visualizzazioni ultimi 30 giorni

Presentazione

Visualizzazioni ultimo mese

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

Aperto il 1° gennaio 2008 dal metalmeccanico in pensione Carlo Soricelli per ricordare i sette lavoratori della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima bruciati vivi.

La storia. Poco dopo l’una di notte del 6 dicembre, sulla linea 5 dell’acciaieria di Torino sette operai vengono investiti da una fuoriuscita di olio bollente, che prende fuoco. I colleghi chiamano i vigili del fuoco, all’1.15 arrivano le ambulanze del 118, i feriti vengono trasferiti in ospedale. Alle 4 del mattino muore il primo operaio, si chiamava Antonio Schiavone. Nei giorni che seguiranno, dal 7 al 30 dicembre 2007, moriranno tra atroci sofferenze a causa dall’olio bollente che ne aveva devastati i corpi: si chiamavano Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo e Bruno Santino.

L’Osservatorio ha registrate le morti sui luoghi di lavoro di tutti i lavoratori morti dal 1° gennaio 2008

Grazie agli innumerevoli visitatori del sito che ogni giorno lo visitano a centinaia, a volte a migliaia. Tantissimi anche dall’estero: soprattutto dagli Stati Uniti e dalla Germania. Ma non mancano neppure visitatori dalla Francia e dall’Inghilterra. Tantissimi lavoratori morti per infortuni in Italia sono romeni e arabi, per questo motivo lo presentiamo anche nelle loro lingue se cercano le morti sul lavoro dei loro connazionali-

Oltre un milione di persone hanno vistato l’Osservatorio in questi dieci anni. Vi ringraziamo per la vostra sensibilità per queste tragedie dell’indifferenza.

Independent Observatory of Bologna deaths at work in Italy

Décès d’Observatoire indépendant de Bologne au travail en Italie

Unabhängige Beobachtungsstelle von Bologna Todesfälle bei der Arbeit

Observator independent de Bologna decese la locul de muncă

L'Osservatorio indipendente di Bologna è su Facebook

Segui l’Osservatorio attraverso la tua pagina di Facebook. Diventa amico, clicca "mi piace" fai comprendere ai tuoi amici l'entità del triste fenomeno. Segnala l'Osservatorio indipendente di Bologna sulla tua pagina di Facebook

http://www.facebook.com/osservatorioindipendente?v=wall

Grazie amici di facebook che a giorni anche a migliaia visitate questo sito

morti 2017

Dall’inizio dell’anno al 16 dicembre i morti sui luoghi di lavoro sono 619, oltre 1330 con le morti per infortunio con i mezzi di trasporto.

Il 1 gennaio 2018 l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro compirà 10 anni, da quell’anno i morti per infortunio sul lavoro sono costanti, in molti anni addirittura aumentati. E’ nato poche settimane dopo la strage alla Thyssenkrupp di Torino ed è dedicato a quei lavoratori.

Oltre un milione di persone hanno visitato l’Osservatorio in questi dieci anni. Vi ringraziamo per la vostra sensibilità per queste tragedie dell’indifferenza.

Ma si continua a fare volutamente confusione, mescolando senza fare chiarezza i lavoratori che muoiono sui LUOGHI DI LAVORO da quelli che muoiono sulle strade e in itinere che richiedono interventi completamente diversi. Da chi per esempio cade da un tetto, o schiacciato dal trattore, da un lavoratore che muore in itinere

Report morti sul lavoro dal 1° gennaio al 30 novembre 2017

Dall’inizio dell’anno al 30 novembre sono morti sui luoghi di lavoro 603 lavoratori: con i morti sulle strade e in itinere con il mezzo di trasporto, si superano i 1250 morti complessivi. Erano 590 il 30 novembre 2016, +2,2%. Erano 608 il 30 novembre 2008 + 0,9%. Gli agricoltori schiacciati dal trattore sono come tutti gli anni il 20% di tutti i morti sui luoghi di lavoro. L’agricoltura, come tutti gli anni, supera abbondantemente il 30% di tutti i morti sul lavoro. Oltre il 25% di tutti i morti sui luoghi di lavoro hanno più di 60 anni. Gli edili superano il 20% di tutti i morti sul lavoro. La maggioranza di queste vittime cadono dall’alto; dai tetti e dalle impalcature. Nelle aziende dove è presente il sindacato le morti sono quasi inesistenti: le poche vittime nelle fabbriche che superano i 15 dipendenti sono per la stragrande maggioranza lavoratori che lavorano in aziende appaltatrici nell’azienda stessa: spesso manutentori degli impianti. La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni. Anche il jobs act per la possibilità di essere licenziati, senza appello, ma solo con un po’ di denaro, rende i lavoratori licenziabili se si oppongono a svolgere un lavoro pericoloso. Gli stranieri morti per infortunio, sono oltre il 10% dall’inizio dell’anno, è così tutti gli anni. Il 30% dei morti sul lavoro spariscono ogni anno dalle statistiche. Tra l’altro e in ogni caso i morti sui luoghi di lavoro monitorati dall’Osservatorio sono sempre molti di più di quelli monitorati dell’INAIL. Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro http://cadutisullavoro.blogspot.it

Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima

Sono 138 i morti schiacciati dal trattore dall’inizio dell’anno e oltre 1400 da quando è stato aperto l’Osservatorio

Morti nelle Regioni e Province italiane nel 2017 per ordine decrescente

N.B i morti segnalati nelle Regioni sono solo quelli sui LUOGHI DI LAVORO.

