Osservatorio Indipendente di Bologna morti per infortuni sul lavoro

Immagine d'apertura: Icona proletaria 1980.



MORTI SUL LAVORO IN ITALIA NEL 2014.

18 aprile

Sono 160 i morti per infortuni sui luoghi di lavoro dall'inizio dell'anno +20,3% rispetto allo stesso giorno del 2013. Se si aggiungono i "diversamente assicurati" che non appaiono mai nelle statistiche delle morti sul lavoro, tra questi i morti sulle strade, in itinere e di categorie con assicurazioni proprie, diverse dall'INAIL, pensiamo si superano complessivamente i 330 morti (stima minima), ma per molte ragioni è impossibile avere un numero certo di vittime, soprattutto di lavoratori con Partita IVA individuale che muoiono sulle strade e che sono classificati come "morti per incidenti stradali", mentre invece stanno lavorando o sono in itinere. Ma le morti sui luoghi di lavoro che segnaliamo sono tutte documentate.

A guidare questa triste classifica è il Piemonte con 17 morti sui luoghi di lavoro, seguono Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna con 14 morti. Veneto e Sicilia 13 morti. Puglia 11, Toscana 10 morti. Trentino Alto Adige 8, 7 sono della provincia di Bolzano. Marche e Campania 6 morti. Umbria 5 morti. Friuli Venezia Giulia e Abruzzo e Liguria 4 morti. Calabria 3 morti. Sardegna 2 morti. Molise 1 morto. Non sono segnalati a carico delle province le morti di autotrasportatori sulle autostrade.

Dal 9 marzo aspettiamo gli interventi del Primo Ministro Renzi e dei Ministri Poletti e Martina per occuparsi almeno dei morti in agricoltura provocati dal trattore. L'Osservatorio aveva segnalato con una mail alle loro segreterie l'imminente strage. Come tutti gli anni con l’arrivo del bel tempo ricomincia la carneficina di agricoltori. Non ci risultano interventi mirati da parte di nessuna istituzione contro le "morti verdi". Aspettiamo dal Primo Ministro Renzi, dai Ministri del Lavoro Poletti e delle Politiche Agricole Martina, d'intervenire immediatamente per far cessare questa strage dovuta all'indifferenza. Non abbiamo ottenuto nessuna risposta. Da quell'appello del 9 marzo sono morti 31 agricoltori schiacciati dal trattore e 41 dall'inizio dell'anno. Segnaliamo ai visitatori che in questo momento gli agricoltori schiacciati dal trattore nel 2014 sono il 27% di tutte le morti sul lavoro.

GLI AGRICOLTORI SCHIACCIATI DAL TRATTORE SONO IL 25% DI TUTTE LE MORTI SUL LAVORO

GLI AGRICOLTORI SCHIACCIATI DAL TRATTORE  SONO IL 25% DI TUTTE LE MORTI SUL LAVORO
Il Dott. Luca Visconti Psicoterapeuta offre consulenza gratuita e riservata ai familiari delle vittime, anche alle vittime di infortuni gravi e invalidanti. Per contatti luca.visconti@htmail.com

La morte accompagna tutti i giorni i lavoratori che vanno a lavorare in vecchi capannoni

LA MORTE ACCOMPAGNA TUTTI I GIORNI OPERAI E IMPIEGATI QUANDO ENTRANO NELLE VECCHIE FABBRICHE CHE NON RISPETTANO LE NORMATIVE ANTISISMICHE DEL 2005

Dopo il terremoto in Emilia risulta evidente che milioni di lavoratori rischiano di rimanere uccisi sotto capannoni obsoleti costruiti prima delle normative antisismiche del 2005. Fabbriche che possono venire giù come castelli di sabbia in caso di nuovi terremoti. Si sta facendo qualcosa per mettere in sicurezza questi luoghi di lavoro? E lo Stato che misure sta mettendo in campo per farli rendere conformi? Io credo che tutto stia finendo nel dimenticatoio. Se forti scosse capiteranno durante il giorno e non di notte come nel terremoto in Emilia, ci sarà una strage di lavoratori che sotto i tetti di quelle fabbriche ci lavorano

Translate (traduci nella tua lingua)

Flavio Insinna recita la poesia "morti bianche" su radio 2

Flavio Insinna recita la poesia di Carlo Soricelli "morti bianche" su radio 2

Morti bianche


Chiamatele pure morti bianche.
Ma non è il bianco dell’innocenza
non è il bianco della purezza
non è il bianco candido di una nevicata in montagna
E’il bianco di un lenzuolo, di mille lenzuoli
che ogni anno coprono sguardi fissi nel vuoto
occhi spalancati dal terrore
dalla consapevolezza che la vita sta scappando via.
Un attimo eterno che toglie ogni speranza
l’attimo di una caduta da diversi metri
dell’esalazione che toglie l’aria nei polmoni
del trattore senza protezioni che sta schiacciando
dell’impatto sulla strada verso il lavoro
del frastuono dell’esplosione che lacera la carne
di una scarica elettrica che paralizza il cuore.
E’ un bianco che copre le nostre coscienze
e il corpo martoriato di un lavoratore
E’ il bianco di un tramonto livido e nebbioso
di una vita che si spegne lontana dagli affetti
di lacrime e disperazione per chi rimane.
Anche quest’anno oltre mille morti
vite coperte da un lenzuolo bianco.
Bianco ipocrita che copre sangue rosso
e il nero sporco di una democrazia per pochi.
Vite perse per pochi euro al mese
da chi è spesso solo moderno schiavo.
Carlo Soricelli


L'Osservatorio Indipendente di Bologna è su Facebook

Osservatorio indipendente di Bologna Facebook

Diventa amico, clicca "mi piace" dai il tuo contributo per far comprendere l'entità del triste fenomeno e fallo conoscere ai tuoi amici. Segnala l'Osservatorio indipendente di Bologna sulla tua pagina di Facebook

http://www.facebook.com/osservatorioindipendente?v=wall

Twitter

https://twitter.com/@pittorecarlosor

Carlo Soricelli facebook

http://www.facebook.com/profile.php?id=1122566828


Carlo Soricelli brevi cenni biografici

Tecnico metalmeccanico in pensione

Ha aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008 pochi giorni dopo la tragedia della ThyssenKrupp di Torino, dopo aver visto che non era possibile trovare sul Web notizie in tempo reale sulle morti sul lavoro. Considera l’attività di volontario dell’Osservatorio come una naturale evoluzione della sua attività di artista

E’ pittore-scultore da oltre quaranta anni

Ha sempre creato opere a contenuto sociale

Ha esposto con personali con Antonio Ligabue e Cesare Zavattini e ha all’attivo oltre settanta mostre, è presente con opere in diversi musei.

Ha creato per primo al mondo, da vent’anni la “pittura pranica”, la pittura che interagisce con l’osservatore e che “guarisce” numerose patologie, soprattutto dolorose.

Ha scritto sei libri

Siti di Soricelli

giovedì 14 ottobre 2010

E' morto un edile di 39 anni in un cantiere di Roma

13 ottobre Roma E’ morto un operaio italiano in un cantiere edile di Roma, investito da un macchinariol’operaio di 39 anni, stava lavorando in un cantiere alla periferia di Roma , quando, per cause ancora in corso di accertamento è stato investito da una pompa per il cemento, morendo sul colpo. Sul posto sono in corso le indagini dei carabinieri.

Nessun commento: