Sciopero del sito

Domenica 29 settembre dalle ore 12 alle ore 13 spegnerò cell. computer e la televisione per protestare contro le morti sul lavoro. Anche questo sito si spegnerà . Basta con la strage giornaliera di lavoratori che parlamento e politica fanno finta di non vedere. I lavoratori non sono carne da macello e utili sono quando ci sono le elezioni per rubare loro il voto. Da dodici anni non vedo altro che indifferenza verso queste tragedie. Tu parteciperai? Condividete

morti sul lavoro

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

L’unico sito in Italia che monitora in tempo reale i morti sul lavoro, attivo dal 1° gennaio 2008

Curatore Carlo Soricelli pittore

Su Facebook

https://www.facebook.com/carlo.soricelli

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

https://www.instagram.com/pittorepranico/channel/?hl=it

In questi 12 anni di monitoraggio dell’Osservatorio sono morti oltre 17000 lavoratori senza vedere le istituzioni e la politica fare qualcosa contro questa strage

23 settembre dall'inizio dell’anno sono morti 1076 Lavoratori (compresi i morti sulle strade e in itinere) diventano 520 morti sui luoghi di lavoro. Di questi 32 sono morti sui luoghi di lavoro dal giorno 10 settembre giorno d’insediamento del nuovo governo: sono 10 gli schiacciati dal trattore con le Politiche Agricole a guida la Ministra Teresa Bellanova. 114 sono stati schiacciati da questo mezzo dall’inizio dell’anno. N.B I dieci lavoratori morti nella tragedia aerea in Etiopia non sono conteggiati come morti sui luoghi di lavoro

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima

MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO nelle Regioni e Province sono esclusi i morti in itinere e sulle strade, tenete presente che i morti in itinere e sulle strade sono almeno altrettanti di quelli segnalati qui sotto nelle Regioni e Province. Ma noi preferiamo tenerli separati perché richiedono altri interventi, che sono diversi da quelli delle morti sui Luoghi di Lavoro

Lombardia 75 Milano (12), Bergamo (11), Brescia (12), Como (8), Cremona (5), Lecco (3), Lodi (2), Mantova (6), Monza Brianza (9), Pavia (6), Sondrio (), Varese (3) CAMPANIA 48 Napoli (11), Avellino (13), Benevento (6), Caserta (11), Salerno (7). LAZIO 39 Roma (22), Viterbo (5) Frosinone (7) Latina (3) Rieti (2) SICILIA 36 Palermo (12), Agrigento (6), Caltanissetta (1), Catania (6), Enna (), Messina (3), Ragusa (1), Siracusa (2), Trapani‎ (5) PIEMONTE 33Torino (13), Alessandria (7), Asti (1), Biella (), Cuneo (8), Novara (4), Verbano-Cusio-Ossola () Vercelli ) EMILIA ROMAGNA 32 Bologna (6), Rimini (1). Ferrara (2) Forlì Cesena (2) Modena (2) Parma (7) Ravenna (1) Reggio Emilia (4) Piacenza (5). VENETO 31 Venezia (3), Belluno (1), Padova‎ (3), Rovigo (2), Treviso (4), Verona (12), Vicenza (6) PUGLIA 30 Bari (7), BAT (3), Brindisi (2), Foggia (12), Lecce (4) Taranto (2) TOSCANA 28 Firenze (3), Arezzo (3), Grosseto (6), Livorno (4), Lucca (1), Massa Carrara (1), Pisa‎ (5), Pistoia (2), Siena (1) Prato (2) (TRENTINO ALTO ADIGE 21Trento (10) Bolzano (11).BASILICATA 15Potenza (5) Matera (10).ABRUZZO 13L'Aquila (2), Chieti (5), Pescara (4) Teramo (1).UMBRIA 10Perugia (9) Terni (1) FRIULI VENEZIA GIULIA 11.Trieste (2), Gorizia (2), Pordenone (3), Udine (3).CALABRIA 12Catanzaro (2), Cosenza (2), Crotone (3) Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (3) MARCHE 11Ancona (1), Macerata (5), Fermo (1), Pesaro-Urbino (3), Ascoli Piceno(1). SARDEGNA 9Cagliari (4), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (1), Oristano (1), Sassari (1). Sulcis iglesiente ()LIGURIA 9Genova (2), Imperia (4), La Spezia (1), Savona (2) Molise 5Campobasso (4), Isernia (1. () VALLE D’AOSTA 3

Domenica 29 settembre dalle ore 12 alle ore 13 spegnerò cell. computer e la televisione per protestare contro le morti sul lavoro. Anche questo sito si spegnerà. Basta con la strage giornaliera di lavoratori che parlamento e politica fanno finta di non vedere. I lavoratori non sono carne da macello e utili sono quando ci sono le elezioni per rubare loro il voto. Da dodici anni non vedo altro che indifferenza verso queste tragedie. Tu parteciperai? Condividete

Presentazione

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

L’unico sito in Italia che monitora in tempo reale i morti sul lavoro, attivo dal 1° gennaio 2008

Curatore Carlo Soricelli pittore

Su Facebook

https://www.facebook.com/carlo.soricelli

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

https://www.instagram.com/pittorepranico/channel/?hl=it

In questi 12 anni di monitoraggio dell’Osservatorio sono morti oltre 17000 lavoratori senza vedere le istituzioni e la politica fare qualcosa contro questa strage