LOMBARDIA 61 Milano (10), Bergamo (9), Brescia (10), Como (1), Cremona (1), Lecco (5), Lodi (2), Mantova (3), Monza Brianza (5), Pavia (7), Sondrio (5), Varese (3). VENETO 55 Venezia (7), Belluno (2), Padova‎ (5), Rovigo (7), Treviso (11), Verona (14), Vicenza (10). CAMPANIA 48 Napoli (17), Avellino (6), Benevento (5), Caserta (8), Salerno (10). PIEMONTE 43 Torino (15), Alessandria (3), Asti (5), Biella (2), Cuneo (11), Novara (1), Verbano-Cusio-Ossola (1) Vercelli (5) ABRUZZO 42 L'Aquila (9), Chieti (10), Pescara (14) Teramo (9) EMILIA ROMAGNA 41 Bologna (3), Rimini (). Ferrara (6) Forlì Cesena (4) Modena (5) Parma (6) Ravenna (8) Reggio Emilia (6) Piacenza (3) SICILIA 39 Palermo (6), Agrigento (8), Caltanissetta (3), Catania (4), Enna (2), Messina (1), Ragusa (5), Siracusa (1), Trapani‎ (9). TOSCANA 36 Firenze (4), Arezzo (), Grosseto (6), Livorno (3), Lucca (6), Massa Carrara (1), Pisa‎ (7), Pistoia (4), Siena (2) Prato (3). LAZIO 32 Roma (10), Viterbo (8) Frosinone (5) Latina (8) Rieti (1). PUGLIA 29 Bari (6), BAT (1), Brindisi (5), Foggia (7), Lecce (8) Taranto (1) CALABRIA 25 Catanzaro (2), Cosenza (10), Crotone (2), Reggio Calabria (6) Vibo Valentia (5) MARCHE 16 Ancona (4), Macerata (2), Fermo (1), Pesaro-Urbino (6), Ascoli Piceno (3). UMBRIA 15 Perugia (12) Terni (3). LIGURIA 13 Genova (4), Imperia (2), La Spezia (2), Savona (5). SARDEGNA 16 Cagliari (7), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (), Ogliastra (), Olbia-Tempio (), Oristano (3), Sassari (6). Sulcis inglesiente (1) TRENTINO ALTO ADIGE 10 Trento (3), Bolzano (7). FRIULI VENEZIA GIULIA 11 Trieste (2), Gorizia (1), Pordenone (2), Udine (6). Molise 8 Campobasso (54), Isernia (3) BASILICATA 4 Potenza (1) Matera (3) VALLE D’AOSTA (1)

Molte delle vittime del terremoto in Emilia erano lavoratori rimasti schiacciati per il crollo dei capannoni. Lo stesso terremoto che ha colpito l’Umbria e le Marche ha evidenziato che i capannoni industriali in Italia sono per la maggior parte a rischio sismico. E’ un miracolo che non ci siano stati morti nella cartiera a Pioraco di Macerata. Il tetto è crollato nel cambio turno, nella fabbrica stavano lavorando solo 20 persone che sono riuscite a scappare. L’intero tetto della sala macchine è crollato. In questa fabbrica ci lavorano complessivamente 146 lavoratori e se fossero stati tutti all’interno ci sarebbe stata una strage. E’ un miracolo, come nel terremoto in Emilia che pur provocando vittime tra i lavoratori è capitato di notte e in orari dove nelle fabbriche ci lavoravano pochissime persone. La maggioranza dei capannoni industriali in Italia sono stati costruiti in anni dove non si teneva in nessun conto del rischio sismico. Tantissimi di questi capannoni hanno le travi SOLO appoggiate sulle colonne e nel caso di terremoti possono muoversi dall’appoggio e crollare.

Se non si comincia a farli mettere in sicurezza è a rischio la vita di chi ci lavora sotto, e parliamo di milioni di lavoratori. Del resto con incentivi e detassazioni si potrebbero mettere tutti in sicurezza con una spesa non eccessivamente alta.

Report morti sul lavoro nell’intero 2016

Nel 2016 sono morti 641 lavoratori sui luoghi di lavoro e oltre 1400 se si considerano i morti sulle strade e in itinere (stima minima per l’impossibilità di conteggiare i morti sulle strade delle partite iva individuali e dei morti in nero), e di altre innumerevoli posizioni lavorative, ricordando che solo una parte degli oltre 6 milioni di Partite Iva individuali sono assicurate all’INAIL. L’unico parametro valido per confrontare i dati dell’INAIL e di chi li utilizza per fare analisi, e dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro sono i morti per infortuni INAIL SENZA MEZZO DI TRASPORTO, e confrontare quanti ne registra in più l’Osservatorio. Si ha così il numero reale delle morti per infortuni sui LUOGHI DI LAVORO IN ITALIA e non solo degli assicurati INAIL.

http://www.facebook.com/osservatorioindipendente?v=wall

Grazie amici di facebook che a centinaia visitate questo sito ogni giorno

Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Indipendente d Bologna morti sul lavoro, attivo dal 1° gennaio 2008 http://cadutisullavoro.blogspot.it

I morti per infortunio sul lavoro quanti sono?

Se uno guarda superficialmente i dati dei morti sul lavoro si entra in uno stato confusionale. Sono reali quelli dell'Osservatorio o quelli dell'INAIL? A prima vista sembrano di più quelli dell'INAIL, ma occorre ricordare che quelle diffuse dall'INAIL sono denunce e non riconoscimento delle morti che questo istituto dello Stato analizzerà in secondo. Dopo diversi mesi dell'anno successive l’INAIL diffonde il numero di morti per infortuni riconosciuti come tali, sono mediamente il 30% in meno ogni anno. Resuscitano? No, è che tante di queste morti sono in itinere o di non assicurati all'INAIL, o in nero, oppure di non loro pertinenza. Comunque se si guardano i dati complessivi comparati, quelli diffusi dall’INAIL, sono ovviamente molto meno delle morti di questo Osservatorio che monitora tutti i morti sui LUOGHI DI LAVORO da ben dieci anni, indipendentemente dal lavoro svolto o dall’assicurazione di riferimento. Se si confrontano con quelli dell'INAIL occorre sempre ricordare che nelle denunce pervenute all'INAIL ci sono anche i morti sulle strade e in itinere che sono ogni anno dal 50 al 55% di tutte le morti sul lavoro.

Se si vuole fare una comparazione vera occorre confrontare i morti senza mezzi di trasporto dell’INAIL con quelli sui LUOGHI DI LAVORO dell’Osservatorio.

