morti sul lavoro

Osservatorio Indipendente di Bologna

Independent Observatory for deaths at work

Aperto il 1° gennaio 2008 dall’artista Carlo Soricelli per non dimenticare i sette operai della ThyssenKrupp di Torino morti poche settimane prima

per contatti carlo.soricelli@gmail.com

L’unico sito che monitora in tempo reale i morti sul lavoro.

Morti sul lavoro nel 2021

Dall’inizio dell’anno al 6 maggio ci sono stati 226 morti su luoghi di lavoro, 57 a Aprile, 450 con i morti sulle strade e in itinere

Già 55 gli agricoltori schiacciati dal trattore nel 2021

Occorre aggiungere i morti per infortuni da coronavirus: 88 medici morti per coronavirus nel 2021 (358 totali dall’inizio epidemia) 80 gli infermieri in servizio. Il 70% dei lavoratori morti per infortuni sul lavoro da coronavirus sono donne

Aperto il 1° gennaio 2008 da Carlo Soricelli in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima

l’INAIL considera i propri assicurati morti a causa del coronavirus, come morti per infortuni sul lavoro, noi aggiungiamo anche gli altri che non lavorano nella Sanità

Curatore Carlo Soricelli tecnico metalmeccanico in pensione e pittore sociale da 50 anni

Su Facebook

https://www.facebook.com/carlo.soricelli

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

https://www.instagram.com/pittorepranico/channel/?hl=it

Qui sotto i MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO nelle Regioni e Province (non ci sono i morti per covid). Non sono contati neppure i morti in itinere e sulle strade: tenete presente che i morti in itinere e sulle strade sono almeno altrettanti rispetto a quelli segnalati qui sotto nelle Regioni e Province. Ma noi preferiamo tenerli separati, perché richiedono altri interventi, che sono diversi da quelli delle morti sui Luoghi di Lavoro. Ma altri li conteggiano tutti insieme generando confusione tra chi vuole comprendere le reali dimensioni e qualità del fenomeno. NB nelle province e Regioni non ci sono i morti per infortuni provocati dal coronavirus

Morti sui LUOGHI DI LAVORO nelle Regioni nel 2021

Lombardia 23 Milano (2), Bergamo (1), Brescia (9), Como (), Cremona (1), Lecco (3), Lodi (1), Mantova (), Monza Brianza (), Pavia (2), Sondrio (2), Varese(2) CAMPANIA 22 Napoli (6), Avellino (2), Benevento (1), Caserta (6), Salerno (7)) VENETO 24 Venezia (2), Belluno (1), Padova‎ (8), Rovigo (), Treviso (4), Verona (2), Vicenza (6) TOSCANA 20 Firenze (4), Arezzo (), Grosseto (1), Livorno (1), Lucca (4), Massa Carrara (1), Pisa‎ (1), Pistoia (6), Siena () Prato(2) PIEMONTE 18 Torino (8), Alessandria (4), Asti (1), Biella (1), Cuneo (4), Novara (), Verbano-Cusio-Ossola () Vercelli) LAZIO 15 Roma (8), Viterbo () Frosinone (4) Latina (3) Rieti () EMILIA ROMAGNA 14 Bologna (2), Rimini (2) Ferrara (2) Forlì Cesena () Modena (3) Parma () Ravenna (2) Reggio Emilia (3) Piacenza () PUGLIA 13 Bari (2), BAT (1), Brindisi (2), Foggia (), Lecce (3) Taranto (5) iglesiente () ABRUZZO 10 L'Aquila (2), Chieti (5), Pescara () Teramo (3) CALABRIA 12 Catanzaro (2), Cosenza (6), Crotone (1) Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (1) SICILIA 8 Palermo (), Agrigento (1), Caltanissetta (), Catania (2), Enna (), Messina (2), Ragusa (3), Siracusa (), Trapani‎ () TRENTINO ALTO ADIGE 7 Trento (3) Bolzano (4) FRIULI VENEZIA GIULIA (7) Pordenone (1) Trieste (1) Udine (4) Gorizia (1) MARCHE 5 Ancona (2), Macerata (), Fermo (), Pesaro-Urbino (2), Ascoli Piceno (1) Fermo LIGURIA 2 Genova (), Imperia (, La Spezia (1), Savona (1) BASILICATA 3 Potenza (3) Matera () UMBRIA 1 Perugia (1) Terni () Molise 2 Campobasso (1) Isernia (1). SARDEGNA 2 Cagliari () Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (), Oristano (), Sassari (1). Sulcis VALLE D’AOSTA (1)

Morti sul lavoro nel 2020

574 i lavoratori morti sui luoghi di lavoro nel 2020, 1172 complessivi con i morti sulle strade e in itinere. Altri 525 morti per infortunio da coronavirus: 276 i medici morti nel 2020, 74 gli infermieri e innumerevoli altri lavoratori di tante categorie lavorative. È sempre l’agricoltura con oltre il 30% ad avere più morti sui luoghi di lavoro, segue l’edilizia, l’autotrasporto e l’industria. Rispetto al 2019 registriamo per il fermo provocato dal lockdown un calo dei morti del 18% sui luoghi di lavoro, ma superiamo i 1600 morti complessivi se si aggiungono i morti sulle strade e causati per infortuni da coronavirus

Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio

Per informazioni carlo.soricelli@gmail.com

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Carlo Soricelli attività artistica

