morti sul lavoro

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

L’unico sito che monitora in tempo reale i morti sul lavoro.

Aperto il 1° gennaio 2008 da Carlo Soricelli

3 luglio

Dall’inizio dell’anno sono morti 554 lavoratori, di questi 270 sui luoghi di lavoro (tutti i morti sul lavoro sono registrati da 13 anni in apposite tabelle excel con identità, luogo e data della tragedia, professione, età e nazionalità), a questi occorre aggiungere altri 358 lavoratori morti a causa del coronavirus, un conto ancora parziale che stiamo cercando di aggiornare), tra questi 168 medici, il 50% tra quelli di base, 46 infermieri e operatori sanitari, 105 parroci, 10 carabinieri, 3 giornalisti, poi 8 farmacisti, poliziotti/a, vigili del fuoco, operai, impiegati, cassiere, autotrasportatori, sindacalisti ecc. l’INAIL considera i propri assicurati morti a causa del coronavirus, come morti per infortuni sul lavoro, noi aggiungiamo anche gli altri che non lavorano nella Sanità, che svolgono altri lavori e che sono rimasti contagiati per il lavoro svolto) 270 con i morti sulle strade in itinere, sono già 66 gli agricoltori schiacciati dal trattore dal 1° gennaio: il più giovane aveva solo 13 anni il più anziano 90

Curatore Carlo Soricelli tecnico metalmeccanico in pensione e pittore sociale da 50 anni

Su Facebook

https://www.facebook.com/carlo.soricelli

https://www.facebook.com/osservatorioindipendente/

https://www.instagram.com/pittorepranico/channel/?hl=it

Aperto il 1° gennaio 2008 in memoria dei sette operai della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima

Qui sotto i MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO nelle Regioni e Province. Non sono contati i morti in itinere e sulle strade, tenete presente che i morti in itinere e sulle strade sono almeno altrettanti rispetto a quelli segnalati qui sotto nelle Regioni e Province. Ma noi preferiamo tenerli separati, perché richiedono altri interventi, che sono diversi da quelli delle morti sui Luoghi di Lavoro. Ma altri li conteggiano tutti insieme generando confusione tra chi vuole comprendere le reali dimensioni e qualità del fenomeno. NB nelle province e Regioni non ci sono i morti per infortuni provocati dal coronavirus

CAMPANIA 30 Napoli (11), Avellino (6), Benevento (3), Caserta (6), Salerno (4) SICILIA 28 Palermo (9), Agrigento (5), Caltanissetta (1), Catania (2), Enna (1), Messina (2), Ragusa (5), Siracusa (2), Trapani‎ (2) PIEMONTE 22 Torino (3), Alessandria (2), Asti (6), Biella (), Cuneo (6), Novara (1), Verbano-Cusio-Ossola (3) Vercelli (1) Lombardia 21 Milano (3), Bergamo (1), Brescia (3), Como (3), Cremona (1), Lecco (1), Lodi (3), Mantova (3), Monza Brianza (2), Pavia (), Sondrio (), Varese(1) EMILIA ROMAGNA 20 Bologna (3), Rimini (1). Ferrara (2) Forlì Cesena () Modena (5) Parma (2) Ravenna (2) Reggio Emilia (4) Piacenza (1) VENETO 18 Venezia (5), Belluno (1), Padova‎ (2), Rovigo (), Treviso (2), Verona (4), Vicenza (4). LAZIO 17 Roma (10), Viterbo (1) Frosinone (3) Latina (1) Rieti (1). ()TOSCANA 16 Firenze (3), Arezzo (2), Grosseto (3), Livorno (1), Lucca (2), Massa Carrara (2), Pisa‎ (1), Pistoia (1), Siena () Prato (1 PUGLIA 13 Bari (3), BAT (2), Brindisi (2), Foggia (4), Lecce (2) Taranto()) TRENTINO ALTO ADIGE 13 Trento (6) Bolzano (7) MARCHE 10 Ancona (2), Macerata (3), Fermo (), Pesaro-Urbino (1), Ascoli Piceno (2) Fermo () ABRUZZO 9 L'Aquila (2), Chieti (2), Pescara (2) Teramo (3) LIGURIA 7 Genova (3), Imperia (), La Spezia (2), Savona (2) CALABRIA 4 Catanzaro (1), Cosenza (1), Crotone (1) Reggio Calabria () Vibo Valentia () SARDEGNA 4 Cagliari (1), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (2), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (), Oristano (), Sassari (). Sulcis iglesiente UMBRIA 3 Perugia (2) Terni (1 FRIULI VENEZIA GIULIA 2 Pordenone (1) Trieste () Udine () Gorizia (1) BASILICATA 1 Potenza (1) Matera () Molise 2Campobasso (1), Isernia (1). VALLE D’AOSTA ()

Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "Morti Bianche"

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli

Santo Della Volpe con Carlo Soricelli
Santo Della Volpe con Carlo Soricelli. Abbiamo deciso di dedicare questo osservatorio indipendente anche al grande giornalista Santo Della Volpe scomparso da poco. Da quando è aperto, abbiamo constatato quanto ha fatto per far comprendere agli italiani le vere dimensioni delle tragedie degli infortuni sul lavoro, del dramma dei familiari che hanno perso così tragicamente un loro Caro, delle morti provocate dall’amianto e di tutte le problematiche del mondo del lavoro. Grazie Santo

Carlo Soricelli attività artistica

Carlo Soricelli brevi cenni biografici

Tecnico metalmeccanico in pensione. Ha aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008 pochi giorni dopo la tragedia della ThyssenKrupp di Torino, dopo aver visto che non era possibile trovare sul Web notizie in tempo reale sulle morti sul lavoro. Considera l’attività di volontario dell’Osservatorio come una naturale evoluzione della sua attività di artista

E’ pittore-scultore da oltre quarant’anni, Ha sempre creato opere a contenuto sociale.. Ha esposto con personali con Antonio Ligabue e Cesare Zavattini e ha all’attivo oltre settanta mostre, è presente con opere in diversi musei.

Ha creato per primo al mondo, da vent’anni la “pittura pranica”, la pittura che interagisce con l’osservatore e che “guarisce” numerose patologie, soprattutto dolorose. Ha creato il “Rifiutismo” corrente pittorica dove gli oggetti che l’uomo considera rifiuti assumono una dimensione senza tempo. Ha scritto sei libri.

Qui sotto i siti di Soricelli

Translate (traduci nella tua lingua)

domenica 2 ottobre 2011

IL RUOLO DEL WEB NEL MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI MORTALI DOVUTI AL RIBALTAMENTO DEI TRATTORI AGRICOLI