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

http://cadutisullavoro.blogspot.it

L’anno scorso in Europa sono stati 10.000 i lavoratori morti mentre andavano o tornavano dal lavoro (indagine europea). Tantissime le donne sovraccaricate sul posto di lavoro, oltre che dal carico famigliare e dai lavori domestici. Quando in itinere sono alla guida di un automobile hanno spesso incidenti anche mortali. Molti infortuni poi non vengono riconosciuti come tali a causa della normativa specifica dell’itinere. E quando andate a vedere ogni anno le denunce per infortuni pervenute all’INAIL vi accorgete che poi successivamente non vengono riconosciute come morti sul lavoro mediamente il 30/40% delle denunce per infortuni mortali. Occorre ricordare che anche quest’anno, come i precedenti, che un lavoratore su cinque muore schiacciato dal trattore che guida. Ma con questa casta parlamentare, nessuno escluso, parlare della vita di chi lavora e come parlare di niente. Le percentuali delle morti nelle varie categorie sono sempre quelle tutti gli anni. L’agricoltura ha sempre più del 30% delle morti sul totale, segue l’edilizia che supera ogni anno il 20%. Poi l’industria e l’autotrasporto che si contendono sempre il terzo e quarto posto in questa triste classifica. Ma queste due categorie sono sempre sotto il 10%, nonostante milioni di addetti e questo, per fortuna, abbiamo ancora sindacati che esercitano controlli sulla Sicurezza. Gli stranieri morti per infortuni sui luoghi di lavoro sono in questo momento il 10% sul totale. E’ spaventoso pensare che i nostri giovani non trovano lavoro e si è innalzata l’età per andare in pensione di molti anni anche a chi svolge lavori pericolosi. Anche quest’anno il 30% dei morti sui LUOGHI DI LAVORO ha dai 61 anni in su.

L'Osservatorio indipendente di Bologna è su Facebook

Diventa amico, clicca "mi piace" dai il tuo contributo morale per far comprendere l'entità del triste fenomeno e fallo conoscere ai tuoi amici. Segnala l'Osservatorio indipendente di Bologna sulla tua pagina di Facebook

http://www.facebook.com/osservatorioindipendente?v=wall

Le morti verdi provocate dal trattore

Strage verde sui campi

Ai 138 dall’inizio dell’anno morti schiacciati dal trattore occorre aggiungerne tanti altri che sono morti per essere stati trasportati a bordo (anche bambini) o per le strade a causa di incidenti provocati da questo mezzo. Oltre 600 sono morti in questa ultima legislatura. Anche quest’anno più del 20% dei morti per infortuni su di tutte le categorie sono provocate da questo mezzo. ASSURDO che la politica non se ne occupi. ASSURDO tra l’altro che il Parlamento pochi mesi fa ha rinviata per l’ennesima volta la legge europea che obbliga chi giuda questo sterminatore di agricoltori a sottoporsi a un esame che ne verifichi l’idoneità alla guida. Una legge del 2002. Occorrerebbe (ma lo scriviamo da tanti anni senza nessun risultato) che chi ci governa faccia una campagna informativa sulla pericolosità del mezzo. E chi di dovere metta a disposizione forti incentivi per mettere in sicurezza i vecchi trattori.

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Morti bianche opera di carlo soricelli

Morti bianche opera di carlo soricelli
Morti bianche opera di carlo soricelli

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli
Santo Della Volpe con Carlo Soricelli. Abbiamo deciso di dedicare questo osservatorio indipendente anche al grande giornalista Santo Della Volpe scomparso da poco. Da quando è aperto, abbiamo constatato quanto ha fatto per far comprendere agli italiani le vere dimensioni delle tragedie degli infortuni sul lavoro, del dramma dei familiari che hanno perso così tragicamente un loro Caro, delle morti provocate dall’amianto e di tutte le problematiche del mondo del lavoro. Grazie Santo

Carlo Soricelli attività artistica

Carlo Soricelli brevi cenni biografici

Tecnico metalmeccanico in pensione. Ha aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008 pochi giorni dopo la tragedia della ThyssenKrupp di Torino, dopo aver visto che non era possibile trovare sul Web notizie in tempo reale sulle morti sul lavoro. Considera l’attività di volontario dell’Osservatorio come una naturale evoluzione della sua attività di artista

E’ pittore-scultore da oltre quarant’anni, Ha sempre creato opere a contenuto sociale.. Ha esposto con personali con Antonio Ligabue e Cesare Zavattini e ha all’attivo oltre settanta mostre, è presente con opere in diversi musei.

Ha creato per primo al mondo, da vent’anni la “pittura pranica”, la pittura che interagisce con l’osservatore e che “guarisce” numerose patologie, soprattutto dolorose. Ha creato il “Rifiutismo” corrente pittorica dove gli oggetti che l’uomo considera rifiuti assumono una dimensione senza tempo. Ha scritto sei libri.

Qui sotto i siti di Soricelli

Translate (traduci nella tua lingua)

domenica 7 marzo 2010

I MORTI IN AGRICOLTURA IN QUESTI ULTIMI DUE ANNI




Probabilmente il Ministro Zaia diventerà dopo le elezioni regionali del 28 e 29 marzo
il nuovo presidente del Veneto. E' stato un buon ministro dell'agricoltura? A mio parere no. L'agricotura è il settore dove si muore di più, con quasi il 30% delle vittime sul totale dei morti per infortuni sul lavoro. non ricordo nessuna iniziativa che il Ministro Zaia ha fatto per alleviare questo terribile fenomeno che vede centinaia di agricoltori vittime sacrificali dell'indifferenza delle Istituzioni e dei media. Gli agricoltori muoiono quasi tutte schiacciati dagli obsoleti trattori che guidano che non hanno nessuna protezione in caso di ribaltamento. Gli agricoltori muoiono quasi tutti in tarda età a causa dei riflessi poco pronti. Era una richiesta folle chiedere da ministro dell'agricoltura la rottamazione dei vecchi trattori? Era una campagna mediatica impossibile avvertire gli agricoltori e i loro famigliari che guidare quelle autentiche bare volanti rappresentate dai vecchi trattori è un rischio mortale? Io credo di no, e qui sotto voglio chiedere ai visitatori un minuto di raccoglimento quando guarderanno l'elenco delle centinaia di agricoltori morti in questi ultimi due anni, da quando ho aperto questo blog. Carlo Soricelli