12 settembre

Dall'inizio dell’anno sono morti 1018 Lavoratori (compresi i morti sulle strade e in itinere) diventano 501 morti sui luoghi di lavoro. Di questi 15 sono morti dal giorno dell’insediamento del nuovo governo del 10 settembre. Di questi 3 sono stati schiacciati dal trattore. 106 sono stati schiacciati dal trattore dall’inizio dell’anno. N.B I dieci lavoratori morti nella tragedia aerea in Etiopia non sono conteggiati come morti sui luoghi di lavoro

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima

MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO escluso itinere e sulle strade, tenete presente che i morti in itinere e sulle strade sono almeno altrettanti di quelli segnalati qui sotto nelle Regioni e Province. Ma noi preferiamo tenerli separati perché richiedono altri interventi, che sono diversi da quelli delle morti sui Luoghi di Lavoro

Lombardia 73 Milano (12), Bergamo (10), Brescia (11), Como (7), Cremona (5), Lecco (3), Lodi (2), Mantova (5), Monza Brianza (9), Pavia (6), Sondrio (), Varese (3) CAMPANIA 47Napoli (11), Avellino (13), Benevento (6), Caserta (10), Salerno (7). LAZIO 38 Roma (21), Viterbo (5) Frosinone (7) Latina (3) Rieti (2) SICILIA 36 Palermo (12), Agrigento (6), Caltanissetta (1), Catania (6), Enna (), Messina (3), Ragusa (1), Siracusa (2), Trapani‎ (5) PIEMONTE 31Torino (12), Alessandria (7), Asti (), Biella (), Cuneo (8), Novara (4), Verbano-Cusio-Ossola () Vercelli VENETO 29Venezia (3), Belluno (1), Padova‎ (3), Rovigo (2), Treviso (3), Verona (12), Vicenza (5) PUGLIA 29 Bari (7), BAT (3), Brindisi (2), Foggia (11), Lecce (4) Taranto (1) EMILIA ROMAGNA 28Bologna (5), Rimini (1). Ferrara (2) Forlì Cesena (2) Modena (2) Parma (7) Ravenna () Reggio Emilia (3) Piacenza (5). TOSCANA 27Firenze (3), Arezzo (3), Grosseto (6), Livorno (4), Lucca (1), Massa Carrara (1), Pisa‎ (5), Pistoia (2), Siena (1) Prato (1) (TRENTINO ALTO ADIGE 20Trento (10) Bolzano (10).BASILICATA 15Potenza (5) Matera (10).ABRUZZO 13L'Aquila (2), Chieti (5), Pescara (4) Teramo (1).UMBRIA 10Perugia (9) Terni (1) FRIULI VENEZIA GIULIA 11.Trieste (2), Gorizia (2), Pordenone (3), Udine (3).CALABRIA 12Catanzaro (2), Cosenza (2), Crotone (3) Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (3) MARCHE 11Ancona (1), Macerata (5), Fermo (1), Pesaro-Urbino (3), Ascoli Piceno(1). SARDEGNA 9Cagliari (4), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (1), Oristano (1), Sassari (1). Sulcis iglesiente ()LIGURIA 9Genova (2), Imperia (4), La Spezia (1), Savona (2) Molise 5Campobasso (4), Isernia (1. () VALLE D’AOSTA 3

Domenica 29 settembre dalle ore 12 alle ore 13 spegnerò cell. computer e la televisione per protestare contro le morti sul lavoro. Anche questo sito si spegnerà. Basta con la strage giornaliera di lavoratori che parlamento e politica fanno finta di non vedere. I lavoratori non sono carne da macello e utili sono quando ci sono le elezioni per rubare loro il voto. Da dodici anni non vedo altro che indifferenza verso queste tragedie. Tu parteciperai? Condividete

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli
Santo Della Volpe con Carlo Soricelli. Abbiamo deciso di dedicare questo osservatorio indipendente anche al grande giornalista Santo Della Volpe scomparso da poco. Da quando è aperto, abbiamo constatato quanto ha fatto per far comprendere agli italiani le vere dimensioni delle tragedie degli infortuni sul lavoro, del dramma dei familiari che hanno perso così tragicamente un loro Caro, delle morti provocate dall’amianto e di tutte le problematiche del mondo del lavoro. Grazie Santo

Carlo Soricelli attività artistica

Carlo Soricelli brevi cenni biografici

Tecnico metalmeccanico in pensione. Ha aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008 pochi giorni dopo la tragedia della ThyssenKrupp di Torino, dopo aver visto che non era possibile trovare sul Web notizie in tempo reale sulle morti sul lavoro. Considera l’attività di volontario dell’Osservatorio come una naturale evoluzione della sua attività di artista

E’ pittore-scultore da oltre quarant’anni, Ha sempre creato opere a contenuto sociale.. Ha esposto con personali con Antonio Ligabue e Cesare Zavattini e ha all’attivo oltre settanta mostre, è presente con opere in diversi musei.

Ha creato per primo al mondo, da vent’anni la “pittura pranica”, la pittura che interagisce con l’osservatore e che “guarisce” numerose patologie, soprattutto dolorose. Ha creato il “Rifiutismo” corrente pittorica dove gli oggetti che l’uomo considera rifiuti assumono una dimensione senza tempo. Ha scritto sei libri.