L'Osservatorio Indipendente di Bologna ringrazia il Dipartimento di Ingegneria Agraria, Università degli Studi di Milano per l'importantissimo contributo dato alla comprensione delle cause che determinano il ribaltamento del trattore che miete oltre cento vittime ogni anno. Un grazie anche per aver citato l'Osservatorio. carlo Soricelli IL RUOLO DEL WEB NEL MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI MORTALI DOVUTI AL RIBALTAMENTO DEI TRATTORI AGRICOLI D. Pessina, D. Facchinetti Dipartimento di Ingegneria Agraria, Università degli Studi di Milano SOMMARIO Anche se le statistiche ufficiali indicano un numero decisamente minore, tuttora si contano in Italia 120-140 incidenti mortali all’anno causati dal ribaltamento dei trattori agricoli. Ad un censimento il più possibile veritiero contribuisce efficacemente anche il web, poiché può capitare che un evento mortale sul lavoro non venga riportato dai media nazionali, ma è impossibile che non venga pubblicato su uno o più dei numerosissimi portali web locali (di Regioni, Comuni, TV locali, testate giornalistiche, siti di news, ecc.), nonché sui numerosi blog aperti un po’ dovunque. Sulla base delle informazioni ottenute in questo modo, la situazione è stata monitorata per un periodo di 3 anni e mezzo, valutando nel dettaglio le condizioni al contorno di 426 incidenti con esito mortale, classificandoli in base: al mese e giorno della settimana e la regione geografica di accadimento dell’incidente; l’età, il sesso e la nazionalità dei deceduti; la fase di lavoro svolta al momento del fatto; il tipo di trattore e di ROPS (quando presente) coinvolto nell’evento; le caratteristiche orografiche del terreno del sito dell’incidente. Gli aspetti salienti dell’analisi evidenziano che l’età media delle vittime è molto avanzata (ampiamente superiore ai 60 anni, anche se non mancano giovanissime vite stroncate), e purtroppo ancora una diffusa inadempienza (quasi il 60%) dell’obbligo del montaggio di un ROPS (Roll Over Protective Structure) e/o della connessa cintura di sicurezza del sedile. Occorre quindi intensificare ancor di più la già intensa opera di vigilanza e controllo (svolta in primis efficacemente dalle ASL), estendere l’obbligo di montaggio del ROPS su tutte le macchine a rischio ribaltamento che prevedano la presenza di uno o più operatori a bordo, e intervenire con precise diposizioni per attivare la revisione periodica dell’efficienza di tali mezzi. Parole chiave: ribaltamento, ROPS, web 1 PREMESSE Le statistiche ufficiali nazionali ed internazionali degli ultimi 40 anni evidenziano che la prima causa di infortunio mortale in agricoltura è il ribaltamento del trattore agricolo (70 % dei casi). D. Pessina, D. Facchinetti Già nel 2009 i media divulgavano la notizia che nei mesi di maggio e giugno gli incidenti mortali accaduti con il trattore agricolo fossero più numerosi di quelli avvenuti sull’intera rete autostradale. In quei due mesi erano stati registrati ben 60 incidenti gravi, con 46 morti e 20 feriti (fig. 1). Se si fosse fatto riferimento al rapporto km percorsi/veicolo, il trattore sarebbe stato considerato il mezzo di gran lunga più pericoloso poiché, data la sua bassa velocità, percorre molta meno strada delle automobili e degli autocarri. Peraltro, probabilmente anche il più corretto rapporto ore di lavoro/veicolo non vedrebbe la situazione modificarsi. Da sottolineare che la medesima notizia sopra citata è (ri)apparsa sui media molto di recente (metà del 2011), segno evidente che la situazione nel frattempo non è mutata. Fig. 1. Due eloquenti immagini di incidenti mortali per ribaltamento di trattori, sia in campo (a sinistra), che su strada pubblica (a destra). Con riferimento al periodo recente, l’INAIL riferisce di 25-30 decessi/anno causati da ribaltamento del trattore agricolo; fonti di indagini diverse forniscono però cifre nettamente superiori, addirittura di 4-5 volte. La notevole discrepanza è dovuta ai limiti entro i quali l’INAIL deve muoversi, dovendo per suo statuto procedere ad un’istruttoria ai fini dell’indennizzo