MORTI IN AGRICOLTURA NEGLI ANNI 2008 2009 2010

AGRICOLTORI MORTI NEL 2008
1-gen Treviso Giampietro De Conto Agricoltura 50 italia
4-gen Treviso Anonimo Anonimo Agricoltura 48 Romania
20-gen Agrigento Gioacchino Giardina Agricoltura 40 Italia
20-gen Potenza Carlo Monteleone agricoltura 67 Italia
22-gen Bolzano Josef Oberhofer Agricoltura 75 Italia
30-gen Ancona Pietro Maggiori Agricoltura 57 Italia
7-feb Cuneo Kasimier Woichek Agricoltura 27 Polonia
9-feb Vibo Valentia Gennaro Arena Agricoltura 55 Italia
11-feb Lecce Anonima Anonimo Agricoltura Italia
12-feb Piacenza Luigi Garavelli Agricoltura 39 Italia
13-feb Agrigento Anonimo Anonimo Agricoltura 84 Italia
16-feb Brescia Anonimo Anonimo Agricoltura 76 Italia
20-feb Belluno Anonimo Anonimo Agricoltura 70 Italia
25-feb Reggio Calabria Anonimo Anonimo Agricoltura 43 India
3-mar Bergamo Anonimo Anonimo Agricoltura 58 Italia
6-mar Brescia F.B Anonimo Agricoltura 68 Italia
8-mar Piacenza Giovanni Grandini Agricoltura 60 Italia
11-mar Belluno Giovanni Zanivan Agricoltura 68 Italia
13-mar Trento Arico Zucal Agricoltura 77 Italia
16-mar Ferrara Giampaolo Fregnon Agricoltura 67 Italia
16-mar Teramo giuseppe Zuccarini Agricoltura 82 Italia
27-mar Ragusa Sconoscito Anonimo Agricoltura Marocco
31-mar Verona Angelo Siverio Agricoltura 75 Italia
1-apr Bari Ruggero Dimonte Agricoltura 48 Italia
6-apr Foggia Vito Prussiano Agricoltura 74 Italia
6-apr Potenza Vito Prussiano Agricoltura 74 Italia
10-apr Lecce Angelo Sagona Agricoltura 73 Italia
16-apr Teramo Giuseppe Zuccarini Agricoltura 82 Italia
21-apr Lecco G. P. Agricoltura 54 Italia
21-apr Matera Jiulian Marius Lacatusu Agricoltura 16 Romania
23-apr Sondrio Millo Pedrotti Agricoltura 85 Italia
24-apr Cosenza Demetrio Sisca Agricoltura 69 Italia
25-apr Viterbo Massimo Pacetti Agricoltura 51 Italia
27-apr Catanzaro Luigi Guzzetti Agricoltura 20 Italia
2-mag Pesaro Paolo Rossini Agricoltura 78 Italia
3-mag Bari Francesco Laneve Agricoltura 60 Italia
3-mag Catania Codurt Tedetila Agricoltura 30 Romania
3-mag Cosenza Giuseppe Ferarro Agricoltura 31 Italia
6-mag Asti Giorgio Grosso Agricoltura 73 italia
6-mag Roma Mijan Manik Agricoltura 31 Blangadesh
7-mag Terni Vincenzo Amici Agricoltura (poliziotto) 47 Italia
8-mag Frosinone Anonimo Anonimo Agricoltura 81 Italia
9-mag Pisa Iuri Balducci Agricoltura 47 Italia
12-mag Foggia Davide Mennea Agricoltura 45 Italia
12-mag Genova Claudio P. Agricoltura 53 Italia
12-mag Reggio Calabria R C Agricoltura 78 Italia
14-mag Milano Alberto felice Campioni Agricoltura 70 italia
14-mag Udine Silverio Zin Agricoltura 71 Italia
15-mag Pescara Bruno De Felica Agricoltura 75 Italia
24-mag Matera Francesco Lovascio Agricoltura 54 Italia
25-mag Asti Domenico Origlia Agricoltura 69 Italia
27-mag Bolzano Konrad Kroess Agricoltura 45 Italia
28-mag Potenza Antonio La Sala Agricoltura 46 Italia
28-mag Trento Ivano Fracena Agricoltura 54 Italia
29-mag Savona Salvatore De Moro Agricoltura 73 Italia
29-mag Trento Ermione Croda Agricoltura Italia
3-giu Ravenna Gabriele Maccesi Agricoltura 55 Italia
7-giu Chieti Giorgio Ciofani Agricoltura 70 Italia
8-giu Caltanisetta Gaetano Mirasolo Agricoltura 19 Italia
9-giu Reggio Calabria Aget Burgu Agricoltura 38 Albania
10-giu Udine Dino Berghignan Agricoltura 33 Italia
11-giu Caserta Giuseppe Arcopinto Agricoltore 50 Italia
11-giu Alessandria Anonimo Anonimo Agricoltura Italia
12-giu Lecce Luigi Palma Agricoltura 78 Italia
12-giu L'Aquila Anonima Anonima Agricoltura Italia
14-giu Foggia Anonimo Anonimo Agricoltura 75 Italia
15-giu Cuneo Armando Mattei Agricoltura 46 Italia
15-giu Caserta Angelo Pezza Agricoltura (ferroviere) 47 Italia
20-giu Reggio Emilia Arrigo Bonetti Agricoltura 71 Italia
24-giu Roma Angelo Tocco Agricoltura 55 Italia
27-giu Mantova Kumar Vijjai Agricoltura (clandestino) 44 India
29-giu Treni Moreno Vittori Agricoltura 41 Italia
5-lug Brescia Esposito Giacobini Agricoltura 61 Italia
6-lug Pavia Giancarlo Corsi Agricoltura 67 Italia
7-lug Vibo Valentia Pasquale Cuglieri Agricoltura 35 Italia
9-lug Vibo Valentia Giuseppe Gentile Agricoltore 52 Italia
9-lug Brescia Anonimo Anonimo Agricoltura 44 Italia
11-lug Mantova Vijai Kumar Agricoltura Italia
13-lug Matera Paolo Carbone Agricoltura 82 Italia
14-lug Vicenza Anonimo Anonimo Agricoltura Italia
14-lug Pescara Guerino Pietrangelo Agricoltura 72 Italia
15-lug Brescia Anonimo Anonimo Agricoltura 62 Italia
15-lug Genova Amabile Corbelli Agricoltura 50 Italia
15-lug Lecco Luigi Moiana Agricoltura 72 Italia
17-lug Brescia Vittorio Andreoli Agricoltura 76 Italia
18-lug Terni Angelo Sperandei Agricoltura 73 Italia