Qui sotto i siti di Soricelli

Translate (traduci nella tua lingua)

mercoledì 30 giugno 2010

Anche l'ultimo giorno di giugno ha portato altre vittime. E' morto Nicola Moretti nel bellunese e Sirio Corte Mette in provincia di Trento

TRENTO E’ morto nicola Moretti operaio bellunese. Nicola si è spento martedì pomeriggio per le gravi ferite riportate, l'operaio rimasto ferito durante lavori di disgaggio in Val Daone, in Trentino. La vittima aveva 44 anni. Sul posto per gli accertamenti del caso, è intervenuto anche l'ispettorato del lavoro. L'incidente è avvenuto in località Boazzo. L'operaio veneto, era dipendente di una ditta valsuganotta. I soccorritori del 118 l'hanno trasportato in elicottero all'ospedale Santa Chiara di Trento, ma senza salvarlo.

Belluno E’ morto Sirio Corte Mette di 72 anni cadendo su di una falciatrice che gli ha reciso la gola - Auronzo in lutto per una tragedia inspoegabile. Sirio, maestro di sci a Cortina e a Misurina. Ha perso la vita mentre stava sfalciando il prato del maneggio che si trova vicino al lago di Auronzo. Aveva acceso la falciatrice per curare le pertinenze del maneggio e di un piccolo ristoro gestito durante l’estate dal figlio Giovanni. Per cause ancora non chiare, è caduto a ridosso della falciatrice che gli ha reciso la gola. È stata una turista che passeggiava da quelle parti ad accorgersi sconvolta dell’accaduto. Subito ha cercato qualcuno in possesso di un telefonino per dare l’allarme al 118. Giunti sul posto, ai sanitari non è rimasto che constatare il decesso.

martedì 29 giugno 2010

DUE VITTIME IN AGRICOLTURA ANCHE OGGI. E' MORTO ALFONSO GIUSTI A SAN CESARIO DI MODENA. E' MORTO UN PENSIONATO DI 71 ANNI NELL'AVELLINESE

Modena, 29 giugno 2010. E’ MORTO Alfonso Giusti pensionato di 65 anni di San Cesario. Alfonso è morto in un incidente agricolo avvenuto ieri pomeriggio nella frazione di Altolà, La dinamica dell’incidente è sconcertante quanto drammatica: l’uomo è rimasto soffocato da un filare della vigna che stava coltivando con l’ausilio di una motocoltivatrice guidata a mano. All’incidente, avvenuto intorno alle 17 e 40, non hanno assistito testimoni, ma secondo quanto hanno ricostruito i vigili del fuoco del distaccamento di Vignola e le forze dell’ordine (sul posto sono giunti anche i carabinieri e la polizia municipale di Castelfranco) Giusti stava liberando dalle erbacce le viti che coltivava con passione da anni quando la motozappa avrebbe scartato schiacciandone il petto contro un grosso fil di ferro dei filari. Sarebbe bastata la pressione del motore combinata appunto al filo a causare la morte del pensionato per soffocamento. Ad accorgersi che era accaduto qualcosa di grave è stato, poco dopo, un vicino di Giusti che si trovava nelle vicinanze e la cui attenzione era stata richiamata dal rumore ripetuto e insolito del motore dello strumento agricolo. Questi è accorso e ha visto il pensionato riverso sul terreno, ormai deceduto.

Avellino, 29 giu. E’ morto un pensionato di 71 anni del quale non e' stata resa nota l'identita'. La disgrazia a Baiano (Avellino) intorno alle 12 di oggi. L'anziano aveva lavorato nel proprio appezzamento di terreno e stava tornando a casa quando ha perso il controllo del trattore ed ha sfondato il muro di cinta della strada. Il mezzo e' poi finito in una scarpata ribaltandosi piu' volte e schiacciando l'agricoltore. Sul posto sono intervenuti poco dopo i carabinieri di Baiano e i vigili del fuoco. I militari hanno svolto accertamenti e fatto chiarezza sull'incidente.

domenica 27 giugno 2010

muore dopo una settimana un giovane nigeriano di 24 anni caduto in una macchina tritalegno in provincia di Pavia

Pavia E' morto un operaio nigeriano di 24 anni al Policlinico San Matteo di Pavia che una settimana fa era caduto in una macchina che macina il legno.
Il giovane che lascia la moglie e un figlio e abitava a Piacenza, era dipendente di una ditta di pulizie. L'incidente e' avvenuto il 18 giugno in provincia di Pavia: per cause non ancora accertate il 24enne e' caduto in una delle macchine che tritano il legno per farne pannelli truciolari. Gravemente ferito, e' rimasto ricoverato al San Matteo, dove oggi e' morto.

venerdì 25 giugno 2010

MUORE OPERAIO PROBABILMENTE A CAUSA DELLE ESALAZIONI A TELESE DI BENEVENTO

25 GIU – Benevento è morto un operaio di 36 anni che potrebbe essere stato ucciso dalle esalazioni di acqua sulfurea nel parco della Antiche Terme Iacobelli di Telese. Non si escludono comunque l'infarto o altre cause naturali. Dopo una prima visita esterna effettuata dal medico legale, il corpo e' stato trasferito all'obitorio dell'ospedale Rummo di Benevento dove all'inizio della prossima settimana e' previsto venga eseguita l'autopsia

giovedì 24 giugno 2010

E' morto a soli 18 anni Davide Minuzzo in una fabbrica in provincia di Vicenza. E' morto Alessandro Orecchino Marra in provincia di Cesena

Vicenza E’ MORTO DAVIDE MINUZZO DI APPENA 18 ANNI. Davide aveva appena iniziato il turno delle 6 nella ditta Convett srl, di Bressanvido, azienda specializzata nella realizzazione di radiatori dove da due anni lavorava come operaio addetto alla manutenzione. Secondo le prime ricostruzioni dello Spisal di Vicenza, rimasto sul posto fino al pomeriggio per i rilievi, Davide stava eseguendo delle operazioni di manutenzione su una grossa macchina e per sostituire un pezzo aveva raggiunto una postazione in altezza, normalmente non accessibile. Dopo aver sostituito il pezzo, per verificare se la macchina funzionava, ha chiesto a un collega di avviarla. Quando questa sorta di giostra, che muove i pezzi da saldare, si è messa in rotazione è stato stritolato dagli ingranaggi provocando l’immediata morte del giovane

CESENA, 24 GIU –E’ morto Alessandro Orecchino Marra, operaio di 58 anni. Alessandro e' morto, e il figlio Jury, di 28 anni, e' rimasto gravemente ferito. E' avvenuto alle 9 in un cantiere edile a San Cristoforo di Cesena. Padre e figlio - che lavoravano come esterni su una gru per controllarne l'agibilita' - si trovavano sul braccio quando questo ha ceduto ed e' crollato. Alessandro Orecchino Marra e' volato da 6-7 metri ed e' finito sopra un capanno di lamiera morendo sul colpo. Il figlio e' grave all’ospedale di Cesena.

mercoledì 23 giugno 2010

e' MORTO UN GENIERE DEL 32/ESIMO REGGIMENTO IN AFGHANISTAN

Afghanistan MUORE GENIERE ITALIANO del 32/esimo o. iL MILITARE e' morto in seguito ad un incidente avvenuto nei pressi di Shindand, nell'ovest dell'Afghanistan, nel corso di una ricognizione in cui erano impegnati quattro veicoli della compagnia genio in forza alla Task-Force Centre. Lo rende noto il comando del contingente italiano ad Herat.Secondo una prima ricostruzione - era ferma per verificare un tratto di strada tra Shindand a Herat. Durante la sosta il militare avrebbe perso l'equilibrio e sarebbe caduto dal 'Buffalo', riportando un forte trauma cranico. Immediatamente soccorso dagli altri membri della pattuglia e da un'equipe medica giunta pochi minuti dopo sul posto, il militare è stato evacuato con un elicottero e trasferito alla base americana di Shindad. Arrivato in gravissime condizioni, il geniere italiano è morto poco dopo e a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione.

lunedì 21 giugno 2010

E' MORTO LEONARDO IPPOLITI OPERAIO DELL'ACCIAIERIA THYSSEN KRUP DI TERNI DOPO 22 GIORNI DI AGONIA

Terni E' morto Leonardo Ippoliti, dopo 22 giorni di agonia si è spento in un letto del Policlinico Umberto I di Roma,. Leonardo aveva ferite gravissime che aveva riportato la notte del 28 maggio mentre era al lavoro nel reparto Pix 1 della Thyssen Krupp Acciai speciali di Terni. Leonardo di 29 anni è morto venerdì sera.Quando ieri la notizia del decesso si è diffusa dietro ai cancelli dello stabilimento ternano, i suoi colleghi hanno immediatamente incrociato le braccia per uno sciopero proclamato dalle Rsu dello stabilimento.
Leonardo era un addetto al Laminatoio a caldo 2 e al momento dell’incidente era su una passerella protetta da balaustre. La dinamica di quanto accaduto, come troppo spesso accade, non è ancora stata chiarita fino in fondo.

E' morto un autiosta sullA 14 tra Pesaro e Fano. stato chiuso il tratto sulla A14 Bologna-Taranto tra Pesaro e Fano in carreggiata sud, verso Ancona, a causa di un incidente che vede coinvolto un mezzo pesante avvenuto all'altezza del km 166 intorno alle 7,40. Autostrade per l'Italia riferisce che nell'incidente il conducente dell'automezzo e' deceduto.

giovedì 17 giugno 2010

E' MORTO SCHIACCIATO DA UN TUBO DI 3 TONNELLATE L'AUTOTRASèPORTATORE FRANCESCO RATTI

LIVORNO E' MORTO FRANCESCO RATTI Un camionista di 46 anni. Francesco è morto questa mattina a Livorno, schiacciato da un tubo pesante 3 tonnellate, durante le operazioni di scarico del mezzo. La vittima si chiamava Francesco Ratti, ed era di La Spezia. Secondo quanto emerso dalla ricognizione esterna della salma, la vittima e' morta a causa dello schiacciamento dell'addome. L'incidente si e' verificato al terminal portuale del Varco Galvani.

martedì 15 giugno 2010

E' MORTO LUCA ZACCHEO IN PROVINCIA DI MATERA. E' MORTO UN OPERAIO ALBANESE NEL LIVORNESE

Livorno 15 giugno E’ morto Dasonor Qalliaj un operaio albanese di 38 anni. Dasonori e' morto stamattina a Livorno cadendo in acqua mentre lavorava a un cantiere. Alla mattina intorno alle Dasnor si trovava su bacino galleggiante del cantiereper causa da chiarire è caduto in acqua ed e' morto annegato. Inutile il tentativo di un compagno di lavoro di salvarlo, tuffandosi in acqua. Subito sono state avviate le ricerche da parte dei sommozzatori dei vigili del fuoco e della Guardia costiera, che sono riusciti a riportare a riva il cadavere di dasonor.. La vittima, che non sapeva nuotare, indossava tuta da lavoro e scarpe antinfortunistiche e aveva con se alcuni attrezzi da lavoro. Faceva parte di una ditta ligure che aveva l'appalto all'interno del cantiere livornese per lavori di sabbiature sulle imbarcazioni. Gli operai del cantiere navale Azimut Benetti hanno indetto una protesta a partire dalle 11 con astensione dal lavoro per tutto il giorno.

Matera E’ morto Luca Zaccheo operaio di 4° anni. Luca è rimasto schiacciato da una pala meccanica che si è ribaltata. La tragedia è avvenuta nel pomeriggio, in a Pisticci (Matera). Zaccheo, che stava conducendo una pala meccanica, è morto all’istante, in seguito al ribaltamento del mezzo, mentre stava rimuovendo materiale di risulta da un edificio in corso di ristrutturazione. Il mezzo è precipitato in una scarpata profonda circa 15 metri.
Un altro operaio che si trovava sul mezzo è riuscita a saltare, evitando così di essere investito. Sul posto è intervenuta una eliambulanza del 118, i Vigili del Fuoco e i Carabinieri, che hanno fatto le verifiche per accertare la dinamica dell’incidente e hanno posto sotto sequestro il cantiere dove è avvenuto l’incidente sul lavoro.

un'altra vittima in agricoltura: E' morto Giuseppe Solinas nel sassarese

Sassari E’ MORTO GIUSEPPE SOLINAS AGRICOLTORE DI 54 ANNI. GIOVANNI si accingeva, con la sua macchina agricola, a raccogliere e comprimere il fieno e la paglia della sua campagna (ubicata nella zona di "Sa perdosa"). È uscito di casa alle 17.30 e, benché fosse domenica, per lui non era un giorno di "festa" perché era ansioso di terminare i lavori di pulizia del suo campo. I familiari hanno atteso sino all'una di notte, orario in cui hanno deciso di denunciare la scomparsa alle Autorità.

domenica 13 giugno 2010

MUORE GIOVANE DI 20 ANNI CADENDO DA UN TETTO DI UN CAPANNONE INDUSTRIALE A SAN BENDETTO IN PROVINCIA DI AQUILA

Aquila E' morto Ermete D'Alessandro, un giovane operaio ventenne, di San Benedetto, Ermete è morto in un incidente sul lavoro cadendo dal tetto di un capannone.Il giovane stava sistemando una guaina di bitume durante lavori di ristrutturazione del capannone industriale, quando, per cause in corso di accertamento da parte dei carabinieri, ha perso l'equilibrio ed e' precipitato da un'altezza di circa 10 metri. Sulla vicenda la magistratura di Avezzano ha aperto un'inchiesta per accertare se vi siano state violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro

sabato 12 giugno 2010

Anche un giovane di 23 anni ucciso da quel mostro chiamato trattore: E' MORTO NEL REGGIONO DOMENICO FEDELE

REGGIO CALABRIA 12 GIUGNO E' MORTO DOMENICO FEDELE agricoltore di 23 anni. Domenico e' morto a seguito ad un incidente sul lavoro avvenuto questa mattina nelle campagne del Reggino. Il giovane, originario di Bagnara Calabria, stava lavorando a bordo di un trattore in un appezzamento di terreno, in una zona di aperta campagna che ricade nel comune di Sinopoli, piccolo centro aspromontano della provincia reggina. La morte sarebbe stata causata dal ribaltamento del trattore, mentre il mezzo stava affrontando un dirupo.

Bolzano E' MORTO Hubert Gamper, 53 anni di Senales, dipendente della ditta Plauser speck, vittima ieri pomeriggio a Plaus, in val Venosta, in Alto Adige, di un incidente su lavoro,Humbert e' morto questa mattina all'ospedale di Merano, dove era stato ricoverato dopo l'infortunio

venerdì 11 giugno 2010

caduti da una gru sono morti Luigi ruggeri e Renzo Di Biase. e' morto fulminato Vito Giovinco un operaio nell'agrigentino

LATINA SONO MORTI LUIGI RUGGERI E RENZO DI BIASE. LUIGI IMPRENDITORE E RENZO OPERAIO sono morti in un incidente sul lavoro a Itri, in provincia di Latina. I due uomini stavano lavorando nel pomeriggio sulla piattaforma di una piccola gru quando questa avrebbe ceduto provocando la morte sul colpo dei due lavoratori precipitati da circa 15 metri.

Agrigento, 11 giu. -E' MORTO VITO GIOVINCO UN OPERAIO CHE HA TRANCIATO UN CAVO ELETTRICO COL SUO MEZZO MECCANICO L'operaio e' morto poco dopo mezzogiorno in un incidente sul lavoro che si e' verificato in contrada Adragna a Sambuca di Sicilia (Agrigento). L'operaio era a bordo di un mezzo meccanico che durante una manovra di scavo ha trancito un grosso cavo elettrico. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Santa Margherita Belice e i carabinieri.