in relazione ad un infortunio (con esito mortale o meno) soltanto per i cosiddetti “lavoratori professionali”, cioè coloro che svolgono attività agricola in modo prevalente, anche se è ampiamente noto che nell’ambito agricolo operano a titolo secondario moltissimi altri soggetti. Per poter avere un’esatta percezione del fenomeno, ufficialmente sottostimato in modo ragguardevole, risulta importante considerare altre soluzioni, anche (e soprattutto) per quanto riguarda il suo andamento nel tempo, al fine di poter valutare l’urgenza di attivare (o di rafforzare, se già in atto) le azioni atte a diminuirne progressivamente l’entità. Il principale rimedio, universalmente riconosciuto, per ridurre le conseguenze a carico del conducente in relazione al ribaltamento del trattore agricolo e forestale è quello di dotarlo di una struttura di protezione del posto di guida (ROPS, Roll Over Protective Structure), adeguatamente provata in relazione alla sua robustezza, sulla base di norme specifiche (emanate da UE, OCSE, ISO, SAE, ecc.), completata dal montaggio (e dall’uso!) di una cintura di sicurezza atta a trattenere il conducente solidale al posto di guida, in modo da poter essere convenientemente protetto dal ROPS in caso di ribaltamento. All’ottemperanza dell’obbligo di montaggio di un ROPS sui trattori agricoli e forestali contribuiscono fattivamente anche numerosi Enti e organismi deputati alla Il ruolo del web nel monitoraggio degli incidenti mortali dovuti al ribaltamento dei trattori agricoli sicurezza sul lavoro (INAIL, MiPAF, CNR, Università…) cui si unisce l’efficace azione di molte ASL dislocate sul territorio nazionale, grazie ai quali tale obbligo sembra essere ben conosciuto dalla gran maggioranza dei soggetti operanti a vario titolo nell’ambito agricolo, coltivatori e contoterzisti in primis. Un infortunio mortale sul lavoro, quale deve essere considerato un ribaltamento del trattore con uno (o più…) decessi, non passa inosservato e, anche nell’eventualità non ne venga fatto cenno dai media a livello nazionale, viene però di fatto sempre riportato almeno sui portali web locali (di Regioni, Comuni, TV locali, testate giornalistiche, siti di news, ecc.), nonché sui numerosi blog aperti un po’ dovunque. Tra i tanti, uno particolarmente pertinente in merito è consultabile al seguente indirizzo: http://cadutisullavoro.blogspot.com. 2 MATERIALI E METODO A partire dal GAS Forum (Global Agricultural Safety Forum), organizzato per la prima volta da ENAMA nel settembre 2008, è nata l’idea di monitorare l’andamento degli incidenti mortali dovuti a ribaltamento del trattore, esaminando sistematicamente moltissimi portali di news e informazione, ricavando il massimo dei dettagli per ogni evento, cercando poi di elaborare statistiche utili per un monitoraggio veritiero, efficace e tempestivo del fenomeno. Pur soffrendo sicuramente di alcuni limiti intrinseci, dato che: non può essere esaustivo, poiché le statistiche ricavate restituiscono sicuramente valori per difetto; non può essere sistematico, perché gli eventi resi noti riportano dettagli non totalmente congrui tra loro; può risentire di alcune imprecisioni di cronaca, tale metodo permette comunque di monitorare efficacemente il fenomeno con buona approssimazione, e soprattutto con la massima tempestività e un ridotto dispendio di energie. Sono stati quindi classificati tutti gli eventi mortali rilevati sul web in un arco di 3 anni e mezzo, tra Gennaio 2008 e Giugno 2011, classificandoli in relazione ad una serie di condizioni al contorno, quali: mese e giorno della settimana di accadimento dell’incidente; regione geografica di accadimento dell’incidente; età, sesso e nazionalità del (o dei) deceduti; fase di lavoro svolta al momento dell’incidente; tipo di trattore coinvolto nell’incidente; tipo di ROPS coinvolto nell’incidente; caratteristiche del terreno del sito dell’incidente. In generale, sono stati indagati 426 eventi, con una media di 122 vittime/anno. Si tratta di un numero globale decisamente preoccupante, sia perché si conferma nettamente superiore a quello ufficiale, sia perché anziché in diminuzione, l’andamento nel tempo sembra essere addirittura in aumento. 3 RISULTATI E DISCUSSIONE 3.1 Mese e giorno della settimana di accadimento. C’è una logica coincidenza tra il periodo di massima attività (da aprile ad agosto) e la frequenza degli incidenti mortali; in particolare, maggio e luglio risultano essere i mesi più “funesti” (fig. 2), in considerazione della massima mole di lavorazioni svolte nei campi e nelle coltivazioni specializzate. Addirittura, nella prima parte del 2011 il trend sembra drasticamente aumentato rispetto agli anni immediatamente precedenti, nonostante la crescente applicazione delle linee guida INAIL (ex-ISPESL) sull’adeguamento dei trattori usati con un ROPS e la cintura di sicurezza addominale a due punti di attacco. D. Pessina, D. Facchinetti Fig. 2 – A sinistra: media (nel triennio 2008-2010) degli incidenti mortali dovuti a ribaltamento del trattore agricolo in relazione al mese di accadimento. A destra: situazione disaggregata per singolo anno nel periodo 2008-primo semestre 2011. Il giorno di più frequente accadimento degli eventi mortali sembra essere il martedì (con circa 70 decessi totali), anche se in realtà non si rileva una predominanza netta; piuttosto, non si registra un drastico calo nel week-end (circa 60 incidenti mortali il Sabato e 55 la Domenica), come invece ovviamente avviene in tutti gli altri comparti produttivi. Ciò a ulteriore dimostrazione, semmai ce ne fosse ancora bisogno, che nel periodo di massima attività per gli agricoltori (e specie nelle aziende a conduzione famigliare) non esiste il riposo del fine settimana, anche perché il part-time è molto diffuso e chi è normalmente impiegato in altre mansioni svolge i lavori agricoli proprio e solo nel fine settimana. Ciò costituisce una doppia aggravante, perché gli agricoltori non professionali si infortunano (e muoiono) proprio nel week-end e soprattutto perché l’infortunio può essere favorito a causa di uno stato di pesante stress fisico e mentale, accumulato durante la settimana lavorativa. 3.2 Distribuzione regionale. Il dato non è stato pesato in relazione al numero di macchine operanti, e nemmeno in base alle ore di lavoro effettivamente svolte. Pertanto l’analisi può offrire soltanto numeri assoluti, che potrebbero logicamente apparire fuorvianti. Le regioni dove l’attività agricola è molto diffusa e varia risultano logicamente essere le più colpite (Emilia Romagna, Veneto); anche il territorio particolarmente accidentato, specie con vaste superfici di terreno coltivato in pendenza, sembra essere logicamente una causa aggravante (Trentino Alto Adige, Toscana, Lazio, Abruzzo); inoltre una delle ragioni di un elevato numero di incidenti mortali potrebbe anche risiedere nella accentuata vetustà del parco trattori (Campania, Sicilia, Calabria). Non mancano però realtà positive, sia al Nord (Lombardia, Friuli Venezia Giulia) che al Sud (Puglia, Basilicata, Sardegna, fig. 3). 3.3 Età, sesso e nazionalità delle vittime. L’insieme degli eventi mortali rivela che l’età media delle vittime è alquanto elevata, di quasi 66 anni. Con l’avanzare dell’età aumenta purtroppo in modo più che proporzionale il numero dei decessi; è infatti molto preoccupante che gli ultra-settantenni paghino il tributo più pesante (28 % degli incidenti mortali) e che addirittura compaiano tra le vittime individui ultra-novantenni (il più anziano aveva 92 anni), oltreché in tenerissima età (il più giovane, ovviamente trasportato, aveva solo 2 anni, fig. 4). Oltre alle ovvie considerazioni relative alle condizioni fisico-psichiche dei soggetti coinvolti, ci si trova o dover constatare che l’invecchiamento degli occupati in agricoltura, e che ancora conducono macchine pericolose (in situazioni spesso precarie) ha raggiunto livelli probabilmente insostenibili. Il ruolo del web nel monitoraggio degli incidenti mortali dovuti al ribaltamento dei trattori agricoli La quasi totalità dei deceduti sono uomini; si conta però purtroppo anche qualche donna (7 casi su 426 corrispondenti