19-lug Forlì Angelo Grillandi Agricoltura 78 Italia
20-lug Firenze Anonimo Anonimo Agricoltura 71 Italia
21-lug Bolzano Luis Valentin Agricoltura (boscaiolo) 20 Italia
23-lug Sassari Domenico Stoccaro Agricoltura 64 Italia
23-lug Grosseto Anonimo Anonimo Agricoltura (boscaiolo) Romania
23-lug Vicenza Pierluigi Zen Allevatore 48 Italia
25-lug Trento Enzo Moser Agricoltura Italia
30-lug Campobasso Gheorghe Radu Agricoltura 35 Romania
31-lug Chieti Aquilino Mancinelli Agricoltura 52 Italia
1-ago Avellino Anonimo Anonimo Agricoltura Italia
2-ago Bari Pietro Stasi Agricoltura 70 Italia
3-ago Rieti G D Agricoltura 74 Italia
4-ago Agrigento Pasquale Pirrera Agricoltura 78 Italia
4-ago Fermo Fabrizio Cerretani Agricoltura 50 Italia
4-ago Pesaro Alvaro Bartolini Agricoltura 60 Italia
6-ago Padova Dame Niang Agricoltura 37 Nigeria
6-ago Pescara Florentin Arabagin Agricoltura 29 Romania
6-ago Bolzano Alois Gamper Agricoltura Boscaiolo 58 Italia
10-ago Ragusa Mohamed Gharsi Agricoltura 29 Tunisia
11-ago Chieti Biorel Marius Maxim Agricoltura 25 Romeno
14-ago Sondrio Ersilio Martinelli Agricoltura Boscaiolo 57 Italia
18-ago Viterbo Guglielmo Maria Frassanito Agricoltura 75 Italia
21-ago Potenza Gaetano Cardacino Agricoltura 47 Italia
21-ago Viterbo Anonimo Anonimo Agricoltura 81 Italia
28-ago Firenze Anonimo Anonimo Agricoltura 72 Italia
28-ago Latina Anonimo Anonimo Agricoltura 37 Italia
28-ago Potenza Anonimo Anonimo Agricoltura 20 Italia
29-ago Bari Gaetano Cicala Agricoltura 30 Italia
29-ago Padova Bruno Boro Agricoltura 50 Italia
30-ago Verona Angelo Carli Agricoltore 74 Italia
1-set Milano Giovanni Papetti Agricoltura 62 Italia
2-set Lodi Gianni Papetti Agricoltura 62 Italia
3-set Perugia Anonimo Anonimo Agricoltura Italia
4-set Belluno Anonimo Anonimo Agricoltura 78 Italia
7-set Rieti Otello Ragno Agricoltura 80 Italia
11-set Cuneo Anonimo Anonimo Agricoltura 83 Italia
15-set Latina Pietro Favella Agricoltura 49 Italia
17-set Trento Mario Bergamo Agricoltura 64 Italia
19-set Genova Anonimo Anonimo Agricoltura 62 Italia
23-set Chieti Filippo Aimola Agricoltura 34 Italia
24-set Ascoli-Piceno Luigi Montani Agricoltura 68 Italia
24-set Verona Giuseppe Pasetto Agricoltura 56 Italia
30-set Bolzano Anonimo Anonimo Agricoltura 70 Italia
30-set Pantelleria Bartolomeo Morello Agricoltura 64 Italia
30-set Brescia Carlo Gobbini Agricoltura 79 Italia
1-ott Benvento Anonimo Anonimo Agricoltura 72 Italia
1-ott Modena S. M. Agricoltura 73 Italia
3-ott Chieti Luigi Tenaglia Agricoltura 82 Italia
5-ott Latina Francesco Pensiero Agricoltura 74 Italia
6-ott L'Aquila Pasquale Pietrantonio Agricoltura 41 Italia
7-ott Arezzo Nunzio Garofano Agricoltura 54 Italia
10-ott Trento Guido Bordati Agricoltura 57 Tunisia
11-ott Bologna Anonimo Anonimo Agricoltura 75 Italia
11-ott Perugia Anonimo Anonimo Agricoltura 63 Italia
13-ott Ferrara Andrea Gentili Agricoltura 49 Italia
15-ott Gorizia Giovanni Cesca Agricoltura 76 Italia
15-ott Treviso Alex Bolzanello Agricoltura 21 Italia
17-ott Arezzo Luca Cerofolini Agricoltura 30 Italia
17-ott Frosinone Denis Haley Andrei Agricoltura 64 Inghilterra
17-ott Potenza Mauro Strozza Agricoltura 56 Italia
23-ott Bolzano josef Oberhofer Agricoltura 75 Italia
23-ott Chieti Biagio Del Bonifro Agricoltura 48 Italia
24-ott Brescia Wrirden Singh Agricoltura 27 India
24-ott Torino Ranjit Singh Agricoltura 24 India
24-ott Torino Anonimo Anonimo Agricoltura 28 India
25-ott Parma Anonimo Anonimo Agricoltura 64 Italia
31-ott Bolzano Erich Hopfgartner Agricoltura 46 Italia
1-nov Brescia Giacomo Ramelli Agricoltura 31 Italia
1-nov Frosinone Anonimo Anonimo Agricoltura 75 Italia
2-nov Caserta Umberto Papa Agricoltura 43 Italia
3-nov Agrigento Calogera Castrogiovanni Agricoltura 73 Italia
4-nov Trento Valerio Melchioni Agricoltura Italia
5-nov Napoli Giovanni Saviano Agricoltura 86 Italia
5-nov Vibo Valentia Domenico Costanzo Agricoltura 73 Italia
10-nov Chieti Sabra Vittoria Di Capria Agricoltura Italia
10-nov Chieti Pietro Ferri Agricoltura 61 Italia
10-nov Cuneo Luigi Davico Agricoltura 54 Italia
10-nov Pescara Luciano Monaco Agricoltura 79 Italia
10-nov Trento Omar Valentini Agricoltura 29 Italia
11-nov Macerata Costantino Compagnucci Agricoltura 80 Italia
18-nov Frosinone Mario Massoli Agricoltura 64 Italia
19-nov Matera Vincenzo Milano Agricoltura Italia
19-nov Perugia Isacco Mancini Agricoltura 77 Italia
23-nov Caserta Massimo Di Resta Agricoltura 33 Italia
24-nov Chieti Camillo Cinelli Agricoltura 57 Italia
24-nov Ragusa Giovanni Agnello Agricoltura 67 Italia
31-dic Firenze Anonimo Anonimo Agricoltura Italia
31-dic Lucca Emanuele Sciortino Agricoltura 60 Italia
Agricoltura

MORTI IN AGRICOLTURA NEL 2009
10-gen Caserta Anonimo Anonimo Allevamento India?
11-gen Messina Giovanni Puglisi Agricoltura 63 Italia
14-gen Firenze Orlando Ranieri Agricoltura 70 Italia
17-gen Verona Simone Bianchi Agricoltura 30 italia
21-gen Cosenza L. Gramigna Agricoltura 75 Italia
28-gen Savona G. Richero Agricoltura 64 Italia
28-gen Varese M Sartorio Agricoltura 63 Italia
30-gen Isernia Cosmo Monaco Agricoltura 62 Italia
31-gen Perugia G. na Bacchettini Agricoltura 35 Italia
05-feb Campobasso P. Mastrogiacomo Agricoltura 62 italia
17-feb Verona Eleonora Tamellini Agrcoiltura 74 italia
17-feb Ascoli Piceno Luciano Firmani Agricoltura 52 Italia
17-feb Gorizia Stanislao Primovic Agricoltura 55 Italia
19-feb Catanzaro P G agricoltura 65 Italia
24-feb Reggio Emilia Araldo Gatti Agricoltore 68 Italia
27-feb Piacenza Luigi Morisi Agricoltura 64 Italia
03-mar Firenze Marino Rosellini Agricoltura 82 Italia
05-mar Latina Erminio Iorizzo Agricoltura 67 Italia
11-mar Pesaro Anonimo agricoltura 76 Italia
14-mar Roma Agricoltura
14-mar Belluno Franco Casanova Agricoltura 75 Italia
14-mar Chieti Giovanni Palizzi Agricoltura
15-mar Chieti Quintino D'Albero Agricoltura 49 Italia
15-mar Vibo valentia Domenico Franzè Agricoltura 67 Italia
15-mar Chieti Pasquale Di Stefano Agricoltura 42 Italia
18-mar Cremona Felice David Agricoltura 66 Italia
18-mar Cremona Pierluigi Ongini agricoltura 54 Italia
23-mar Cuneo Ezio Brondello Agricoltura 58 Italia
23-mar Bolzano A. Zwischerbrugger Agricoltura 65 Italia
24-mar Verona Giuseppe Dai Prè Agrcoltura 76 Italia
24-mar Belluno R C Agricoltura 71 Italia
27-mar Pisa Anonimo Agricoltura Italia
29-mar Sassari Antonio Sotgiu Agricoltura 25 Italia
03-apr Verona Graziano Maragna Agrcoltura 71 Italia
10-apr Verona Renzo Polani Agricoltura 66 Italia
11-apr Verona Renzo Volani agricoltura 66 Italia
14-apr Ascoli Piceno Giuseppe Concetti agricoltura 73 Italia
17-apr Roma F.Ferri Mancini Agricoltura 79 Italia
18-apr Salerno Sebastiano Gatta Agricoltore 74 Italia
21-apr Viterbo G P Agricoltura 35 Italia
24-apr Brescia Bruno Peli Agricoltura 44 Italia
24-apr Modena Tiziano Ferrari agricoltura 46 Italia
04-mag Asti Claudio Gillio Agricoltore 33 Italia
08-mag Vibo valentia A. Santaguida Agricoltura 56 Italia
08-mag Verona L.C Agricoltura 40 Italia
09-mag Pesaro D. Mencheti Agricoltura 65 Italia
10-mag Terni Fabio Tittarelli Agricoltura 19 Italia
11-mag Sassari Moude Djane Agricoltura 42 Senegal
12-mag Salerno Carlo Iunius Agricoltura 55 Italia
13-mag Potenza Paolo Di Bono Agricoltore 32 Italia
13-mag Chieti Carlo Iunius Agricoltura 45 Italia
15-mag Palermo leonardo Lo Baido Agricoltura 69 Italia
16-mag Verona Verjoni Lulzin Agricoltura 44 Italia
16-mag Asti Agricoltura 45 Italia
18-mag Trapani Giuseppe Sciacca Agricoltura 53 Italia
21-mag Viterbo Bernardino Vasella Agricoltura 56 Italia
22-mag Matera Pietro Schiavone Agricoltura 83 Italia
22-mag Piacenza Paolo Ferrari Agricoltura 45 Italia
25-mag Perugia Anonimo Agricoltura 86 Italia
25-mag Salerno E L Agricoltura 67 Italia
26-mag Chieti Valentino D'Abrosio Agricoltura 71 Italia
26-mag Sassari Agostino D'Ambrosio agricoltura 71 Italia
26-mag Piacenza Daniele Crosato Agricoltura 57 Italia
26-mag Brescia Gaetano Valbusa Agricoltura 79 Italia
27-mag Bari Anonimo Agricoltura 43 Italia
28-mag Caserta Domenico Diana Agricoltura 20 Italia
28-mag Ferrara Mauro Ferro Agricoltura 45 Italia
29-mag Bologna Gigi Nicoletti Agricoltura 61 Italia
29-mag Trapani Matteo Giacolone Agricoltura 81 Italia
30-mag Teramo Gaetano Core Agricoltura 42 Italia
02-giu Ravenna Ilario Rontini Agricoltura 45 Italia
03-giu Ragusa Fabio Cassarino Agricoltura 25 Italia
04-giu Piacenza Dalmazio Politi Agricoltore 78 Italia
05-giu Teramo Novello Bruni Agricoltura 81 Italia
05-giu Trento Silvano Rossit Agricoltura 70 Italia
10-giu Potenza G. Di Giacomo Agricoltura 32 Italia
11-giu Pordenone Antonio Mion Agricoltura 72 Italia
13-giu Ferrara Marcello Balboni Agricoltura 67 Italia
15-giu Salerno Giovanni Spinelli Agrcicoltura Italia
16-giu Avellino L G Agricoltura 40 Italia
20-giu Isernia Giuseppe Candela Agricoltura Italia
20-giu Trento Valentina Vincenzi Agricoltura 37 Italia
21-giu Bolzano Herman staffler Agrcoltura 68 Italia