Carlo Soricelli

Metalmeccanico in pensione. Pittore-scultore. Soricelli nasce a San Giorgio del Sannio in provincia di Benevento nel 1949, ed all'età di quattro anni si trasferisce a Bologna con la sua famiglia.
Nella tarda adolescenza Soricelli comincia a produrre i primi quadri in cui si nota un forte interesse per le problematiche legate all'ecologia ed una grande attrazione nei confronti della natura; lo si vede negli animali che ripropone spesso e negli alberi morenti che assumono sembianze umane.
Fin d'allora l'arte di Soricelli è di denuncia nei confronti di una società che sta progredendo alle spese dell'equilibrio ambientale e della giustizia sociale. Nei primi anni Settanta i soggetti delle opere diventano soprattutto figure umane legate al mondo dell'emarginazione, accattoni, raccoglitori di cartone, handicappati, anziani, ma anche lavoratori ed operai che incontra ogni giorno sul posto di lavoro. Nelle sue tele ci scontriamo con visi stanchi ed abbruttiti, solcati dalla sofferenza e dalla solitudine, con corpi pesanti che non hanno niente del bello classico, cromatismi scuri di nero, marrone, blu, mai decorativi. Non c'è speranza, né si allude a qualche possibilità di riscatto, ma troviamo una costante messa in visione di tutto ciò che normalmente siamo portati ad evitare perché disturbante. Questa pittura, che giunge immediata ed essenziale, è spesso associata al filone dell'arte Naïve, quella di grandi come Ligabue, Covili, Ghizzardi. Infatti, a partire dall'84, Soricelli inizia ad esporre alla Rassegna di Arti Naïves ospitata presso il Museo Nazionale "Cesare Zavattini" di Luzzara a Reggio Emilia, dove riceve vari riconoscimenti tra cui il titolo di Maestro d'arte.
All'inizio degli anni Ottanta l'artista bolognese realizza le prime opere di scultura, ulteriore ed efficace veicolo espressivo del suo messaggio; è del 1985 “Il Consumista”, scultura emblematica in cui una creatura umana mostruosa, vestita di ritagli di spot e slogan pubblicitari, sta divorando se stesso ed ancora, del 1989, Il Comunicatore, ironica e brutale visione Orwelliana. Già dai primi anni Ottanta Soricelli propone il tema degli angeli e lo elabora a suo modo; l'angelo è l'escluso, prima schiacciato e deformato, ora alleggerito da un paio d'ali che garantiscono una dignitosa speranza, non tanto con l'intento di avvicinare al sovrannaturale, ma al contrario per riportare l'esistenza ad un'unica dimensione Umana. Da vent’anni Soricelli sta lavorando a quella da lui definita Pittura Pranica, che consiste nella visualizzazione dell'energia comune a tutti gli esseri viventi allo scopo di produrre effetti terapeutici per mente e corpo dell’osservatore La prima opera pranica del 1996 Soricelli si ritrae nelle vesti di cavaliere pranico, è stata acquistata dal Museo Zavattini. Soricelli espone dal 1976 con circa una settantina di mostre, tra cui quelle al Palazzo Re Enzo di Bologna nel 1986, alla Festa Nazionale dell'Unità di Reggio Emilia con una personale insieme a Cesare Zavattini nel 1995 e presso Palazzo d'Accursio a Bologna nel 1996. Ha esposto con prestigiose mostre in Francia, Germania, Unione Sovietica, Grecia e Jugoslavia. E' presente in numerose collezioni pubbliche e private ed è presente in diversi musei. Da 15 anni ha aperto a Casa Trogoni di Granaglione, in provincia di Bologna, una casa museo delle sue opere, visitabile al pubblico su appuntamento. Una stanza è stata dedicata alla pittura pranica e qui nel silenzio chi vuole può gratuitamente sottoporsi all’esperimento di autoguarigione attraverso la visione delle opere praniche. Da qualche anno ha ripreso a creare opere che faceva già dagli anni ottanta con materiali di scarto della nostra società, trovati sulle strade come per esempio mozziconi di sigarette e copricerchioni, di fianco a bidoni della spazzatura, macerie di vecchie case ecc. Ha chiamato questo filone d’arte “Rifiutismo”.

Nel 1997 ha pubblicato un libro dal titolo “Maruchèin”, con prefazione di Pupi Avati, in cui ha raccontato le sue esperienze di bambino meridionale emigrato al Nord negli anni Cinquanta. Nel 2001 ha pubblicato il suo secondo libro “Il Pitto” con prefazione di Maria Falcone. Il terzo “Pensieri liberi e sfusi”, il quarto “La classe operaia è andata all’inferno”, il quinto ”Terramare” e il sesto “Porta Collina, l’ultima battaglia dei Sanniti”. Il sesto Pensieri Liberi e Sfusi, il settimo un libro di poesie “Canti Aionici”.

E' l'ideatore e curatore dell'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro sito http://cadutisullavoro.blogspot.it/ . Attivo dal 1° gennaio 2008 in ricordo dei sette operai della ThyssenKrupp di Torino morti tragicamente poche settimane prima. E' il primo osservatorio indipendente sulle morti sul lavoro nato in Italia ed è formato solo da volontari diventando punto di riferimento nazionale per chi cerca notizie su queste tragedie.

