 
La tragedia giovedì pomeriggio all'altezza della chiusa lungo il fiume Ronco di San Bartolo, lungo via Ravegnana, dove già nella mattinata erano in corso verifiche di stabilità per alcuni movimenti franosi dell'argine del fiume Ronco. Zavatta, è rimasto sepolto nel crollo improvviso della prima campata della chiusa, La tragedia  nel primo pomeriggio. Il corpo senza vita del tecnico 
è stato recuperato giovedì sera intorno alle 23.15.

Muore dopo 17 giorni di agonia un lavoratore che stava gonfiando un pneumatico di un camion scoppiato improvvisamente nel pescarese.
Muore un giovane lavoratore travolto da un trattore mentre stava guidando un altro mezzo agricolo   
RAI2 TG2 INSIEME - Carlo Soricelli nella trasmissione di Marzia Roncacci

Carlo Soricelli intervistato dalla trasmissione num3ri su Rai2


Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino scritta due giorni questa tragedia

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Anche tu, indipendentemente dal lavoro che svolgi corri seri pericoli

1) Da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna le morti per infortunio sul lavoro non sono mai calate se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL, istituto che monitora solo i propri assicurati

2) In base a questi presunti cali inesistenti e diffusi dalla stampa, dal potere politico e economico in Parlamento si sono fatte leggi per alleggerire le normative sulla sicurezza

3) Almeno un terzo dei morti sul lavoro sfuggono a qualsiasi statistica

4) In questi dieci anni sono morti per infortunio sul lavoro oltre 13.000 lavoratori se si prendono in considerazione tutti, comprensivi dei morti sulle strade e in itinere

5) Ogni anno oltre la metà dei morti sul lavoro sono sulle strade e in itinere (itinere significa mentre si va e si torna dal lavoro). La mancata conoscenza delle normative specifiche sull’itinere è spesso una trappola che impedisce il riconoscimento dell’infortunio, anche mortale e questo vale per tutti i lavoratori indipendentemente il lavoro che svolgono. Tutti si spostano da casa verso e al ritorno dal lavoro

6) Sui luoghi di lavoro in questi dieci anni sono morti oltre 7000 lavoratori (esclusi i morti sulle strade e in itinere)

7) Le donne muoiono relativamente poco sui luoghi di lavoro, ma tantissime perdono la vita in itinere. Sono dovute alla stanchezza per il doppio lavoro che svolgono tra casa e lavoro che ne riduce la prontezza dei riflessi

8) Oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni

9) La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni che non hanno più i riflessi pronti e buona salute per svolgere lavori pericolosi.

10) Il jobs act che ha abolito di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fa aumentare le morti sul lavoro per l’impossibilità di rifiutarsi di svolgere lavori pericolosi. Prova ne è che la stragrande maggioranza di chi muore per infortunio lavora in aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18, di rappresentanza sindacale e di un responsabile della Sicurezza. L’articolo 18 abolito dal jobs acts recitava che non si può licenziare senza Giusta Causa e Giustificato Motivo.

11) Moltissime sono le morti tra artigiani e partite iva individuali e in nero e grigio.

12) E’ l’agricoltura la categoria più a rischio: mediamente supera ogni anno il 30% delle morti sui luoghi di lavoro di tutte le categorie e tra gli agricoltori

13) Un morto si cinque sui luoghi di lavoro ogni anno è provocato dal trattore, ne sono morti in questi dieci anni almeno 1000 mentre guidavano questo mezzo, oltre 400 sono i morti accertati dall’Osservatorio provocati dal ribaltamento del trattore in questi ultimi tre anni.

14) L’edilizia ha mediamente il 20% di tutte le morti sui luoghi di lavoro. Le cadute dall’alto sono un’autentica piaga in questa categorie. In tanti muoiono lavorando in nero in edilizia e in aziende del subappalto.

15) In questi dieci anni non si è fatto niente per arginare questa piaga, il Parlamento ha ignorato le morti di tanti lavoratori e questo per il semplice fatto che il lavoro dipendente e gli artigiani non hanno nessuna rappresentanza di fatto nelle due Camere.

16) Se non vuoi morire lavorando occupati in prima persona della tua sicurezza personale e rifiutati di svolgere lavori pericolosi e denuncia chi ti obbliga a farlo, e se non ne hai la forza di opporti lascia una memoria scritta ai tuoi familiari che potranno un domani denunciare queste autentiche violenze.

Nessuno&scomparso

Ogni anno circa il 30-40% delle denunce delle morti sul lavoro pervenute all’INAIL non vengono riconosciute come tali. Molte altre morti per infortunio sulle strade e in itinere di lavoratori non assicurati a questo istituto non sono considerate da nessuno. Artigiani e tutti i lavoratori con partite iva individuali, agenti di commercio, molti agricoltori schiacciati dal trattore non dipendenti, poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, soldati, ecc. Lavoratori in nero. Lavoratori che non hanno neppure “l’onore” di essere considerati come tali, "morti sul lavoro". Vignette di "Nessuno&scomparso" nel sito http//metalmeccanico.blogspot.it

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei
http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei morti sul lavoro conosciuti in questi anni. Sono vasi di fiori dedicati e firmati col nome della vittima. Ci sono anche pagine dei loro cari che parlano del loro "fiore reciso". Consiglio a tutti di visitare il sito per leggere quello che scrivono i familiari delle vittime. per visitare il sito cliccare sull'immagine.