all’1,6%) e addirittura rattrista in modo profondo che nella mesta classifica debba essere riconosciuto anche qualche minorenne. Inoltre, nella categoria “under 21” è sicuramente incluso qualche giovane più o meno “neopatentato”, e quindi forzatamente carente di esperienza nell’affrontare situazioni precarie e pericolose, specie in situazioni di traffico. Fa impressione infine dover contare anche qualche giovanissima vittima, compresa nella categoria “under 14”: si tratta senza dubbio di qualche bimbo/a o ragazzino/a che viaggiava sul trattore con un adulto (presumibilmente il padre o un parente). Fig. 3 - Distribuzione regionale (non pesata in relazione alle macchine operanti, né rispetto alle ore lavorate) degli incidenti mortali dovuti a ribaltamento del trattore agricolo nel periodo 2008- primo semestre 2011. Quasi tutti i deceduti erano di nazionalità italiana (95%), anche se non mancano gli stranieri, provenienti dei Paesi che notoriamente forniscono un contributo significativo alla forza lavoro particolarmente attiva in agricoltura nel nostro Paese, soprattutto di nazionalità rumena (2,3%) e tunisina (0,5%). Per questi extracomunitari si pone anche il problema (a volte non indifferente) della lingua e del livello di comprensibilità delle istruzioni necessarie per condurre macchine complesse dal punto di vista tecnico. 3.4 Tipologia di lavorazione e del ROPS istallato (quando presente). Anche se la maggior parte degli eventi mortali accade tipicamente in lavorazioni di campo, il 31% degli incidenti per i quali era nota tale circostanza è accaduto in fase di trasferimento, presumibilmente anche su strade aperte al traffico. Ciò dimostra che il trasporto può essere un’operazione pericolosa, specie quando è effettuato a velocità elevata, con traini gravosi e/o su forti pendenze. Il dato relativo alla tipologia delle strutture di protezione installate si basa su di una ridotta percentuale di casi noti (28% del campione totale), ma in generale è significativo come in più della metà dei casi il trattore fosse del tutto privo di ROPS, e che in un altro 20% abbondante fosse presente un telaio a 2 montanti anteriore abbattibile, che però al momento dell’incidente era in posizione reclinata, vanificando quindi completamente ogni protezione (fig. 5). D. Pessina, D. Facchinetti Questo dimostra purtroppo che in più del 75% dei casi dove sia stato possibile accertare la presenza o meno del ROPS (e la sua efficienza) al momento del ribaltamento l’operatore non era minimamente protetto. Seppur il campione, come accennato, non è da ritenersi significativo, ciò costituisce comunque un forte campanello d’allarme. Fig. 4 - Distribuzione in classi d’età delle vittime di incidenti mortali dovuti a ribaltamento del trattore agricolo nel periodo 2008-primo semestre 2011. Fig. 5 - Tipologia di struttura di protezione (quando presente) sui trattori agricoli coinvolti in incidenti mortali da ribaltamento nel periodo 2008-primo semestre 2011. Per quanto riguarda le condizioni orografiche, sulla base di un buon numero di casi accertati gli incidenti avvenuti su terreno in pendenza sono risultati quasi 8 volte più numerosi di quelli accaduti in piano. La stabilità precaria della motrice e dell’eventuale attrezzo collegato si rivela quindi un fattore estremamente importante nel determinare condizioni di pericolosità dal punto di vista dei ribaltamenti. 4 CONCLUSIONI Nonostante si tratti di un periodo di monitoraggio assolutamente breve (3 anni e mezzo), l’andamento degli incidenti mortali dovuti a ribaltamento del trattore non si rivela positivo, sia in termini assoluti che soprattutto come andamento. A fronte di un dato (ufficiale) di circa 200 eventi mortali all’anno a metà degli anni ’70, oggi si contano ancora più di 120-140 decessi/anno rilevati dal web, mentre il loro numero reale non può che essere più alto, nonostante tutti gli intensi e prolungati sforzi degli Enti e Organismi preposti alla sicurezza del lavoro in agricoltura. Il ruolo del web nel monitoraggio degli incidenti mortali dovuti al ribaltamento d