Siti di carlo soricelli

I miei siti

Casa Museo Carlo Soricelli a Casa Trogoni di Granag

Carlo Soricelli opere di pittura e scultura

http://pitturapranica.blogspot.it/

Il rifiutismo

Sito di sculture di fiori flowers soricelli

poesie di carlo soricelli

poesie di carlo soricelli

Translate (traduci nella tua lingua)

martedì 28 aprile 2020

Muore schiacciato dal trattore lavorando la terra a soli 13 anni. poliziotto ucciso mentre inseguiva dei banditi che avevano svaligiato una banca

le due tragedie in Campania. Un ragazzo di 13 anni ha perso la vita nelle campagne di Monteverde, in provincia di Avellino. Secondo le prime indagini, svolte dai carabinieri, sarebbe rimasto schiacciato da un trattore mentre stava eseguendo lavori agricoli in un fondo. Il tragico incidente si è verificato nel tardo pomeriggio. Il mezzo si sarebbe capovolto in un tratto di forte pendenza. Non è ancora stato stabilito chi fosse alla guida. Napoli L’agente scelto Pasquale Apicella, 37 anni, è stato travolto questa notte mentre era alla guida della sua volante dall’auto di tre criminali in fuga in via Calata Capodichino. L’agente era intervenuto questa mattina alle 4 per un tentato furto a un bancomat della Banca di Credito Agricolo. Sul posto era intervenuta prima un’altra pattuglia, che era riuscita a mettere in fuga i tre malviventi, che prima di scappare hanno speronato la volante e poi hanno imboccato Via Calata Capodichino contromano. Dalla via, però, stava giungendo la pattuglia del commissariato di Secondigliano, allertata dalla centrale operativa, guidata dall’agente Apicella, che è stata travolta dall’Audi A4 dei criminali, frutto di un furto e con targa sovrapposta e telaio punzonato. L’impatto è stato violentissimo uccidendo Apicella sul colpo, mentre il collega che viaggiava con lui è rimasto lievemente ferito. Nello scontro sono rimasti feriti anche due rapinatori, che adesso si trovano in ospedale, piantonati dagli agenti. Si tratta di due stranieri, che vivono nel campo rom di Giugliano, in provincia di Napoli. Il terzo ladro è riuscito a scappare e sono in corso capillari ricerche.

giovedì 23 aprile 2020

muore bambina di tre anni travolta dal trattore guidato dal nonno

Da 12 anni ci battiamo contro questa autentica carneficina che è la strage di agricoltori schiacciati dal trattore. Ci sono poi numerose vittime innocenti come bambini trasportati incautamente su questo mezzo mortale, giovani che fanno gare di velocità con questo mezzo, tanti che muoiono guidando questo mezzo in strada, o che provocano incidenti dove perdono la vita altri innocenti che si scontrano con questo mezzo. In questi 12 anni ne sono morti oltre 1600 alla guida di questo mezzo, poi tantissimi altri indirettamente. sono già 31 i guidatori di questo mezzo morti dall'inzio dell'anno guidando il trattore. E nessuno fa niente, neppure la nuova ministra donna non sembra particolarmente interessata a questa strage

mercoledì 22 aprile 2020

Muore travolto da una lastra d'acciaio in un'officina dell'astigiano

Ennesima tragedia sul lavoro: perde la vita il titolare di un'officina di Antignano nell'astigiano. la vittima è stata travolta da una lastra metallica, anche il figlio è rimasto gravemente ferito

domenica 19 aprile 2020

Tre lavoratori morti il 18 aprile: eppure si muore per infortuni sul lavoro anche senza coronavirus. Col coronavirus già 320 lavoratori morti per infortunio sul lavoro

Muore a 32 anni travolto da un'automobilista sull'A1 nei pressi di Reggio Emilia. Il giovane stava lavorando in un cantiere stradale perfettamente segnalato quando un automobilista l'ha travolto uccidendolo sul colpo. Gli altri due morti in agricoltura, tutti e due i morti causati dal trattore nelle province di Perugia e Cuneo. continua la strage provocata dal coronavirus

venerdì 17 aprile 2020

due morti in agricoltura il 16 aprile. nel post l'elenco dei 127 medici morti per il coronavirus, rendiamo loro omaggio