21-giu L'Aquila B. Panciotti Agricoltura 73 Italia
21-giu Reggio Emilia Agricoltura 69 Italia
23-giu Udine sandro Menean Agricoltura 45 Italia
24-giu Trento Bruna Oss Emer Agricoltura 57 Italia
25-giu Matera Anonimo Agricoltura 29 Romania
04-lug Torino Oscar Revello Agricoltura 31 Italia
04-lug Aosta Alfonso Bochet Agricoltura 76 Italia
07-lug Avellino P. Minichiello agricoltura 63 Italia
09-lug Caserta Gianluca Messino Agricoltura 22 Italia
10-lug Parma Lorenzo Solmì Agricoltura 40 Italia
10-lug L'Aquila Alfio Murzulli Agricoltura 51 Italia
10-lug Bolzano J. Plattner Agricoltura 82 Italia
13-lug Enna Angelo Conoscenti Agricoltura 45 Italia
15-lug Teramo Adono Del Negro Agrcoltura 47 Italia
18-lug Trento Giustiniano Caden Agricoltura 84 Italia
19-lug Catanzaro Salvatore Vivino Agricoltore 52 Italia
19-lug Bologna Silvano Bacci Allevamento 39 Italia
20-lug L'Aquila Tarciso Cardilli Agricoltura 61 Italia
21-lug Oristano Mario Piu Agricoltura 58 Italia
23-lug Varese Serafino Contini Agricoltura 83 Italia
24-lug Trento Ugo Nardelli Agricoltura 74 Italia
27-lug Varese Serafino Contini Agrcicoltura 83 Italia
27-lug Grosseto Lino Bacciarelli Agricoltura 82 Italia
27-lug Reggio Emilia Giuseppe Ferri Agricoltura 74 Italia
29-lug Campobasso Michele Borelli Agricoiltura 76 Italia
29-lug Foggia Pasquale Pratticchizzo Agricoltura 54 Italia
03-ago Benevento A. Giammatei Agricoltura 78 Italia
05-ago Bologna Alessandro Ferrari Agricoltura 35 Italia
07-ago Frosinone Anonimo Agricoltura 53 Italia
11-ago Benevento Aurelio Ricciardi Agricoltura 32 Italia
12-ago Forlì Cesena Anonimo Agricoltura 62 Italia
22-ago Lecce Antonio Macchia Agricoltura 78 Italia
26-ago Trento Aldo Pojer Agricoltura 63 Italia
26-ago Savona Gheorge Asavei Agricoltura 28 Romania
27-ago Trento Adolfo Dorigatti Agricoltura 81 Italia
28-ago Bari Agricoltore 30 romania
29-ago Potenza Cezar Ungurianu agricoltura 30 Romania
01-set Bolzano A. Oberprantacher Agric. Foreste 63 Italia
01-set Bolzano A. Matzneller Agricicoltura foreste 73 Italia
01-set Avellino Donato Trombetta Agricltura 50 Italia
01-set Firenze Vincenzo D'Ippolito Agricoltura 70 Italia
05-set Lecce Salvatore Zecca Agricoltura 40 Italia
10-set Bergamo Patrizio Magri Agricoltura 69 Italia
10-set Catanzaro Gregorio Posco Agricoltura 55 Italia
19-set Pesaro C. Ciaccialluti Agricoltura 55 Italia
25-set Cremona Lorenzo Bignaghi agricoltura 88 Italia
28-set Pescara Antonio Di B. Agricoltura 72 Italia
28-set Pescara P.G agricoltura 57 italia
30-set Nuoro Enzo Orsini Agricoltura 51 Italia
01-ott Brescia Carlo Gobbini agricoltura 79 Italia
06-ott Verona Giulio Righetti Agricoltura 86 Italia
07-ott Vicenza Mariano Bortoli Agricoltura 51 Italia
07-ott Bologna Anonimo Agricoltura Italia
10-ott Brescia Francesco Miclini Agrcoltura 65 Italia
12-ott Perugia Anonimo Agricoltura Italia
24-ott Treviso Tommaso Visentin Agricoltura 86 Italia
26-ott Trento Agricoltura 26 Romania
26-ott Verona Egidio Lovotin Agricoltura 65 Italia
28-ott Brescia Giuseppe Ranghetti Agricoltura 70 Italia
29-ott Bolzano Heinrich Pechlaner Agricoltura Italia
30-ott Potenza Agricoltura 32 Italia
31-ott Foggia V.Z Agrcicoltura 32 Italia
02-nov Salerno Giuseppe Spinelli Agricoltura Italia
03-nov Bolzano Corrado Merchirre Agricoltura 62 Italia
11-nov Brescia Sconosciuta Agrcicoltura Italia
11-nov Modena Benvenuto Magarotto Agrcoiltura 65 Italia
12-nov Varese Serafino Contini Agricoltura 83 Italia
13-nov Bolzano Sconosciuta agricoltura Italia
13-nov Modena Fernando Monelli Agricoltura Italia
16-nov Foggia Marco Palese Agricoltura 70 Italia
16-nov Ancona Mario Marinelli Agricoltura 71 Italia
19-nov Agrigento Antonio Marcanda Agricoltura 79 Italia
22-nov Latina Giuseppe Del Mastro Agricoltura 80 Italia
23-nov Latina Gianni Ciufo Agrcicoltura 84 Italia
24-nov Bolzano Albuin Kuenig Agricoltura 66 Italia
25-nov Cosenza Angelo Malagrinò Agricoltura 55 Italia
30-nov Catania Salvatore Capillo Agricoltura 61 Italia
01-dic Ascoli Piceno Agricoltura 77 Italia
01-dic Ascoli Piceno Agricoltura 77 Italia
03-dic Grosseto Salvatore Cinelli Agrcicoltura 70 Italia
07-dic L'Aquila Aralambie Albis Agrcicoltura 49 Romania
21-dic Chieti Albarino Firmani Agricoltura 89 Italia
30-dic Foggia Rachid Douioi Agricoltura 31 Marocco