E' MORTO PIETRO GUADAGNO autotrasportatore di 39 anni. Pietro è morto in un incidente stradale verificatosi nella frazione Caporio di Macchiagodena. Pietro era alla guida di un tir che per cause in corso di accertamento è uscito di strada schiantandosi contro il muro di una casa adiacente la strada. L'abitacolo dell'autotreno è stato completamente schiacciato. Per Pietro non c'è stato nulla da fare. Il cadavere, rimasto intrappolato tra le lamiere, è stato estratto dai vigili del fuoco dopo circa due ore di lavoro. Il camionista doveva consegnare dei tondini di ferro ad una azienda della zona industriale di Macchiagodena ma ha sbagliato strada arrivando fino al paese. Poi è tornato indietro ma si è addentrato in una stradina interna piena di curve. Ad un certo punto, forse per un malore o per un guasto ai freni, ha perso il controllo del mezzo che, dopo aver sradicato alberi e travolto i cartelli stradali, si è schiantato contro una casa.

giovedì 10 giugno 2010

MUORE OPERAIO NELL'ESPLOSIONE DI UN SERBATOIO IN UN'AZIENDA FARMACEUTICA DEL BRINDISINO: UN MORTO E QUATTRO FERITI

E' morto un operaio di un'azienda farmaceutica nel brindisino. Altri quattro sono rimasti feriti. Secondo una prima ricostruzione gli operai stavano effettuando dei lavori di manutenzione. Uno degli operai, rimasto coinvolto nello scoppio, sarebbe in gravi condizioni. Sul posto le forze dell'ordine e i vigili del Fuoco.

mercoledì 9 giugno 2010

ANCORA TRE VITTIME TRA EDILI E AGRICOLTORI: SONO MORTI ELVIO CAREDDA A CAGLIARI, PASQUALE PUZZO A ENNA E FRANCESCO FERRARA A FOGGIA

FOGGIACagliari e’ morto Elvio Caredda di 56 anni .Elvio, un operaio dell'Anas impegnato nel lavoro di pulizia lungo una cunetta sulla strada statale 198, nei pressi di Nurri, è stato investito ed ucciso da un suo collega che manovrava un trattore tagliaerba. L'uomo si chiamava Elvio Caredda, aveva 56 anni ed era di Seui. Con la sua squadra stava falciando l'erba ai lati della strada che porta a Nurri quando, per motivi ancora da precisare, è stato travolto dal pesante mezzo condotto dal un collega di lavoro. Immediati i soccorsi del 118, che non hanno potuto fare niente.

Enna 7 giu. –E’ morto pasaquale Puzzo di 65 anni. Pasquale voleva trainare un trattore guasto utilizzando un secondo mezzo agricolo che pero' lo ha travolto mentre stava per porre il gancio di traino. Questa la dinamica, ricostruita dai carabinieri, dell'incidente sul lavoro nel quale ha perso la vita Pasquale Puzzo, agricoltore di 65 anni, di Piazza Armerina (Enna). L'uomo si trovava in contrada Aiuolo, nelle campagne tra Piazza Armerina e Pietraperzia ed avrebbe parcheggiato il trattore in salita, davanti a quello guasto. Per cause in corso di accertamento il mezzo, forse per un disinserimento del freno, ha cominciato a scendere senza controllo e lo ha travolto schiacciandogli il torace. Puzzo e' giunto senza vita all'ospedale sant'Elia di Caltanissetta dove era stato trasportato con un'ambulanza del 118. I due mezzi sono stati posti sotto sequestro.

Foggia, 7 giu. E’ morto Francesco Ferrara, operaio di 47 anni. Francesco e' morto mentre stava eseguendo dei lavori di manutenzione stradale, in provincia di Foggia. Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, Francesco era a bordo di un rullo compressore quando il mezzo forse per la pendenza del fondo stradale, si e' ribaltato schiacciando l'operaio. Sul posto e' intervenuto il titolare dell'azienda agricola per conto del quale l'operaio stava eseguendo i lavori: il suo intervento e' pero' risultato vano. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri della compagnia di Lucera

lunedì 7 giugno 2010

un'altra incredibile morte verde dovuta al killer spietato "il trattore". E' MORTO GIOVANNI CENNICOLA AGRICOLTORE DI 77 ANNI DEL BENEVENTANO

Benevento E' morto Giovanni Ceniccola agricoltore di 77 anni di Guardia Sanframondi (Benevento), Giovanni è morto per le gravissime ferite riportate in seguito al ribaltamento del suo trattore. L'incidente è avvenuto alla contrada 'Tre Ponti' del Comune sannita, dove il pensionato stava arando un proprio appezzamento di terreno. A dare l'allarme è stata la moglie della vittima che ha assistito all'incidente. A nulla sono valsi i soccorsi dei medici del 118, dei carabinieri e dei vigili del fuoco.

E' MORTO GRAZIELLA PINTARELLI DI 62 ANNI. Graziella ha perso la vita in un incendio: si era recata insieme al marito E Ha tentato di domare le fiamme che stavano divorando le sterpaglie del suo campo, ma ha inalato troppo fumo, probabilmente si e' sentita male e, proprio sul sentiero che l'avrebbe portata via da quel prato che bruciava, e' caduta a terra ed e' stata raggiunta dalle fiamme.

domenica 6 giugno 2010

Purtroppo registriamo altre 4 vittime in edilizia. E' morto Federico Mentani a fermo. E' morto Leonardo Crescente a Cosenza. E' morto Mario Capone

Fermo E’ morto Federico Montani di 61 anni. Federico stava costruendo un vano ascensore ed è caduto da oltre dieci metri d'altezza. Il decesso è sopravvenuto in seguito alle gravi ferite riportate. Il cantiere era allestito per la realizzazione di abitazioni civili. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Fermo e il personale dell'Asur 12 - sicurezza sul lavoro

Cosenza E’ morto Leonardo Crescente, un ragazzo di 32 anni. Leonardo è rimasto folgorato da una scarica elettrica provocata dal contatto coi fili dell'alta tensione della betoniera con cui stava lavorando. Crescente non si sarebbe accorto che il braccio della betoniera andava a toccare i fili dell'alta tensione. Il contatto fatale ha così provocato la scarica elettrica che ha colpito il corpo del giovane, morto sul colpo. A nulla è servito l'intervento dei sui comagnidi lavoro e quello dei sanitari del 118 intervenuti poco dopo sul posto, Leonardo Crescente lascia moglie e figlio.