Un agricoltore è stato schiacciato dal trattore nell'alessandrino. perde la vita un altro agricoltore schiacciato dal trattore in provincia di foggia: è stato travolto da un muletto in manovra L'elenco dei medici morti per il coronavirus: rendiomo omaggio al loro sacrificio. 1. Roberto Stella † 11 03 2020 Presidente dell’Ordine dei Medici di Varese, Responsabile Area Strategica Formazione FNOMCeO, Presidente nazionale della SNAMID 2. Giuseppe Lanati † 12 03 2020 Pneumologo 3. Giuseppe Borghi † 11 03 2020 Medico di Medicina Generale 4. Raffaele Giura † 13 03 2020 Ex primario del reparto di Pneumologia 5. Carlo Zavaritt † 13 03 2020 Pediatra e neuropsichiatra infantile 6. Gino Fasoli † 14 03 2020 Medico di medicina generale già in pensione richiamato per l’emergenza Covid-19 7. Luigi Frusciante † 15 03 2020 Medico di Medicina Generale 8. Mario Giovita † 16 03 2020 Medico di Medicina Generale 9. Luigi Ablondi † 16 03 2020 Epidemiologo, ex direttore generale dell’Ospedale di Crema 10. Franco Galli † 17 03 2020 Medico di Medicina Generale 11. Ivano Vezzulli † 17 03 2020 Medico di Medicina Generale e medico dello sport 12. Massimo Borghese † 18 03 2020 Specialista in Otorinolaringoiatria e Foniatria 13. Marcello Natali † 18 03 2020 Medico di Medicina Generale, segretario della Federazione dei medici di Medicina generale di Lodi 14. Antonino Buttafuoco † 18 03 2020 Medico di Medicina Generale 15. Giuseppe Finzi † 19 03 2020 Ematologo e docente a contratto di Malattie vascolari all’Università di Parma 16. Francesco Foltrani † 19 03 2020 Medico di Medicina Generale 17. Andrea Carli † 19 03 2020 Medico di Medicina Generale 18. Bruna Galavotti † 19 03 2020 (data segnalazione) Psichiatra, Decana dell’Associazione Donne Medico di Bergamo 19. Piero Lucarelli † 19 03 2020 (data segnalazione) Anestesista 20. Vincenzo Leone † 21 03 2020 Medico di medicina generale, vicepresidente SNAMI 21. Antonio Buonomo † 21 03 2020 Medico legale 22. Leonardo Marchi † 21 03 2020 Medico infettivologo, direttore sanitario Casa di Cura San Camillo 23. Manfredo Squeri † 23 03 2020 Già medico ospedaliero, attualmente responsabile del reparto di Medicina nella Casa di Cura Piccole Figlie di Parma convenzionata con SSN 24. Rosario Lupo † 23 03 2020 Medico legale, dirigente del Centro Medico Legale INPS di Bergamo 25. Domenico De Gilio † 19 03 2020 Medico di medicina generale 26. Calogero Giabbarrasi † 24 03 2020 Medico di medicina generale 27. Renzo Granata † 23 03 2020 Medico di medicina generale 28. Ivano Garzena † 23 03 2020 Odontoiatra 29. Ivan Mauri † 24 03 2020 Medico di medicina generale 30. Gaetano Autore † 25 03 2020 Medico di medicina generale 31. Vincenza Amato † 24 03 2020 Dirigente Medico Responsabile U.O.S. Igiene Sanità Pubblica del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria 32. Gabriele Lombardi † 18 03 2020 Odontoiatra 33. Mario Calonghi † 22 03 2020 Odontoiatra 34. Marino Chiodi † 22 03 2020 Oculista 35. Carlo Alberto Passera † 25 03 2020 Medico di medicina generale 36. Francesco De Francesco † 23 03 2020 Pensionato, già medico ospedaliero, scultore e pittore 37. Antonio Maghernino † 25 03 2020 Medico di continuità assistenziale 38. Flavio Roncoli † 03 2020 Pensionato 39. Marco Lera † 20 03 2020 Odontoiatra 40. Giulio Titta † 26 03 2020 Medico di medicina generale, ex-segretario FIMMG 41. Benedetto Comotti † 26 03 2020 Ematologo 42. Anna Maria Focarete † 27 03 2020 Consigliere Provinciale FIMMG, Presidente SIMG e già consigliere dell’Ordine Prov. dei Medici di Lecco 43. Dino Pesce † 26 03 2020 Medico internista, per vent’anni primario del reperto di medicina generale dell’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena 44. Giulio Calvi † 26 03 2020 Medico di medicina generale 45. Marcello Ugolini † 27 03 2020 Pneumologo, consigliere dell’Ordine dei Medici 46. Abdel Sattar Airoud † 16 03 2020 Medico di medicina generale 47. Giuseppe Maini † 12 03 2020 Medico di medicina generale 48. Luigi Rocca † 26 03 2020 Pediatra 49. Maurizio Galderisi † 27 03 2020 Cardiologo e professore di Medicina Interna all’Università Federico II di Napoli 50. Leone Marco Wischkin † 27 03 2020 (data segnalazione) Medico internista 51. Rosario Vittorio Gentile † 22 03 2020 Medico di medicina generale, specialista in allergologia ed ematologia 52. Francesco Dall’Antonia † 24 03 2020 Ex-primario della Chirurgia I di Vicenza 53. Abdulghani Taki Makki † 24 03 2020 Odontoiatra 54. Aurelio Maria Comelli † 28 03 2020 Cardiologo, ex primario di Medicina Interna 55. Michele Lauriola † 28 03 2020 (data segnalazione)* Medico di medicina generale 