MORTI IN AGRICOLTURA NEL 2010
29-gen Varese Bruno Bonato AgrIcoltura 75 Italia
26-feb Teramo Gino Colleluori Agricoltore 74 Italia
03-gen Treviso Mauro De Conto Agricoltura 34 Italia
07-gen Campobasso Salvatore Pezzente Agricoltura 38 Italia
16-gen Ragusa Orazio Pirotta Agricoltura 72 Italia
19-gen Brindisi Santo Cavallo Agricoltura 62 Italia
17-feb Brescia Agricoltura 73 Italia
23-feb Gorizia Arturo Gallo Agricoltura 52 Italia
Posta un commento
RAI2 TG2 INSIEME - Carlo Soricelli nella trasmissione di Marzia Roncacci

Carlo Soricelli intervistato dalla trasmissione num3ri su Rai2


Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino scritta due giorni questa tragedia

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Anche tu, indipendentemente dal lavoro che svolgi corri seri pericoli

1) Da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna le morti per infortunio sul lavoro non sono mai calate se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL, istituto che monitora solo i propri assicurati

2) In base a questi presunti cali inesistenti e diffusi dalla stampa, dal potere politico e economico in Parlamento si sono fatte leggi per alleggerire le normative sulla sicurezza

3) Almeno un terzo dei morti sul lavoro sfuggono a qualsiasi statistica

4) In questi dieci anni sono morti per infortunio sul lavoro oltre 13.000 lavoratori se si prendono in considerazione tutti, comprensivi dei morti sulle strade e in itinere

5) Ogni anno oltre la metà dei morti sul lavoro sono sulle strade e in itinere (itinere significa mentre si va e si torna dal lavoro). La mancata conoscenza delle normative specifiche sull’itinere è spesso una trappola che impedisce il riconoscimento dell’infortunio, anche mortale e questo vale per tutti i lavoratori indipendentemente il lavoro che svolgono. Tutti si spostano da casa verso e al ritorno dal lavoro

6) Sui luoghi di lavoro in questi dieci anni sono morti oltre 7000 lavoratori (esclusi i morti sulle strade e in itinere)

7) Le donne muoiono relativamente poco sui luoghi di lavoro, ma tantissime perdono la vita in itinere. Sono dovute alla stanchezza per il doppio lavoro che svolgono tra casa e lavoro che ne riduce la prontezza dei riflessi

8) Oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni

9) La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni che non hanno più i riflessi pronti e buona salute per svolgere lavori pericolosi.

10) Il jobs act che ha abolito di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fa aumentare le morti sul lavoro per l’impossibilità di rifiutarsi di svolgere lavori pericolosi. Prova ne è che la stragrande maggioranza di chi muore per infortunio lavora in aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18, di rappresentanza sindacale e di un responsabile della Sicurezza. L’articolo 18 abolito dal jobs acts recitava che non si può licenziare senza Giusta Causa e Giustificato Motivo.

11) Moltissime sono le morti tra artigiani e partite iva individuali e in nero e grigio.

12) E’ l’agricoltura la categoria più a rischio: mediamente supera ogni anno il 30% delle morti sui luoghi di lavoro di tutte le categorie e tra gli agricoltori

13) Un morto si cinque sui luoghi di lavoro ogni anno è provocato dal trattore, ne sono morti in questi dieci anni almeno 1000 mentre guidavano questo mezzo, oltre 400 sono i morti accertati dall’Osservatorio provocati dal ribaltamento del trattore in questi ultimi tre anni.

14) L’edilizia ha mediamente il 20% di tutte le morti sui luoghi di lavoro. Le cadute dall’alto sono un’autentica piaga in questa categorie. In tanti muoiono lavorando in nero in edilizia e in aziende del subappalto.

15) In questi dieci anni non si è fatto niente per arginare questa piaga, il Parlamento ha ignorato le morti di tanti lavoratori e questo per il semplice fatto che il lavoro dipendente e gli artigiani non hanno nessuna rappresentanza di fatto nelle due Camere.

16) Se non vuoi morire lavorando occupati in prima persona della tua sicurezza personale e rifiutati di svolgere lavori pericolosi e denuncia chi ti obbliga a farlo, e se non ne hai la forza di opporti lascia una memoria scritta ai tuoi familiari che potranno un domani denunciare queste autentiche violenze.

Nessuno&scomparso

Ogni anno circa il 30-40% delle denunce delle morti sul lavoro pervenute all’INAIL non vengono riconosciute come tali. Molte altre morti per infortunio sulle strade e in itinere di lavoratori non assicurati a questo istituto non sono considerate da nessuno. Artigiani e tutti i lavoratori con partite iva individuali, agenti di commercio, molti agricoltori schiacciati dal trattore non dipendenti, poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, soldati, ecc. Lavoratori in nero. Lavoratori che non hanno neppure “l’onore” di essere considerati come tali, "morti sul lavoro". Vignette di "Nessuno&scomparso" nel sito http//metalmeccanico.blogspot.it

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei
http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei morti sul lavoro conosciuti in questi anni. Sono vasi di fiori dedicati e firmati col nome della vittima. Ci sono anche pagine dei loro cari che parlano del loro "fiore reciso". Consiglio a tutti di visitare il sito per leggere quello che scrivono i familiari delle vittime. per visitare il sito cliccare sull'immagine.