Avellino E’ morto Mario Capone di 62 anni precipitando da dieci metri d’altezza. Mario, è morto un mese di agonia. Capone il 27 aprile scorso stava lavorando in un capannone industriale di Pianodardine, quando all’improvviso è precipitato dal tetto mentre effettuava lavori di riparazione di un capannone industriale,. A soccorrere per primi l'operaio sono stati alcuni suoi colleghi che hanno assistito alla scena. Sul posto è arrivata un'ambulanza che ha trasportato Capone in ospedale. Dal referto medico sono emerse diverse fratture, tra le quali una al bacino. Ma, la cosa più preoccupante era l'emorragia interna. La prognosi di capone non è stata mai sciolta. I medici del Moscati lo hanno sottoposto ad una operazione per le gravi contusioni che ha riportato al torace, le quali gli hanno provocato l'emorragia. Intanto, nonostante l’intervento e le altre tecniche di ripresaCapone non ce l’ha fatta. Il suo cuore ha smesso di battere nella mattinata di ieri.

Udine E’ morto Tuca Nuri, operaio albanese di 32 anni. Tuca è morto oggi in un incidente sul lavoro avvenuto in un cantiere edile di Majano (Udine), senza che ci fossero testimoni. Tuca - a quanto si è saputo - stava eseguendo alcuni lavori di ampliamento della scuola materna comunale per conto di una ditta di Villa Vicentina (Udine). Verso le 16.30, si trovava su un'impalcatura dalla quale, per motivi in corso di accertamento, è precipitato. Il tonfo è stato udito dai colleghi dell'operaio, che hanno dato l'allarme, ma per Nuri non c'era più nulla da fare. Sono in corso indagini da parte dei carabinieri di Majano e degli ispettori dell'Azienda sanitaria del Medio Friuli.

giovedì 3 giugno 2010

Anche oggi 3 giugno due vittime in edilizia e agricoltura. A cuneo è morto l'albanese Xhemil Tafçiu. A foggia G.P agricoltore di 58 anni

Cuneo 3 giugno E’ morto Xhemil Tafçiu un edile albanese di 30 anni. Xhemil Tafçiu un operaio esperto ha perso la vita mentre stava lavorando al disarmo del tetto di un ascensore. Xhemil è stato trovato a terra senza vita dai colleghi che stavano lavorando sul lato opposto dell'edificio. E' deceduto per le numerose fratture riportate e per il trauma cranico riportate nell'impatto con il terreno. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti i carabinieri di Frabosa Soprana e l'elisoccorso del 118. Le indagini per ricostruire i fatti sono in corso da parte degli addetti Spresal. Xhemil, in base alle testimonianze dei datore di lavoro e dei colleghi, erano una persona esperta nel suo lavoro.

Foggia 3 giugno E’ morto G.P. di 58 anni di Cagnano Varano, a causa del ribaltamento del trattore. G.P è morto questa mattina mentre stava effettuando alcuni lavori in una zona di campagna. Stando ad una ricostruzione dell'accaduto il 58enne era a bordo di un mezzo cingolato, in una zona rurale tra Cagnano e San Nicandro, quando per cause ancora in corso di accertamento, il veicolo si è ribaltato. E' finito , così, in una scarpata. L'uomo è morto sul colpo. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte del personale del 118, accorso sul posto, insieme ai militari dell'Arma e ai Vigili del Fuoco.

mercoledì 2 giugno 2010

anche giugno inizia con molti morti. A Cuneo è morto un operaio albanese. A Pescara marco Perrucci. A Napoli un edile di 62 anni. A Siracusa un agrico

Cuneo E' morto un operaio albanese di 30 anni. Il giovane è precipitato nella tromba dell'ascensore di un edificio in costruzione ed è morto sul colpo. Secondo i primi accertamenti, era salito su un'impalcatura per disarmare la struttura e avrebbe perso l' equilibrio cadendo al suolo da diversi metri di altezza. Sul posto sono intervenute le autorità competenti

Pescara E' morto Marco Perrucci a 33 anni trafitto da una valvola d'acciaio. A marco gli è esploso un disco contro trapassandogli lo sterno e uccidendolo sul colpo. Così Marco Perrucci, operaio di Bucchianico, ieri mattina ha perso la vita in un cantiere edile a Villa Oliveti di Rosciano. Non ha avuto scampo: quando sono arrivati i soccorsi il suo cuore aveva smesso di battere. Perrucci avrebbe compiuto 33 anni il 21 giugno. Era un saldatore, un operaio specializzato che lavorava su commissione e ieri era impegnato in un residence in costruzione, Borgo San Benedetto. La ditta per cui stava prestando la propria attività è la Dlb di Pescara, guidata da una donna, e insieme a Perrucci c'erano tre persone, tra cui il direttore dei lavori, marito della titolare.
Quando si è verificato l'incidente erano in corso le prove tecniche di tenuta degli impianti idrici, con l'immissione nelle tubature di aria ad alta pressione. All'improvviso, quando l'aria è stata pompata nell'impianto, è esplosa la valvola che teneva collegati la condotta da testare e il tubo di trasmissione dell'aria.