56. Francesco De Alberti † 28 03 2020 Ex presidente OMCeO Lecco 57. Mario Luigi Salerno † 28 03 2020 Fisiatra 58. Roberto Mario Lovotti † 28 03 2020 Medico di medicina generale 59. Domenico Bardelli † 20 03 2020 Odontoiatra 60. Giovanni Francesconi † 30 03 2020 (data segnalazione)* Medico di medicina generale 61. Valter Tarantini † 19 03 2020 Ginecologo 62. Guido Riva † 30 03 2020 (data segnalazione)* Medico di medicina generale 63. Gaetana Trimarchi † 30 03 2020 Medico di medicina generale 64. Norman Jones † 27 03 2020 Cardiologo, ex primario della cardiologia del centro di riabilitazione “Trabattoni-Ronzoni” di Seregno 65. Roberto Mileti † 30 03 2020 Ginecologo 66. Marino Signori † 01 04 2020 (data segnalazione)* Medico del lavoro 67. Gianpaolo Sbardolini † 26 03 2020 Medico di medicina generale 68. Marcello Cifola † 01 04 2020 (data segnalazione)* Otorinolaringoiatra 69. Gennaro Annarumma † 03 04 2020 (data segnalazione)* 70. Francesco Consigliere † 03 04 2020 (data segnalazione)* Medico legale e docente universitario 71. Alberto Paolini † 03 04 2020 (data segnalazione)* 72. Riccardo Paris † 03 04 2020 (data segnalazione)* Cardiologo 73. Dominique Musafiri † 03 04 2020 Medico di medicina generale 74. Italo Nosari † 03 04 2020 (data segnalazione)* Diabetologo 75. Gianroberto Monti † 21 03 2020 Odontoiatra 76. Luciano Riva † 28 03 2020 Pediatra, ex primario all’Ospedale di Desio 77. Federico Vertemati † 31 03 2020 Medico di medicina generale 78. Giovanni Battista Tommasino † 04 04 2020 Medico di medicina generale 79. Paolo Peroni † 30 03 2020 Oftalmologo 80. Riccardo Zucco † 03 04 2020 (data segnalazione)* Neurologo 81. Giandomenico Iannucci † 02 04 2020 Medico di medicina generale 82. Ghvont Mrad † 29 03 2020 Medico termale 83. Gianbattista Bertolasi † 02 04 2020 Medico di medicina generale 84. Silvio Lussana † 13 03 2020 Medico internista, ex primario medicina 85. Giuseppe Aldo Spinazzola † 31 03 2020 Cardiologo 86. Vincenzo Emmi † 04 04 2020 Rianimatore 87. Carlo Amodio † 05 04 2020 Radiologo, ex primario di radiologia 88. Adelina Alvino De Martino † 30 03 2020 Cardiologa in pensione, ex primario 89. Orlandini Giancarlo † 06 04 2020 (data segnalazione)* 90. Ravasio Luigi † 06 04 2020 (data segnalazione)* 91. Antonio Pouchè † 31 03 2020* Ex professore 92. Lorenzo Vella † 29 03 2020 Medico del Lavoro 93. I. S. † 06 04 2020 (data segnalazione)* Medico penitenziario 94. Mario Ronchi † 20 03 2020 Odontoiatra 95. Giuseppe Vasta † 06 04 2020 Medico di medicina generale 96. Nabeel Khair † 08 04 2020 Medico di medicina generale 97. Marzio Carlo Zennaro † 08 04 2020 Medico di medicina generale 98. Tahsin Khrisat † 19 03 2020 Medico di medicina generale 99. Mario Rossi † 09 04 2020 (data segnalazione)* Medico di medicina generale 100. Samar Sinjab † 09 04 2020 Medico di medicina generale 101. Antonio De Pisapia † 06 04 2020 Medico di medicina generale e odontoiatra 102. Massimo Bosio † 01 04 2020 Medico di medicina generale 103. Francesco Cortesi † 09 04 2020 (data segnalazione)* Specialista in Chirurgia generale e Oncologia 104. Giunio Matarazzo † 07 04 2020 Odontoiatra 105. Emilio Brignole † 09 04 2020 Medico ospedaliero 106. Edoardo Valli † 09 04 2020 Ginecologo 107. Nabil Chrabie † 09 04 2020 Medico di medicina generale 108. Gianfranco D’Ambrosio † 30 03 2020 Ginecologo e medico di medicina generale 109. Gaetano Portale † 08/04/2020 Specialista in Chirurgia Generale, in Chirurgia Vascolare e in Chirurgia Toracica, ex Primario di Chirurgia Generale 110. Fabio Rubino † 13 04 2020 Terapista del dolore e palliativista 111. Giovanni Stagnati † 22 03 2020 Odontoiatra 112. Giovanni Delnevo † 02 04 2020 Cardiologo 113. Luigi Ciriotti † 26 03 2020 Medico di medicina generale in pensione, non in servizio 114. Sebastiano Carbè † 06 04 2020 Medico pensionato non in servizio, ex dirigente medico pronto soccorso 115. Maurizio Bertaccini † 14 04 2020 Medico di medicina generale 116. Domenico Fatica † 13 04 2020 Odontoiatria 117. Patrizia Longo † 13 04 2020 Medico di medicina generale 118. Enrico Boggio † 07 04 2020 Odontoiatra 119. Eugenio Malachia Brianza † 08 04 2020 Medico del Serd 120. Elisabetta Mangiarini † 15 04 2020 (data segnalazione)* Medico di medicina generale 121. Marco Spissu † 15 04 2020 Chirurgo 122. Arrigo Moglia † 15 04 2020 Neurologo 123. Alberto Guidetti † 15 04 2020 Ginecologo, ex primario 124. Alberto Omo † 04 04 2020 Direttore sanitario casa di riposo 125. Giancarlo Buccheri † 07 aprile 2020 Medico antroposofo 126. Pietro Bellini † 21 03 2020 Medico di medicina generale 127. Renzo Mattei † 16 04