Nessun commento:

Posta un commento

RAI2 TG2 INSIEME - Carlo Soricelli nella trasmissione di Marzia Roncacci

Carlo Soricelli intervistato dalla trasmissione num3ri su Rai2


Una poesia in memoria dei sette lavoratori della Thyssenkrupp
morti nel 2007 a Torino scritta due giorni questa tragedia

Il cuore rimasto in Fabbrica
anche adesso che ho raggiunto la pensione
Sognavamo il cielo ma da decenni è sempre più lontano
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
La classe operaia non è più centrale
e il paradiso è diventato inferno
di fiamme di fuoco e d'olio bruciato
di operai sfiniti che fanno notizia solo quando diventano torce umane
Operai sfruttati come non è successo mai
Il silenzio e la solitudine circondano la mia Fabbrica
e tutte le fabbriche d'Italia
Anche il nostro bravo Presidente
urla instancabile le morti sul lavoro
ma anche le sue sono urla impotenti
Addio Compagni di fatica, di sogni e d'ideali
Bagnati dalle nostre lacrime riposate in pace.

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Le verità scomode sulle morti per infortunio sul lavoro

Anche tu, indipendentemente dal lavoro che svolgi corri seri pericoli

1) Da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna le morti per infortunio sul lavoro non sono mai calate se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL, istituto che monitora solo i propri assicurati

2) In base a questi presunti cali inesistenti e diffusi dalla stampa, dal potere politico e economico in Parlamento si sono fatte leggi per alleggerire le normative sulla sicurezza

3) Almeno un terzo dei morti sul lavoro sfuggono a qualsiasi statistica

4) In questi dieci anni sono morti per infortunio sul lavoro oltre 13.000 lavoratori se si prendono in considerazione tutti, comprensivi dei morti sulle strade e in itinere

5) Ogni anno oltre la metà dei morti sul lavoro sono sulle strade e in itinere (itinere significa mentre si va e si torna dal lavoro). La mancata conoscenza delle normative specifiche sull’itinere è spesso una trappola che impedisce il riconoscimento dell’infortunio, anche mortale e questo vale per tutti i lavoratori indipendentemente il lavoro che svolgono. Tutti si spostano da casa verso e al ritorno dal lavoro

6) Sui luoghi di lavoro in questi dieci anni sono morti oltre 7000 lavoratori (esclusi i morti sulle strade e in itinere)

7) Le donne muoiono relativamente poco sui luoghi di lavoro, ma tantissime perdono la vita in itinere. Sono dovute alla stanchezza per il doppio lavoro che svolgono tra casa e lavoro che ne riduce la prontezza dei riflessi

8) Oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni

9) La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni che non hanno più i riflessi pronti e buona salute per svolgere lavori pericolosi.

10) Il jobs act che ha abolito di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fa aumentare le morti sul lavoro per l’impossibilità di rifiutarsi di svolgere lavori pericolosi. Prova ne è che la stragrande maggioranza di chi muore per infortunio lavora in aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18, di rappresentanza sindacale e di un responsabile della Sicurezza. L’articolo 18 abolito dal jobs acts recitava che non si può licenziare senza Giusta Causa e Giustificato Motivo.

11) Moltissime sono le morti tra artigiani e partite iva individuali e in nero e grigio.

12) E’ l’agricoltura la categoria più a rischio: mediamente supera ogni anno il 30% delle morti sui luoghi di lavoro di tutte le categorie e tra gli agricoltori

13) Un morto si cinque sui luoghi di lavoro ogni anno è provocato dal trattore, ne sono morti in questi dieci anni almeno 1000 mentre guidavano questo mezzo, oltre 400 sono i morti accertati dall’Osservatorio provocati dal ribaltamento del trattore in questi ultimi tre anni.

14) L’edilizia ha mediamente il 20% di tutte le morti sui luoghi di lavoro. Le cadute dall’alto sono un’autentica piaga in questa categorie. In tanti muoiono lavorando in nero in edilizia e in aziende del subappalto.

15) In questi dieci anni non si è fatto niente per arginare questa piaga, il Parlamento ha ignorato le morti di tanti lavoratori e questo per il semplice fatto che il lavoro dipendente e gli artigiani non hanno nessuna rappresentanza di fatto nelle due Camere.

16) Se non vuoi morire lavorando occupati in prima persona della tua sicurezza personale e rifiutati di svolgere lavori pericolosi e denuncia chi ti obbliga a farlo, e se non ne hai la forza di opporti lascia una memoria scritta ai tuoi familiari che potranno un domani denunciare queste autentiche violenze.

Nessuno&scomparso

Ogni anno circa il 30-40% delle denunce delle morti sul lavoro pervenute all’INAIL non vengono riconosciute come tali. Molte altre morti per infortunio sulle strade e in itinere di lavoratori non assicurati a questo istituto non sono considerate da nessuno. Artigiani e tutti i lavoratori con partite iva individuali, agenti di commercio, molti agricoltori schiacciati dal trattore non dipendenti, poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, soldati, ecc. Lavoratori in nero. Lavoratori che non hanno neppure “l’onore” di essere considerati come tali, "morti sul lavoro". Vignette di "Nessuno&scomparso" nel sito http//metalmeccanico.blogspot.it

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei

http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei
http://omaggioaimortiusullavoro.blogspot.it/ "FIORI RECISI" Questo blog è dedicato ai familiari dei morti sul lavoro conosciuti in questi anni. Sono vasi di fiori dedicati e firmati col nome della vittima. Ci sono anche pagine dei loro cari che parlano del loro "fiore reciso". Consiglio a tutti di visitare il sito per leggere quello che scrivono i familiari delle vittime. per visitare il sito cliccare sull'immagine.