Napoli E' morto un operaio un operaio di 64 anni schiacciato da un muro di contenimento crollato nel cantiere in cui stava lavorando. E’ successo in via Pozzuoli a Bagnoli e i colleghi della vittima, Paolo G., capocantiere, hanno subito allertato i soccorsi. Quando i vigili del fuoco e i sanitari del 118 sono giunti sul posto per l’uomo non c’era però più niente da fare.

Siracusa E' morto un agricoltore di 62 anni nel tentativo di sradicare un albero. di sradicare un albero dal terreno è rimasto colpito dal tronco.
RAI2 TG2 INSIEME - Carlo Soricelli nella trasmissione di Marzia Roncacci

Carlo Soricelli intervistato dalla trasmissione num3ri su Rai2


Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino scritta due giorni questa tragedia

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Anche tu, indipendentemente dal lavoro che svolgi corri seri pericoli

1) Da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna le morti per infortunio sul lavoro non sono mai calate se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL, istituto che monitora solo i propri assicurati

2) In base a questi presunti cali inesistenti e diffusi dalla stampa, dal potere politico e economico in Parlamento si sono fatte leggi per alleggerire le normative sulla sicurezza

3) Almeno un terzo dei morti sul lavoro sfuggono a qualsiasi statistica

4) In questi dieci anni sono morti per infortunio sul lavoro oltre 13.000 lavoratori se si prendono in considerazione tutti, comprensivi dei morti sulle strade e in itinere

5) Ogni anno oltre la metà dei morti sul lavoro sono sulle strade e in itinere (itinere significa mentre si va e si torna dal lavoro). La mancata conoscenza delle normative specifiche sull’itinere è spesso una trappola che impedisce il riconoscimento dell’infortunio, anche mortale e questo vale per tutti i lavoratori indipendentemente il lavoro che svolgono. Tutti si spostano da casa verso e al ritorno dal lavoro

6) Sui luoghi di lavoro in questi dieci anni sono morti oltre 7000 lavoratori (esclusi i morti sulle strade e in itinere)

7) Le donne muoiono relativamente poco sui luoghi di lavoro, ma tantissime perdono la vita in itinere. Sono dovute alla stanchezza per il doppio lavoro che svolgono tra casa e lavoro che ne riduce la prontezza dei riflessi

8) Oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni

9) La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni che non hanno più i riflessi pronti e buona salute per svolgere lavori pericolosi.

10) Il jobs act che ha abolito di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fa aumentare le morti sul lavoro per l’impossibilità di rifiutarsi di svolgere lavori pericolosi. Prova ne è che la stragrande maggioranza di chi muore per infortunio lavora in aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18, di rappresentanza sindacale e di un responsabile della Sicurezza. L’articolo 18 abolito dal jobs acts recitava che non si può licenziare senza Giusta Causa e Giustificato Motivo.

11) Moltissime sono le morti tra artigiani e partite iva individuali e in nero e grigio.

12) E’ l’agricoltura la categoria più a rischio: mediamente supera ogni anno il 30% delle morti sui luoghi di lavoro di tutte le categorie e tra gli agricoltori

13) Un morto si cinque sui luoghi di lavoro ogni anno è provocato dal trattore, ne sono morti in questi dieci anni almeno 1000 mentre guidavano questo mezzo, oltre 400 sono i morti accertati dall’Osservatorio provocati dal ribaltamento del trattore in questi ultimi tre anni.

14) L’edilizia ha mediamente il 20% di tutte le morti sui luoghi di lavoro. Le cadute dall’alto sono un’autentica piaga in questa categorie. In tanti muoiono lavorando in nero in edilizia e in aziende del subappalto.

15) In questi dieci anni non si è fatto niente per arginare questa piaga, il Parlamento ha ignorato le morti di tanti lavoratori e questo per il semplice fatto che il lavoro dipendente e gli artigiani non hanno nessuna rappresentanza di fatto nelle due Camere.

16) Se non vuoi morire lavorando occupati in prima persona della tua sicurezza personale e rifiutati di svolgere lavori pericolosi e denuncia chi ti obbliga a farlo, e se non ne hai la forza di opporti lascia una memoria scritta ai tuoi familiari che potranno un domani denunciare queste autentiche violenze.

Nessuno&scomparso

Ogni anno circa il 30-40% delle denunce delle morti sul lavoro pervenute all’INAIL non vengono riconosciute come tali. Molte altre morti per infortunio sulle strade e in itinere di lavoratori non assicurati a questo istituto non sono considerate da nessuno. Artigiani e tutti i lavoratori con partite iva individuali, agenti di commercio, molti agricoltori schiacciati dal trattore non dipendenti, poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, soldati, ecc. Lavoratori in nero. Lavoratori che non hanno neppure “l’onore” di essere considerati come tali, "morti sul lavoro". Vignette di "Nessuno&scomparso" nel sito http//metalmeccanico.blogspot.it

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei
http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei morti sul lavoro conosciuti in questi anni. Sono vasi di fiori dedicati e firmati col nome della vittima. Ci sono anche pagine dei loro cari che parlano del loro "fiore reciso". Consiglio a tutti di visitare il sito per leggere quello che scrivono i familiari delle vittime. per visitare il sito cliccare sull'immagine.