mercoledì 15 aprile 2020

Due lavoratori morti per infortuni sui luoghi di lavoro il 14 aprile. Continua la strage di lavoratori di ogni categoria morti per il coronavirus

Un giovane operaio è morto investito da un camion mentre svolgeva lavori di manutenzione del verde sulla statale 613 tra Brindisi e lecce. Muore a soli 35 anni l'agricoltore angelo De Simone, punto da un calabrone. Continuano a morire per il coromavirus tantissimi medici, carabinieri, operatori sanitari: praticamente nessuna categoria è immune da questa strage provocata dal coronavirus

domenica 12 aprile 2020

Muore dopo oltre tre mesi d'agonia a 35 anni. Coronavirus, negli ultimi giorni rallentano i morti tra i lavoratori

Non ce l’ha fatta Franco Castiglia, 35 anni, l’operaio coinvolto in un infortunio sul lavoro, il 2 gennaio, a Secondigliano. In coma farmacologico dal 2 gennaio scorso, Castiglia si è spento dopo mesi di lotta. Dopo la caduta Franco, insieme ad un collega che stava effettuando i lavori con lui, era rimasto incastrato nella cabina di un mezzo. Le sue condizioni erano apparse subito disperate. Muore contadino cadendo da un albero in provincia di Bari

sabato 11 aprile 2020

Muore operaio da un camion spazzino senegalese a Quattro Castella nel reggiano

Bouna Seye, 52enne di origini senegalesi, è morto questa mattina verso le 12.00 a seguito di un incidente sul lavoro a Quattro Castella. Seye è rimasto schiacciato da un camion p guidato da un collega mentre faceva manovra vicino a Fontanili abbigliamento: stava raccogliendo gli sfalci d’erba lasciati nei sacchi bianchi dai cittadini. Seye è stato portato subito al Pronto Soccorso, ma purtroppo i tentativi per tenerlo in vita sono stati vani. La salma si trova ora al cimitero di Coviolo, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Bouna Seye lascia moglie e figli che vivevano in Senegal.

venerdì 10 aprile 2020

I lavoratori morti per infortunio da coronavirus sono già quasi il doppio rispetto ai lavoratori morti per infortuni sui luoghi di lavoro

la tragica conta dei lavoratori morti per coronavirus sono già 248 (conto parziale che cerco di aggiornare ogni giorno) sono ormai il doppio dei lavoratori morti sui luoghi di lavoro per infortuni. I lavoratori morti per infortunio sul lavoro (senza coronavirus) sono 130, il 30% in meno ripsetto ai primi tre mesi del 2019. Lo Stato finita questa emergenza, dovrà vedere come tutelare i lavoratori morti in servizio per il coronavirus, nessuna categoria è immune da questa strage, In tantissimi se non tutti sono morti nell'esercizio del proprio lavoro, come i 106 medici che hanno contratto il virus negli opsedali, o visitando i propri pazienti. stiamo vivendo una pagina di storia orribile a livello mondiale: usciremo tutti cambiati dopo questa pandemia. Ci siamo resi conto che noi "umani" non siamo superiori al resto del creato, ma ne facciamo solo parte. Questo virus ci sta dando una lezione memorabile, che rimarrà per sempre nel nostro immaginario, per noi e per le generazioni future. Ci vorrà un vero patto con la natura: noi al suo servizioo, non viceversa. Carlo Soricelli

mercoledì 8 aprile 2020

Tre morti sul lavoro in Toscana. sono 96 i medici morti per il coronavirus; oltre 220 lavoratori morti per il coronavirus

Tre lavoratori morti in Toscana nelle ultime 24 ore: due schiacciati dal trattore nelle province di Siena e di Massa Carrara e un edile di 61 anni morto nella provincia di Pistoia, Arriviamo a contare oltre 200 lavoratori morti per il coronavirus; non passa giorno senza che non ce ne siano, soprattutto tra i medici

martedì 7 aprile 2020

Il 6 aprile muoiono per infortuni due lavoratori. Già 88 i medici uccisi dal coronavirus e 211 i lavoratori che hanno perso la vita a causa di questo morbo, che sono morti per infortuni sul lavoro

sono due i morti sul lavoro il 6 aprile. perde la vita un operaio addetto ai serizi ecologici in provincia di avellino, la vittima è rimasta schiacciat dal camion caduto in una scarpata. perde la vita il trentesimo agricoltore schiacciato dal trattore, la vittima nella provincia di massa Carrara. 211 i lavoratori morti a causa del coronavirus, un conto ancora parziale che sto cercando di aggiornare), tra questi 88 medici, 37 infermieri e operatori sanitari, 12 parroci, 6 carabinieri, 3 giornalisti, poi farmacisti, poliziotti/a, operai, cassiere, ecc. l’INAIL considera i propri assicurati morti a causa del coronavirus, come morti per infortuni sul lavoro, noi aggiungiamo anche gli altri che non lavorano nella Sanità, che svolgono altri lavori e che sono rimasti contagiati per il lavoro svolto)

lunedì 6 aprile 2020

Muore schiacciato dal trattore nel savonese: già 29 a morire in modo così atroce dall'inzio dell'anno.. oltre 200 i lavoratori uccisi dal coronavirus dall'inizio dell'anno

Con la morte dell'agricoltore 50enne schiacciato dal trattore arriviamo a contare 127 lavoratori morti per infortuni sui luoghi di lavoro (+ 208 lavoratori morti a causa del coronavirus, un conto ancora parziale che sto cercando di aggiornare), tra questi 83 medici, 37 infermieri e operatori sanitari, 12 parroci, 6 carabinieri, 3 giornalisti, poi farmacisti, poliziotti/a, operai, cassiere, ecc. l’INAIL considera i propri assicurati morti a causa del coronavirus, come morti per infortuni sul lavoro, noi aggiungiamo anche gli altri che non lavorano nella Sanità, che svolgono altri lavori e che sono rimasti contagiati per il lavoro svolto) 270 con i morti sulle strade in itinere, sono già 29 gli agricoltori schiacciati dal trattore dal 1° gennaio

venerdì 3 aprile 2020

Muore travolto da un camion sfrenato: già 199 i lavoratori morti per coronavirus

A Velletri è morto un operaio dell'Acea travolto da un camion sfrenato, è morto dopo il trasporto in ospedale. Sono già 199 i lavoratori che hanno perso la vita a causa del coronavirus, ma sicuramente sono molti di più

giovedì 2 aprile 2020

Report morti sul lavoro nei primi tre mesi del 2020, Meno 21% sui luofghi di lavoro, ma 132 lavoratori morti per il coronavirus

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro 2 aprile Report nei primi tre mesi del 2020 Morti 123 lavoratori (+ 132 lavoratori morti a causa del coronavirus, un conto ancora parziale che sto cercando di aggiornare), tra questi 69 medici, operatori sanitari, 12 i parroci morti, 5 carabinieri, 3 giornalisti, poi farmacisti, poliziotti/a, operai, cassiere, ecc. l’INAIL considera i propri assicurati morti a causa del coronavirus, come morti per infortuni sul lavoro, noi aggiungiamo anche gli altri che non lavorano nella Sanità, che svolgono altri lavori e che sono rimasti contagiati per il lavoro svolto) 256 con i morti sulle strade in itinere, sono già 27 gli schiacciati dal trattore dal 1° gennaio L’unico sito in Italia che monitora in tempo reale i morti sul lavoro, attivo dal 1° gennaio 2008 Curatore Carlo Soricelli tecnico metalmeccanico in pensione e pittore sociale da 50 anni Su Facebook https://www.facebook.com/carlo.soricelli https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/ https://www.instagram.com/pittorepranico/channel/?hl=it Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima I MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO nelle Regioni e Province sono esclusi i morti in itinere e sulle strade, tenete presente che i morti in itinere e sulle strade sono almeno altrettanti rispetto a quelli segnalati qui sotto nelle Regioni e Province. Ma noi preferiamo tenerli separati, perché richiedono altri interventi, che sono diversi da quelli delle morti sui Luoghi di Lavoro. Ma altri li conteggiano tutti insieme generando confusione tra chi vuole comprendere le reali dimensioni e qualità del fenomeno. Lombardia 13 Milano (2), Bergamo (1), Brescia (3), Como (), Cremona (1), Lecco (), Lodi (3), Mantova (2), Monza Brianza (1), Pavia (), Sondrio (), Varese () ) PIEMONTE 13 Torino (2), Alessandria (1), Asti (3), Biella (), Cuneo (4), Novara (), Verbano-Cusio-Ossola (2) Vercelli (1). SICILIA 14 Palermo (2), Agrigento (3), Caltanissetta (1), Catania (1), Enna (), Messina (1), Ragusa (3), Siracusa (2), Trapani‎ (2) CAMPANIA 13 Napoli (3), Avellino (2), Benevento (2), Caserta (3), Salerno (3) VENETO 8 Venezia (2), Belluno (1), Padova‎ (1), Rovigo (), Treviso (), Verona (3), Vicenza (1). TRENTINO ALTO ADIGE 8 Trento (2) Bolzano (6). EMILIA ROMAGNA 6 Bologna (), Rimini (). Ferrara () Forlì Cesena () Modena (2) Parma () Ravenna () Reggio Emilia (3) Piacenza (1) PUGLIA 5 Bari (1), BAT (1), Brindisi (1), Foggia (1), Lecce (1) Taranto TOSCANA 4 Firenze (), Arezzo (1), Grosseto (1), Livorno (), Lucca (2), Massa Carrara (), Pisa‎ (), Pistoia (), Siena () Prato () LAZIO 6 Roma (2), Viterbo () Frosinone (2) Latina (1) Rieti (1) Ancona (1), Macerata (2), Fermo (), Pesaro-Urbino (), Ascoli Piceno (1) () SARDEGNA 4 Cagliari (1), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (2), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (), Oristano (), Sassari (). Sulcis iglesiente ABRUZZO 3 L'Aquila (1), Chieti (1), Pescara (1) Teramo () MARCHE 4 . LIGURIA 2 Genova (1), Imperia (), La Spezia (1), Savona () LIGURIA 2 Genova (1), Imperia (), La Spezia (1), Savona () ) FRIULI VENEZIA GIULIA 1 Pordenone (1) Trieste () Udine () Gorizia() BASILICATA 1 UMBRIA 2 Perugia (1) Terni (1) CALABRIA 1 Catanzaro (1), Cosenza (), Crotone () Reggio Calabria () Vibo Valentia ()() Potenza (1) Matera () Molise Campobasso (), Isernia (). VALLE D’AOSTA () Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio

mercoledì 1 aprile 2020

Marzo si conclude con 4 morti sui luoghi di lavoro. 128 i lavoratori morti col coronavirus: tra questi ben 67 medici a cui va tutta la nostra riconoscenza

Sono ben 4 i lavoratori morti sui luoghi di lavoro il 31 marzo, Una donna delle pulizie di 56 anni è morta cadendo dalle scale in un condominio nel leccese. perde la vita schiacciato dal trattore a soli 36 anni Giovanni Santagata. perde la vita un anziano agricoltore travolto da una motozappa a Nocera Umbra. Perde la vita un bosciaolo di 56 anni in provincia di Nuoro. ma non dimentichiamoci della strage di medici che muoiono per il coronavirus: sono già 67 dall'inzio dell'epidemia. Ma ci sono infermieri, carabinieri, parroci, cassiere, taxisti, spazzini, vigili del fuoco e innumerevoli altre categorie, l'Osservatorio ha già monitorato 128 lavoratori morti per il coronavirus, ma il nostro è ovviamente un conto parziale
RAI2 TG2 INSIEME - Carlo Soricelli nella trasmissione di Marzia Roncacci

E' stato stampato il libro di poesie e scritti Canti, con riproduzioni di opere di Carlo Soricelli

E' stato stampato il libro di poesie e scritti Canti, con riproduzioni di opere  di Carlo Soricelli
E' stato stampato il libro di poesie e scritti Canti Aionici di Carlo Soricelli, con riproduzioni di opere, se qualcuno è interessato a leggerlo mi mandi una mail a carlo.soricelli@gmail.com verrà spedito gratuitamente per PDF. se qualche editore è interessato alla pubblicazione contattarmi

Opera di Carlo Soricelli dedicata ai morti sul lavoro

Opera di Carlo Soricelli dedicata ai morti sul lavoro
https://soricellifioriscolpiti.blogspot.com/

Carlo Soricelli intervistato dalla trasmissione num3ri su Rai2


Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino scritta due giorni questa tragedia

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Anche tu, indipendentemente dal lavoro che svolgi corri seri pericoli

1) Da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna le morti per infortunio sul lavoro non sono mai calate se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL, istituto che monitora solo i propri assicurati

2) In base a questi presunti cali inesistenti e diffusi dalla stampa, dal potere politico e economico in Parlamento si sono fatte leggi per alleggerire le normative sulla sicurezza

3) Almeno un terzo dei morti sul lavoro sfuggono a qualsiasi statistica

4) In questi dieci anni sono morti per infortunio sul lavoro oltre 13.000 lavoratori se si prendono in considerazione tutti, comprensivi dei morti sulle strade e in itinere

5) Ogni anno oltre la metà dei morti sul lavoro sono sulle strade e in itinere (itinere significa mentre si va e si torna dal lavoro). La mancata conoscenza delle normative specifiche sull’itinere è spesso una trappola che impedisce il riconoscimento dell’infortunio, anche mortale e questo vale per tutti i lavoratori indipendentemente il lavoro che svolgono. Tutti si spostano da casa verso e al ritorno dal lavoro

6) Sui luoghi di lavoro in questi dieci anni sono morti oltre 7000 lavoratori (esclusi i morti sulle strade e in itinere)

7) Le donne muoiono relativamente poco sui luoghi di lavoro, ma tantissime perdono la vita in itinere. Sono dovute alla stanchezza per il doppio lavoro che svolgono tra casa e lavoro che ne riduce la prontezza dei riflessi

8) Oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni

9) La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni che non hanno più i riflessi pronti e buona salute per svolgere lavori pericolosi.

10) Il jobs act che ha abolito di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fa aumentare le morti sul lavoro per l’impossibilità di rifiutarsi di svolgere lavori pericolosi. Prova ne è che la stragrande maggioranza di chi muore per infortunio lavora in aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18, di rappresentanza sindacale e di un responsabile della Sicurezza. L’articolo 18 abolito dal jobs acts recitava che non si può licenziare senza Giusta Causa e Giustificato Motivo.

11) Moltissime sono le morti tra artigiani e partite iva individuali e in nero e grigio.

12) E’ l’agricoltura la categoria più a rischio: mediamente supera ogni anno il 30% delle morti sui luoghi di lavoro di tutte le categorie e tra gli agricoltori

13) Un morto si cinque sui luoghi di lavoro ogni anno è provocato dal trattore, ne sono morti in questi dieci anni almeno 1000 mentre guidavano questo mezzo, oltre 400 sono i morti accertati dall’Osservatorio provocati dal ribaltamento del trattore in questi ultimi tre anni.

14) L’edilizia ha mediamente il 20% di tutte le morti sui luoghi di lavoro. Le cadute dall’alto sono un’autentica piaga in questa categorie. In tanti muoiono lavorando in nero in edilizia e in aziende del subappalto.

15) In questi dieci anni non si è fatto niente per arginare questa piaga, il Parlamento ha ignorato le morti di tanti lavoratori e questo per il semplice fatto che il lavoro dipendente e gli artigiani non hanno nessuna rappresentanza di fatto nelle due Camere.

16) Se non vuoi morire lavorando occupati in prima persona della tua sicurezza personale e rifiutati di svolgere lavori pericolosi e denuncia chi ti obbliga a farlo, e se non ne hai la forza di opporti lascia una memoria scritta ai tuoi familiari che potranno un domani denunciare queste autentiche violenze.

Nessuno&scomparso

Ogni anno circa il 30-40% delle denunce delle morti sul lavoro pervenute all’INAIL non vengono riconosciute come tali. Molte altre morti per infortunio sulle strade e in itinere di lavoratori non assicurati a questo istituto non sono considerate da nessuno. Artigiani e tutti i lavoratori con partite iva individuali, agenti di commercio, molti agricoltori schiacciati dal trattore non dipendenti, poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, soldati, ecc. Lavoratori in nero. Lavoratori che non hanno neppure “l’onore” di essere considerati come tali, "morti sul lavoro". Vignette di "Nessuno&scomparso" nel sito http//metalmeccanico.blogspot.it